Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore || Felicità, la negazione del dolore || Il Dolore nell’Insegnamento iniziatico || Legge di Risposta Espansiva e Legge del Quattro Inferiore || Del senso pratico della Massoneria || Il risveglio dei centri || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /2.5 || Della qualità del consiglio || Avere coscienza di cosa si vuole |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: News da Esonet.com ::

:: ThePlanetarySystem ::

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


 
Studi sul mito: L’iniziazione ai culti femminili nei Misteri del mondo antico /3
Argomento:Letture d'Esoterismo

Letture d'EsoterismoAbbiamo parlato in effetti più di ciò che accadeva nei Grandi Misteri e trascurato i Piccoli Misteri, limitandoci a dire che probabilmente gli iniziati dovevano sostenere quattro prove legate agli elementi. Uno spiraglio di luce ci viene offerto dalla bellissima storia di Amore e Psiche, contenuta nell’Asino d’oro di Apuleio.

Documento senza titolo

L’iniziazione ai culti femminili nei Misteri del mondo antico /3

di Alessandro Orlandi

prodotto per Esonet.it

 

Abbiamo parlato in effetti più di ciò che accadeva nei Grandi Misteri e trascurato i Piccoli Misteri, limitandoci a dire che probabilmente gli iniziati dovevano sostenere quattro prove legate agli elementi. Uno spiraglio di luce ci viene offerto dalla bellissima storia di Amore e Psiche, contenuta nell’Asino d’oro di Apuleio. Il libro racconta la trasformazione dell’io narrante in asino e le sue peripezie, prima di recuperare la forma umana grazie all’intercessione della dea Iside. È molto probabile che la storia di Eros e Psiche adombri proprio una iniziazione ai piccoli misteri.

Il Mito di Eros e Psiche

Venere, invidiosa della bellezza della mortale Psiche, invia suo figlio Eros con il compito di far innamorare la fanciulla di un uomo di umili origini. Nel frattempo il padre di Psiche, preoccupato perché sua figlia non trova marito malgrado la sua bellezza, interroga l’oracolo di Apollo, il quale vaticina che la ragazza dovrà sposare un essere che non ha origini umane, “un mostro crudele e feroce con volto di serpe”, dopo averla esposta sulla cima di un monte. Eros la vede e se ne innamora mentre Psiche è addormentata. Quando Psiche si risveglia, si trova sulla soglia di un palazzo fiabesco e si aggira per le stanze sontuose dialogando con una voce incorporea. Eros accetta di sposare la fanciulla a patto che lei non contempli mai il volto di lui e che si uniscano solo durante la notte. Le nozze vengono celebrate ma le sorelle invidiose di Psiche instillano in lei il sospetto che Eros sia un mostro orrendo. Psiche, che nel frattempo è rimasta incinta, contempla il bellissimo volto di Eros alla luce di una candela. Emozionata, lascia cadere una goccia di cera su Eros, che si sveglia.

Subito rimprovera Psiche per aver tradito il patto e poi svanisce. Psiche, folle di amore, lo cerca per tutta la terra (mentre contemplava Eros si era anche ferita con la punta di una delle implacabili frecce della faretra del dio…). Dopo questi fatti le sorelle invidiose moriranno, uccise dalla loro stessa brama. Nel frattempo, grazie alla sua serva Abitudine, Venere trova Psiche e la maltratta, quindi le mette davanti un mucchio di semi di papavero, ceci, lenticchie e fave e le chiede di separarli. Psiche porta a termine questa prima prova grazie all’aiuto soccorrevole delle formiche. [Terra, facoltà analitiche, saper dare a ogni cosa il suo valore, saper distinguere, scegliere e discriminare]

La seconda prova consiste nel recarsi presso un gregge di pecore dalla lana d’oro purissimo, riportando a Venere una quantità consistente di quella lana. Prima che sia troppo tardi una canna palustre spiega a Psiche che, finché il sole è alto nel cielo, le pecore incornano e mordono con ferocia, instillando un veleno mortale in chiunque si avvicini loro. Occorre, prosegue la canna, attendere che il sole superi il mezzogiorno e poi le pecore diverranno mansuete e la lana potrà essere racolta senza pericolo. Psiche segue il consiglio della canna e raccoglie poi i boccoli di lana d’oro rimasti impigliati nella vegetazione della boscaglia. [Acqua, flessibilità, saper attendere scegliendo il momento adatto, dopo un percorso di maturazione, cioè dopo il mezzogiorno, lasciare che le cose “si compiano” da sole - la lana che resta attaccata ai rami. ]

Nella terza prova Venere conduce Psiche sulla cima di una montagna, le mostra un fiume impetuoso che scorre in una valle inaccessibile custodita da draghi feroci e le dà un’ampolla: la fanciulla dovrà attingere l’acqua del fiume, un affluente dello Stige, la palude degli inferi. La stessa acqua di quel fiume grida e si oppone a chiunque voglia attingerla.

Psiche viene aiutata da un’aquila [aria, capacità di visione, cultura sviluppo delle facoltà superiori, saper attingere alla propria “acqua interiore” superando l’abisso che ci separa da quella sorgente]

Infine l’ultima prova: Venere dà a Psiche un barattolo, una pisside, e le chiede di portarla nell’oltretomba, a Proserpina/Persefone, per farsi dare da lei un poco della bellezza eterna. Le ordina tassativamente di non aprire la scatola e di riportargliela indietro. Sopraffatta da quel compito impossibile e non sapendo come raggiungere l’Averno, Psiche sta per gettarsi giù a capofitto da un’alta torre ed uccidersi quando proprio la torre su cui è salita decide di aiutarla. Le spiega la strada per raggiungere l’entrata degli inferi e le dà alcuni buoni consigli: Psiche dovrà portare con se due monete e due focacce impastate col miele. Incontrerà sulla sua strada un asinaio zoppo con un asino zoppo, e l’asinaio le chiederà di aiutarlo a raccogliere la legna che gli è caduta in terra. Psiche dovrà tirare dritto senza ascoltarlo. Quindi dovrà farsi traghettare lungo il lago sotterraneo che conduce al regno di Ade pagando Caronte con una moneta che questi raccoglierà dalla bocca di Psiche. Non dovrà dare ascolto né a un vecchio morto che tornerà a galla nel lago per chiedere di essere traghettato, né alle tessitrici che chiederanno il suo aiuto. La legge divina vieta a Psiche di toccare la loro opera e di interferire [dice la Torre: “laggiù la pietà ti è interdetta dalle leggi: Tutti questi sono tranelli di Venere”].

Soddisferà il feroce cane Cerbero, che sta a guardia degli inferi, con una delle focacce. Una volta giunta agli inferi, Persefone le offrirà un pasto sostanzioso, ma Psiche dovrà chiedere un tozzo di pane secco e mangiare solo quello. Ripresa la scatola con il suo prezioso contenuto potrà tornare indietro dando a Cerbero e a Caronte l’altra focaccia e l’altra moneta. “Ma soprattutto” – si raccomanda la Torre - “non aprire mai la scatola!”. Ma Psiche, che vuole riconquistare Eros ed essere ancora più bella apre la scatola e un sonno infero la assale. La risveglierà Eros per condurla con lui in cielo. [fuoco: saper vedere la vera funzione di ogni cosa, il suo motivo d’essere, la trama dietro le apparenze. Non auto commiserarsi, essere spietati con se stessi e quindi non proiettare all’esterno le proprie parti deboli e malate]

Nell’infrangere il primo divieto Psiche è spinta dagli squilibri dell’anima (invidia, brama, gelosia, le sorelle malvage) a contemplare il volto di Amore. È ciò che fanno normalmente i riduzionisti quando cercano disperatamente di razionalizzare ciò che è irriducibile alla ragione. Dopo una purificazione (morte delle sorelle, parti impure dell’anima), Psiche affronta la prova dei 4 elementi e la supera. Infrange quindi anche il secondo divieto, mentre reca in mano quella stessa scatola che quasi tutte le Kore del museo archeologico di Atene portano in dote a Persefone… Paradossalmente è proprio infrangendo il secondo divieto, aprendo la scatola destinata a Venere e addormentandosi quindi nel sonno della morte che Psiche riesce a riunirsi ad Eros e ad ascendere al cielo con lui.

 

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, è un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarà autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non è responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.20 Secondi