Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Equilibramento e sintesi degli opposti || Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore || Felicità, la negazione del dolore || Il Dolore nell’Insegnamento iniziatico || Legge di Risposta Espansiva e Legge del Quattro Inferiore || Del senso pratico della Massoneria || Il risveglio dei centri || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /2.5 || Della qualità del consiglio |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: News da Esonet.com ::

:: ThePlanetarySystem ::

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


 
De sapientia veterum: Dedalo o la meccanica
Argomento:Miti e Simboli

Miti e SimboliGli antichi adombrarono sotto la figura di Dedalo, uomo ingegnosissimo ma esecrabile, la scienza e l'industria meccanica, anche in quegli artifizi illeciti volti a cattivi usi. Costui, per l'uccisione di un condiscepolo rivale, era andato in esilio, ma quivi era gradito ai re e alle città. Realizzò anche molte ed egregie opere, tanto in onore degli dèi, quanto ad ornamento e a magnificenza delle città e dei luoghi pubblici; ma il suo nome è celebrato soprattutto per le illecite invenzioni.

Documento senza titolo

Dedalo o la meccanica

di Francesco Bacone - (tratto dagli Scritti Filosofici – Ed. UTET – a cura di Paolo Rossi)

prodotto per Esonet.it

 

Gli antichi adombrarono sotto la figura di Dedalo, uomo ingegnosissimo ma esecrabile, la scienza e l'industria meccanica, anche in quegli artifizi illeciti volti a cattivi usi. Costui, per l'uccisione di un condiscepolo rivale, era andato in esilio, ma quivi era gradito ai re e alle città. Realizzò anche molte ed egregie opere, tanto in onore degli dèi, quanto ad ornamento e a magnificenza delle città e dei luoghi pubblici; ma il suo nome è celebrato soprattutto per le illecite invenzioni.

Costruì, infatti, per la libidine di Pasife una macchina che le permettesse di unirsi ad un toro: in tal modo dalla scellerata industria e dal pericoloso ingegno di questo uomo trasse la sua infelice ed infame origine il mostruoso Minotauro che divorava la nobile gioventù.

Allora Dedalo, ammucchiando e proteggendo il male con il male, escogitò e costruì per difesa di questa peste il Labirinto, opera destinata ad un fine nefando, per quanto insigne e ragguardevole per tecnica. Infine, per non divenire noto solo per male arti e perché gli fossero chiesti anche rimedi (non solo strumenti) per i delitti, fu anche autore dell'ingegnoso espediente del filo con cui furon sciolti i meandri del labirinto.

Questo Dedalo fu perseguitato con accuratezza e severità durissima da Minosse; ma tuttavia sempre trovava nascondigli e modi di fuggire. In fine, avendo insegnato al figlio Icaro la tecnica del volo, quello novizio, ostentandola, precipitò nel mare.

 

Il senso della parabola pare essere il seguente.

Nell'inizio si fa riferimento a quell'invidia che dorme nell'animo dei più eccellenti artisti e li domina in strani modi. Nessuna categoria di uomini più di questa si affanna per un'invidia così acerba e nociva.

Poi si aggiunge del tipo di pena meno politico, e provvido che a Dedalo fu inflitto: l'esilio. Infatti questi grandi artisti hanno questa dote: che sono assai ben accetti presso tutti i popoli; tanto che l'esilio per un valente artefice è a stento una pena. Fuori della patria è difficile che possano trovare altre condizioni e generi di vita; infatti la fama degli artisti perviene propagata ed accresciuta presso i forestieri e stranieri, essendo insito nell'animo umano valutare poco l'arte meccanica dei propri conterranei.

Il resto della favola fa esplicito riferimento all'uso delle arti meccaniche: ad esse molto deve la vita umana avendo tratto dai loro tesori molte cose per il servizio della religione, e per l'ornamento della vita civile, per il miglioramento dell'intera esistenza. Tuttavia, da quella stessa fonte, derivano strumenti di vizio e di morte. Tralasciata l'arte dei lenoni, i più potenti tossici, le macchine belliche e pesti di tal fatta (che son dovute alle invenzioni della meccanica) ben sappiamo quanto abbiano superato per crudeltà e pericolosità lo stesso Minotauro.

Stupenda è poi l'allegoria del Labirinto nella quale è adombrata la natura in generale della meccanica. Tutte le invenzioni meccaniche che sono accurate ed ingegnose possono essere considerate simili a un labirinto: e per la sottigliezza e varia complicazione e per l'ovvia somiglianza derivante dal fatto che possono essere sorrette e distinte non da un giudizio, ma solo dal filo dell'esperienza. Non meno giustamente si aggiunge che colui il quale ideò i meandri del labirinto, ha mostrato anche la necessità di un filo. Le arti meccaniche sono infatti di uso ambiguo e possono produrre nel contempo il male e offrire il rimedio, la loro virtù scioglie e scopre sé medesima.

Spesso poi Minosse perseguita le arti lecite e per di più le arti stesse: simboleggia le leggi che quelle arti dannano ed interdicono al popolo. Nondimeno quelle arti vengono preservate e nascoste e ovunque trovano rifugi e nascondigli; cosa che fu ben notata da Tacito ai suoi tempi in una situazione non molto differente. Riguardo ai matematici e agli astrologi, ebbe a dire: «Genia che sempre sarà cacciata dal nostro stato e sempre vi si troverà».

Tuttavia queste illecite e abnormi arti di qualunque genere, in breve tempo, non offrendo ciò che promettono cadono dalla stima di cui godevano (come Icaro dal cielo), vengono disprezzate e muoiono per la troppa ostentazione. Di certo se bisogna dire tutto il vero non tanto sono felicemente imprigionate dai freni e dalle leggi, quanto sono annullate dalla loro vanità.

 

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, è un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarà autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non è responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.14 Secondi