Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Equilibramento e sintesi degli opposti || Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore || Felicità, la negazione del dolore || Il Dolore nell’Insegnamento iniziatico || Legge di Risposta Espansiva e Legge del Quattro Inferiore || Del senso pratico della Massoneria || Il risveglio dei centri || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /2.5 || Della qualità del consiglio |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: News da Esonet.com ::

:: ThePlanetarySystem ::

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


 
Aforismi Agni Yoga: Sacrificio
Argomento:Agni Yoga

Agni YogaIl sacrificio è potere. Il potere è possibilità. Dunque ogni sacrificio è in primo luogo una possibilità! È tempo di abbandonare la concezione ipocrita del sacrificio come privazione.

Documento senza titolo

Sacrificio

a cura di Adriano Nardi

prodotto per Esonet.it


Già vi è stato insegnato il sacrificio. Il sacrificio è potere. Il potere è possibilità.

Dunque ogni sacrificio è in primo luogo una possibilità!

È tempo di abbandonare la concezione ipocrita del sacrificio come privazione. Noi non accettiamo privazioni, ma offriamo possibilità.

Vediamo quali occasioni nascono dal cosiddetto sacrificio.

Quando mai un vero sacrificio può avvilire? Nel Nostro Tesoro ne custodiamo una grande collezione, e ciascuno ben giovò a chi lo fece. Noi non amiamo parlare dei sacrifici, perché sono le imprese più proficue.

Ai piccoli mercanti piace lamentarsi delle spese e inventare perdite immaginarie. Ma un buon provveditore considera ogni spesa come una garanzia di profitto. Se si perde non e per il sacrificio, ma perché si è rubato.

Il Cristo esortò a distribuire ricchezza spirituale.

Ma, poiché le chiavi di questa sono remote, gli uomini hanno applicato il consiglio alla distribuzione del denaro rubato. Prima frodare, poi dar via il maltolto con una lacrima, estasiati per la propria bontà.
Come se insegnando a distribuire il Maestro avesse in mente sedie rotte e vecchi soprabiti! Intendeva invece la ricchezza imponderabile. Solo il dono spirituale fa scendere il piatto della bilancia.

Consideriamo quelli che operano con Noi. Forse qualcuno di loro perse mai qualcosa? Nessuno, e tutti invece si arricchirono. Non è infatti maggior ricchezza conquistare un nuovo regno? Uno così ricco, che non è grave danno se si rompe qualche piatto. Senza dubbio gli operai crescono, e si può verificare il libro mastro della gratitudine.

Consiglio gli amministratori di assicurarsi un sostituto per ogni mansione.

Le grandi imprese posano su se stesse, e non sulle personalità.

Chi può veracemente asserire di aver dato? Noi apriremmo i libri dei conti a mostrare quanto ognuno ha ricevuto. Poiché è tutt' altro che facile compiere un sacrificio, se questo è una possibilità, e questa un beneficio, e questo una proficua cooperazione, e questa è la Pietra Alatir , che risuscita o consuma.

Ma l'abnegazione apre i Cancelli della Comprensione, e il decrepito sacrificio delle cose inutili e l'amore di sé penderanno appesi allo stesso ramo.

da Foglie del giardino di Morya II - Illuminazione

 

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, è un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarà autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non è responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.18 Secondi