Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore || Felicità, la negazione del dolore || Il Dolore nell’Insegnamento iniziatico || Legge di Risposta Espansiva e Legge del Quattro Inferiore || Del senso pratico della Massoneria || Il risveglio dei centri || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /2.5 || Della qualità del consiglio || Avere coscienza di cosa si vuole |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: News da Esonet.com ::

:: ThePlanetarySystem ::

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


 
Aforismi Agni Yoga: La storia di Maria Maddalena
Argomento:Agni Yoga

Agni YogaQuesta è la storia di Maria Maddalena.

Documento senza titolo

La storia di Maria Maddalena

a cura di Adriano Nardi

prodotto per Esonet.it


Questa è la storia di Maria Maddalena.

Sapete come vivevo, ci conoscevamo di notte e ci evitavamo di giorno. Così era del Cristo. Di notte venivano, e di giorno volgevano la faccia. Pensai: «Eccomi, infima, e si vergognano di me alla luce del sole. Ma anch'Egli, l'altissimo Profeta, viene schivato di giorno. In ciò l'ultima e il supremo sono pari».

Volli dunque recarmi da Lui di giorno, e tenderGli la mano. Indossai la veste migliore e la collana di Smirne, e mi profumai i capelli.

E andai da Lui, per dire alla gente: «Ecco, di giorno si incontrano l'infima e l'eccelso - che voi egualmente evitate».

E quando Lo vidi, seduto fra i pescatori, coperto con un sacco, restai dall'altra parte, e non potevo avvicinarmi. La folla passava tra noi, ed evitava entrambi. Così si decise la mia vita. Poiché Egli disse al Suo discepolo prediletto: «Prendi questo pizzico di polvere, e portalo a quella donna, che lo cambi con la sua collana. In verità hanno più vita queste ceneri che quelle pietre; poiché dalle ceneri posso creare pietre, ma dalle pietre null'altro che polvere».

Il resto lo sapete. Non mi condannò. Si limitò a pesare le mie catene, e i lacci della vergogna caddero in polvere. Decise con semplicità.

Non esitava mai a inviare l'oggetto più semplice, che decideva una vita. Lo toccava come per immergerlo nello spirito. La Sua via era deserta; poiché la gente, avuti i doni, presto s'allontanava.

E volendo imporre le Mani, trovava il vuoto. Quando già era condannato, le furie della vergogna Lo seguivano correndo e per scherno agitavano rami. Il prezzo del ladrone fu degno della folla.

In verità Egli spezzava le catene perché dava conoscenza senza prendere compenso.

da Foglie del giardino di Morya II - Illuminazione

 

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, è un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarà autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non è responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.15 Secondi