Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Equilibramento e sintesi degli opposti || Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore || Felicità, la negazione del dolore || Il Dolore nell’Insegnamento iniziatico || Legge di Risposta Espansiva e Legge del Quattro Inferiore || Del senso pratico della Massoneria || Il risveglio dei centri || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /2.5 || Della qualità del consiglio |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: News da Esonet.com ::

:: ThePlanetarySystem ::

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


 
Uso dei Linguaggi: La Torre di Babele dei linguaggi
Argomento:Domande e Risposte

Domande e RisposteLe vie, com'è noto, sono infinite. Tante quante sono le interpretazioni della mente ed i suoi linguaggi.
Tutte possono essere utili, ma solo alcune sono davvero reali. Perciò bisogna saper riconoscere il reale dalle sue immagini. E non basta un'attrazione o una simpatia perché il riflesso diventi realtà.

Documento senza titolo

La Torre di Babele dei linguaggi

di Athos A. Altomonte

© copyright by Esonet.it

 

D: […] Tornare per quella via oggi mi spaventa e nel contempo ne sento la necessità, la mia parte  razionale frena, il cuore spinge. Forse la spiegazione dell'Arcano è proprio questa, bisogna che i due diventino uno.
Ecco il mio bussare alla porta del  Tempio, in esso spero di trovare il giusto solvente che coaguli i due ed assaggiare di nuovo i frutti del Giardino. Ma Iside, è sempre più bella e affascinante con quella sua luce pallida ammantata di mistero, essa ti avvolge nel suo mantello e tu ti lasci cullare fra le sue braccia […].

 

R: Il Matto dei tarocchi è colui che va controcorrente, non cerca tutte le Vie, egli è già sulla Via che vuole percorrere

Le vie, com'è noto, sono infinite. Tante quante sono le interpretazioni della mente ed i suoi linguaggi.

Tutte possono essere utili, ma solo alcune sono davvero reali. Perciò bisogna saper riconoscere il reale dalle sue immagini. E non basta un'attrazione o una simpatia perché il riflesso diventi realtà.

La via iniziatica è una, ma tanti sono i riflessi figliati. Ritrovare la sintesi, dunque, è lo scopo del ricercatore. Evitando ogni surrogato che non comporti risultati concreti e valutabili in un lasso di tempo limitato e circoscritto.

Ma affrontiamo anche l'argomento formale, della massima importanza, perché senza risolvere questo non è pensabile poter riconoscere il sentiero sintetico.

Anche M.D.P. usa spesso la terminologia ermetica ed alchemica. Ora vorrei sottolineare che qualsiasi linguaggio è "metallico".

Per imparare a "volare" con pensiero leggero, che consenta una visione dall'alto, cioè quella visione d'insieme detta, sintesi mentale, bisogna eliminare i metalli. Che non sono solo le abitudini, i vezzi, o le passioni indesiderabili. C'è di più: bisogna liberarsi del "piacere del linguaggio".

Liberarsi del "piacere" di credersi superiori perché ci si è appropriati di termini mirabolanti.

L'interpretazione è sempre riduttiva. Da questo insorge il "pericolo" di affidarsi esclusivamente ad un linguaggio specifico.

Il linguaggio specifico può diventare una gabbia per la mente, che la relega nei confini dei propri limiti concettuali e la separa da ogni altro linguaggio. La mente, una volta separata dalla realtà, non è più in grado di riconoscere, né di comprendere alcun concetto che non sia espresso nel proprio linguaggio, nel linguaggio a cui è stata condizionata. Questa è la Torre di Babele.

 

 

Allora va da sé che la semplicità diventa la dote "essenziale"per vedere e capire la realtà in sé, e non come si crede che sia.

L'aspirante deve imparare a lasciare cadere anche i metalli dei linguaggi. Linguaggi fatti d'immagini oniriche, che non trovano riscontro né nella realtà esteriore che in quella interiore, fatta solo di simboli.

L'aspirante deve ritrovare la semplicità di linguaggio e l'essenzialità di pensiero. Per questo deve apprendere i temi di molti linguaggi per elevarsi, ponendosi intellettualmente al di sopra di essi. Contenendoli tutti, ma senza sottostare a nessuno. Liberarsi dall'attrazione dei linguaggi (massimo veicolo di Maya) significa approcciare la sintesi mentale (vedi La confusione dei linguaggi minori).

La sintesi di pensiero è la "neutralità" che rende percettibile (la voce dell'anima) la sovramondanità di quell'Idea chiamata Ego.

Sì, perché Ego ed anima non sono altro che Idee immerse nella materia.

Fraternamente  

 

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, è un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarà autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non è responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.17 Secondi