Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Il Nuovo Gruppo dei Servitori Mondiali || Esoterismo della parola || La Stele dell'Inventario di Giza la “sindone” della Grande Piramide / 5 || la Stele dell'Inventario di Giza la “sindone” della Grande Piramide / 4 || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /3.1 || Iniziare a conoscere se stessi (nel bene e nel male) || La Stele dell'Inventario di Giza la “sindone” della Grande Piramide / 3 || Equilibramento e sintesi degli opposti || Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


:: 2 News da Esonet.com ::
·The Warrior unchanged in joy and in suffering
·Happiness, the negation of suffering
·Suffering in the initiatory Teaching
·The Journey through the Great Work /2.5
·World of Noise – World of Silence
·The Heroic Path
·The inner disciple
·Imago Templi / 6.17
·The Sensitive Sphere
·The Three Lights, the Four Castes and the Four Ages

Altro...

:: 2 The Planetary System ::
·Arte dell’Organizzazione
·Sognare a regola d’arte
·Creare le cause dell’Opera futura
·Seconda Sezione Aurea dell’anno 2018
·Quante realtà? Una, nessuna, centomila – Seconda parte
·Opera d’Arte
·Sirio : “il Sole dei Soli”. Canali di energia stellare (3^ parte)
·Il manto prezioso della Madre del Mondo (ultima parte)
·Arte della Comunicazione
·Il Sistema delle Leggi universali – parte prima

Altro...

 
SviluppoCoscienziale: Integrare spirito e materia
Argomento:Domande e Risposte

Domande e RispostePerché dobbiamo soffrire così tanto? Sembra che chi decida di mettersi sul Sentiero debba essere una persona sola, debba essere una persona che si sacrifica, che debba rinunciare a tante cose eppure la vera rinuncia non è semplicemente rinunciare ai frutti di un'azione che si compie? Non possiamo fare le cose con più dolcezza? La lotta che vivo è tra l'amore apparentemente diverso di un rapporto di coppia e l'altro amore, quello incondizionato, quello che devo rispolverare all'interno di me stessa; eppure sono un'unica cosa!

Documento senza titolo

Integrare spirito e materia

di Athos A. Altomonte

© copyright by Esonet.it

 

D: Perché dobbiamo soffrire così tanto? Sembra che chi decida di mettersi sul Sentiero debba essere una persona sola, debba essere una persona che si sacrifica, che debba rinunciare a tante cose eppure la vera rinuncia non è semplicemente rinunciare ai frutti di un'azione che si compie? Non possiamo fare le cose con più dolcezza?
La lotta che vivo è tra l'amore apparentemente diverso di un rapporto di coppia e l'altro amore, quello incondizionato, quello che devo rispolverare all'interno di me stessa; eppure sono un'unica cosa!

 

R: A prima vista, si dovrebbe rispondere che l’integrazione è impossibile. Perché «lo spirito che diventa materia non è più spirito, come la materia che diventa spirito non è più materia».

Allora non se ne esce? Ma la risposta questa volta è affermativa.

L’integrazione avviene attraverso la "costruzione" di un modello superlativo di mente (detta personalità intergrata), adatto a "comprendere e racchiudere" entrambi i tipi di pensiero: il pensiero fisico (l’illusorietà del quotidiano, del fittizio e del passeggero) e quello spiritualmente illuminato (dal reale e dal permanente).

Una mente, insomma, che sia ancora abbastanza materiale da seguire le necessità e le aspettative della vita fisica e, al contempo, sia già abbastanza sottile da porsi in "contatto" con il piano spirituale, a-fisico e a-temporale della natura interiore dell’Essere umano.

Stiamo parlando della mente egoica. Ovvero, quando la ragione della personalità, si integra con l’intelligenza dell’Ego superiore, o vero Sé.

Questo tipo di pensiero (o meglio, quest’evoluta capacità di pensare) si pone tra Manas e Buddhi.

È «la Via di Mezzo», il cui "Ponte" è sostenuto dall’intelligenza intuitiva (v. Il Dharma: 3 fasi dell'Iniziazione), di cui, le "vocazioni e le spinte (voci) interiori" sono i "segni premonitori". Segni che però, andranno educati e sviluppati parecchio, prima di poterli considerare "operativi" (sviluppo delle facoltà latenti [i cosiddetti siddhi] della mente [non del cervello]).

Allora, il compito sarà quello di trovare quel sottile filo che permette di seguire questi "segni e spinte interiori", nonostante tutte le naturali e lecite attrazioni dell’aspetto fisico; che rappresentano lo strumento per attraversare le esperienze karmiche che attendono ognuno di noi.  

A questo punto, allora, non resta che sperare nella sensibilità del compagno/a di vita. Che trattenga almeno in parte, il proprio naturale egoismo ed istinto di possesso. Così da permettere all’altro compagno/a di realizzare le proprie esperienze interiori, anche se dovessero avvenire al di fuori "dall’utero di coppia".

Fraternamente

 

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, è un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarà autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non è responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.19 Secondi