Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore || Felicità, la negazione del dolore || Il Dolore nell’Insegnamento iniziatico || Legge di Risposta Espansiva e Legge del Quattro Inferiore || Del senso pratico della Massoneria || Il risveglio dei centri || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /2.5 || Della qualità del consiglio || Avere coscienza di cosa si vuole |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: News da Esonet.com ::

:: ThePlanetarySystem ::

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


 
Sull'Iniziazione: Commenti sull'Iniziazione
Argomento:Letture d'Esoterismo

Letture d'EsoterismoPer l'iniziato, l'Iniziazione ha un unico significato ed un unico scopo, scaturisce da un'unica fonte e porta con se, sempre i medesimi frutti.

Documento senza titolo

Commenti sull'Iniziazione

di Athos A. Altomonte

© copyright by Esonet.it

 

Per l'iniziato, l'Iniziazione ha un unico significato ed un unico scopo, scaturisce da un'unica fonte e porta con se, sempre i medesimi frutti. Al contempo, il vertice dell'umanità è uno, la sua conoscenza è una ed unico è il legame con il proprio Creatore. Unica è anche la trasmissione di quanto si deve sapere per poter "costruire" la via verso il proprio apice interiore.

Non esiste e non è mai esistita una "scorciatoia" esteriore verso l'Iniziazione, eppure, nonostante ciò, durante l'era volgare, attorno a questo tema sono state costruite una molteplicità d'interpretazioni di carattere esteriore ed exoteriche, sorte dall'immaginario di Società iniziatiche o Associazioni religiose che, con il passare del tempo, sono diventate delle tradizioni all'apparenza verosimili; questo perché basavano i propri criteri, su frammenti di una tradizione iniziatica maggiore. Ma questi frammenti, vi sono mantenuti in forma ri-velata, cioè, velata due volte. Questo è uno dei motivi, per il quale molti di quei significati sono rimasti velati nell'allegoria anche a coloro che li custodivano.

Per altri versi, molte tesi create attorno allo stesso tema, risultano talmente distanti dall'atemporalità che caratterizza il continuum sapienziale attraverso cui quei significati si trasmettono, da apparire al ricercatore del tutto inverosimili.

Sembra probabile, allora, che i tratti di verosimiglianza o d'inverosimiglianza che caratterizzano le discordanze delle diverse costumanze iniziatiche, siano più il risultato delle affinità con le culture profane in cui queste nascevano, piuttosto che il frutto di una visione ineguale di una precisa realtà iniziatica, antica ed accettata. Per le discordanze che circondano il tema dell'iniziazione, sarebbe utile formarsi una idea sui reali significati apposti a questo primo «elemento», ricercandovi delle tendenze chiare e inequivocabili.

 

L'Iniziazione è lo scopo ed il fine dell'adepto, e la via che porta all'Iniziazione è sovente velata nell'allegoria d'una Montagna inviolata. Montagna che significa il mondo interiore di ognuno. Anche Dante, guidato dal maestro scelto per affinità elettiva, condusse la ricerca della propria anima (Beatrice) con un viaggio che si svolse tutto all'interno di quella Montagna. Ma infine cos'è l'Iniziazione?

Nella visione profana l'iniziazione è l'inizio di un percorso sconosciuto. L'ingresso di un Labirinto da attraversare con attenzione e prudenza. Per l'iniziato, invece, l'iniziazione segna la fine del proprio "viaggio"; un viaggio svolto, con una spirale di trasformazioni, attraverso tutti i gradi della montagna (asse) interiore.

Per il profano, allora, l'iniziazione è l'inizio di un viaggio verso una meta pressoché impercettibile che, se privo di guida, a volte finisce per correre nel nulla. Per l'iniziato, l'Iniziazione segna il termine di un viaggio interiore che coincide con l'inizio di un'opera esteriore, dedicata alla ricerca del bene comune detta perciò: a Benefizio dell'Umanità.

Nell'era volgare ogni concezione iniziatica è stata frammentata e ridotta in forma adeguata alla coscienza popolare, poi, quanto n'è restato è stato posto nei termini dei linguaggi comuni. Ecco che la scienza iniziatica che comparava il modello macrocosmico a quello microcosmico dell'uomo, cercandovi le analogie che li accomunava, è stata interpretata attraverso parametri comuni e suddivisa in parti anche molto distanti tra loro. La scienza iniziatica studiava le correlazioni tra l'uomo, la natura e l'universo. Oggi, uomo, natura ed universo sono concetti posti tanto distanti tra loro, quanto lo sono la scienza e la religione.

La visione iniziatica è stata anche divisa dai linguaggi. Il linguaggio devozionale e quello misteriosofico, sono solo due correnti interpretative che introducono al concetto d'elevazione interiore. Ma dopo un primo ingresso, fatto solo con una ragione dai termini a volte irragionevoli, non sempre l'adepto è capace di abbandonare l'abitudine all'uso e all'abuso dei "linguaggi exoterici" colorati da passioni e da intense emozioni. Abbandonarli, però, significa abbandonare la via della diversità e della separazione, per ritrovare il punto (geometrico) di grande sintesi in cui il sapere dell'uomo può fondersi nel sapere divino.

Conoscenza (scienza e coscienza) e Potere rituale sono per l'iniziato, il punto d'unione tra la coscienza umana e quella divina.

Attraverso scienza e coscienza l'uomo può educarsi (conoscenza) a riconoscere l'espressione superiore, mentre attraverso il Potere rituale, l'uomo può fare riconoscere sé stesso alla divinità.

Nel motto: «riconoscendo sarai riconosciuto» si cela, o s'evidenzia, a seconda dei punti di vista, come avviene il "contatto" tra due «simili» di diversa entità. Come, ad esempio, il contatto tra maestro e discepolo, tra anima e personalità, tra l'animo umano e il divino.

Per non cadere nell'errore del settarismo esoterico o fideistico, è buona norma non far prevalere la relatività di una concezione su quella di un'altra. È necessario, allora, iniziare sempre col "saggiare" un buon numero di "posizioni" intellettuali su ogni argomento, senza fermarsi mai "alla prima osteria" che s'incontra. Correlando e ancora correlando, senza partigianeria, ci si formerà quella capacità di discriminare che diverrà la "bussola" di ogni ricercatore.  

 

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, è un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarà autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non è responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.16 Secondi