Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore || Felicità, la negazione del dolore || Il Dolore nell’Insegnamento iniziatico || Legge di Risposta Espansiva e Legge del Quattro Inferiore || Del senso pratico della Massoneria || Il risveglio dei centri || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /2.5 || Della qualità del consiglio || Avere coscienza di cosa si vuole |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: News da Esonet.com ::

:: ThePlanetarySystem ::

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


 
Sull'Iniziazione: Cosa vuoi diventare?
Argomento:Domande e Risposte

Domande e RisposteCome dopo l'inverno c è la primavera, così dopo la morte c è la vita. È un ciclo continuo che durerà all'infinito! La fine sarà uguale all'inizio, perchè non esiste fine e non esiste inizio, non c è il primo non c è l'ultimo, il futuro giungerà nel passato...

Documento senza titolo

Cosa vuoi diventare?

di Athos A. Altomonte

© copyright by Esonet.it


D: Come dopo l'inverno c è la primavera, così dopo la morte c è la vita. È un ciclo continuo che durerà all'infinito! La fine sarà uguale all'inizio, perchè non esiste fine e non esiste inizio, non c è il primo non c è l'ultimo, il futuro giungerà nel passato...

 

R: Caro amico, non vedo nulla di strano in quello che scrivi. In molti scritti ho affrontato il tema dei cicli, delle cadenze e dei ritmi a cui è sottoposta la Natura in generale e la natura individuale dell'uomo ed il suo karma o destino in particolare.

Quindi, nei tuoi pensieri non vedo nulla di drammatico che possa giustificare tanta ansia.

Dici che vuoi essere iniziato? A cosa vuoi essere iniziato. Come e da chi? Risponditi e poi riformula la domanda. Ma prima pensa chi sei, che cosa vuoi.

Solo allora puoi pensare cosa vorresti diventare, e una volta deciso fallo fino in fondo.

Ma prima di tentare di realizzare il Modello iniziatico prescelto devi saperlo riconoscere. E non è detto che nella propria “ingenua ignoranza” si riesca a riconoscere subito quello giusto e non lo si confonda, invece, con uno dei tanti “tarocchi” messi in commercio da Gatti&Volpi (tutti verosimili) che pullulano il sottobosco dell'esoterismo.

Perciò bisogna stare attenti a quello che ci viene offerto, magari col sorriso sulle labbra (ricorda, gli ipocriti sorridono sempre). Che non sia un sogno o peggio una qualche trappola.

Il riconoscimento è difficile ma dal riconoscimento dipende la Via che si sceglie; e Dante ha detto che il sentiero che conduce all'inferno è lastricato di buone intenzioni.

Allora, come il poeta ha illustrato, serve una guida sicura, che riconosca il modello (interiore) che ci abbisogna e ce lo indichi. Se poi la guida è anche un Istruttore, può aiutarci a raggiungerlo spiegandoci il come ed il quanto.

Ma un Istruttore va ripagato offrendogli tutta la nostra buona volontà e disciplina, senza condizioni, altrimenti il rapporto non funziona.

Ti domandi se sono un Iniziato, il fatto non mi sembra determinante, perché quello che conta è che non lo sei tu, e dovresti concentrarti a diventarlo.

Fraternamente

 

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, è un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarà autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non è responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.15 Secondi