Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Equilibramento e sintesi degli opposti || Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore || Felicità, la negazione del dolore || Il Dolore nell’Insegnamento iniziatico || Legge di Risposta Espansiva e Legge del Quattro Inferiore || Del senso pratico della Massoneria || Il risveglio dei centri || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /2.5 || Della qualità del consiglio |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: News da Esonet.com ::

:: ThePlanetarySystem ::

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


 
Ordini Esoterici: La diaspora templare, fino alla confraternita dei R+C
Argomento:Storia Nascosta

Storia NascostaSul filo dei documenti, si giunge alla conclusione che non tutto l'Ordine Templare si disciolse. Molti monaci-combattenti entrarono nei ranghi di altri Ordini, in Scozia e in Spagna. Dove continuarono a distinguersi per coraggio e lealtà. Altri, si dice, trovarono ospitalità nelle Confraternite dei Liberi Muratori, dove proseguirono a erigere Chiese e Cattedrali. Essendo i cavalieri templari monaci ordinati, alcuni poterono rientrare nell'ombra del monachesimo. Il ricongiungimento dei Templari all'Ordine monastico, giunse ad ottenere una Bolla di riconoscimento dal papa che successe al pontefice Clemente V., colui che volle la loro dispersione. Secondo l'autore del saggio, però, la trasformazione dell'Ordo Templi non si arrestò. Ma fu la radice da cui sorse quel misticismo intimo che dette origine alla Confraternita della Rosa+Croce.

Documento senza titolo

La diaspora templare, fino alla confraternita dei R+C

di Athos A. Altomonte

© copyright by Esonet.it

 

Prologo

Sul filo dei documenti, si giunge alla conclusione che non tutto l'Ordine Templare si disciolse. Molti monaci-combattenti entrarono nei ranghi di altri Ordini, in Scozia e in Spagna. Dove continuarono a distinguersi per coraggio e lealtà. Altri, si dice, trovarono ospitalità nelle Confraternite dei Liberi Muratori, dove proseguirono a erigere Chiese e Cattedrali.

Essendo i cavalieri templari monaci ordinati, alcuni poterono rientrare nell'ombra del monachesimo. Il ricongiungimento dei Templari all'Ordine monastico, giunse ad ottenere una Bolla di riconoscimento dal papa che successe al pontefice Clemente V, colui che volle la loro dispersione.

Secondo l'autore del saggio, però, la trasformazione dell'Ordo Templi non si arrestò. Ma fu la radice da cui sorse quel misticismo intimo che dette origine alla Confraternita della Rosa+Croce.

 

La diaspora templare

Il giuramento all'Ordine Templare di Jacques de Molay, avvenuta a Beaune nell'anno 1265.

Nella cosiddetta Era Volgare, l'Ordine Templare fu l'ultimo degli ordinamenti iniziatici d'occidente a fondere segretamente la propria cultura con quella dei Fratelli d'oriente. Avvenne in terra di Palestina dove, se pur con scopi diversi e con diverse ragioni politiche, la sua Milizia operava in concomitanza con le truppe crociate e con i cavalieri di S.Giovanni dell'isola di Rodi. Bernardo da Chiaravalle (1090 - 1153) creatore della Regola Templare, restauratore dell'Ordine cistercense ed autore del motto “Salve caput cruentatum”, estese la sua protezione e quella dell'Ordine che rappresentava ai Rabbi (i sacerdoti ebraici) più illuminati che vivevano sotto il giogo del potere temporale e religioso d'Europa nelle Comunità Ebraiche di Spagna, Francia, Germania ed Italia, perché contribuissero a sciogliere i misteri che si celavano nei molti documenti raccolti a Gerusalemme dai “suoi” frati-combattenti, e ricevuti per le segrete alleanze ch'essi ebbero con alti esponenti della cavalleria dell'Islam. La documentazione storica trasmette il ricordo di una costruzione, fatta da “Saggio Hakem”, dove ebbero luogo i loro incontri sin dall'anno 1100.

L'Alta Gerarchia Templare non concesse mai i propri segreti, politici ed iniziatici, al di fuori delle proprie Commende e dei propri Templi; e nei suoi tre anni di prigionia nelle segrete di Francia, gli ultimi della sua vita, il Gran Maestro dell'Ordine, Jacques de Molay, ebbe il tempo di costituire con la copertura di fratelli minori dell'Ordine (i frati e gli operai costruttori dei Templi, i Frati Massoni), quattro nuclei di Dignitari ed Ufficiali del Tempio, in Scozia, in Francia, in Germania ed infine in Italia, che in seguito costituirono la parte esoterica della Massoneria. Era l'anno 1313.

Seguendo gli ultimi ordini del Gran Maestro, un gruppo di templari, composto da sette iniziati ai segreti dell'Ordine, i cavalieri: Gaston de la Pierre Phoebus, Guidon de Montanor, Gentili da Foligno, Henrì de Montfort, Luis de Grimoard, Pierre Yorick de Rivault, Cesar Minvielle, con altri quindici, raggiunsero l'isola di Mull in Scozia, dove li attendevano altri confratelli.

In quell'isola, il 24 Giugno 1313, il Cav. Aumonte, venne nominato dall'assemblea Reggente del Gran Maestro. Il templare Guy de Montanor, dottore in alchimia, 7° grado della gerarchia iniziatica e discepolo del Gran Maestro, fondò con altri iniziati, nel segreto della fratellanza, la Chiesa Templare, per perpetuare gli insegnamenti loro trasmessi. Il loro emblema era un pellicano sormontato da un cappello cardinalizio e sotto di lui sei ghiande con il motto: “Dium sibi caeteris”.

Nell'ottobre dell'anno 1316 quattro templari, iniziati al Segreto dei Segreti (il Real Segreto), Guy de Montanor, Gaston de la Pierre Phoebus, Pietro il Buono di Lombardia, Riccardo l'Inglese più altri 24 confratelli, tutti appartenenti alla Chiesa Templare, rientrarono in Francia ch'era sotto la sovranità di re Filippo V, dove chiesero udienza a Jaques d'Euse (in italiano Giacomo d'Ossa) eletto papa d'Avignone con il nome di Giovanni XXII. L'incontro fu subito concesso ed avvenne il 17 novembre dello stesso anno.

Da quell'incontro scaturì, per quei frati-combattenti, l'assicurazione di una “totale protezione” del papa, ed il progetto d'una Regola per un nuovo Ordine, i cui appartenenti si sarebbero chiamati i Frati Maggiori della RosaCroce. Quella compagine cavalleresca fu sottoposta a dure perdite da un turbolento e tragico viaggio presso i confratelli in terra d'Inghilterra, mentre garante della Regola presso il papato restava, in terra di Francia, un anziano templare, allora Rettore degli Ospitalieri in Pont-Saint-Esprit.

Il punto d'accordo tra le due parti fu sostanzialmente lo sviluppo e la trasmissione del potere dell'arte alchemica che i templari riuscirono a dimostrare di possedere. D'altronde con il possesso di quel “potere”, l'esistenza d'una Chiesa Templare separata ed autonoma dalla Chiesa Madre, doveva politicamente preoccupare non poco il nuovo papa; in perenne conflitto per mantenere il proprio predominio e la propria autonomia sui territori europei polverizzati dai conflitti delle varie fazioni monarchiche o imperiali, in perenne opposizione tra loro e per le quali, al contrario di quanto cantavano i menestrelli ed i poeti di corte, più che il valore delle armi contava il potere delle finanze.

Sempre ad Avignone, il 5 gennaio dell'anno 1317 fu concessa ai Frati Maggiori la Regola dell'Ordine, con una sola imposizione; alla guida dei 33 componenti del Sacro Collegio venne insediato il cardinale J. Lavie de Villemur (in italiano Giacomo di Via), nipote del papa. Costui, come ci trasmette la storia, sfortunatamente morì per intossicazione da cibo, il 6 maggio dello stesso anno. Alla morte del cardinale, il S. Collegio dei Frati Maggiori, che la Regola designava in numero di 33 (gli anni del Cristo) introdusse al suo posto un altro templare, il cav. provenzale Enguerard de Ners, e con questi elessero il loro nuovo vertice. L'Ordine, sfuggito ormai al controllo diretto del papa, lasciando Avignone, si trasferì nell'anno 1333 alla Commenda di Monfort sur Argens per “organizzare” da lì, il proprio destino. Rimasero in quel luogo per un anno, per poi lasciarlo dopo una messa solenne e con l'impartire a tutti i presenti la Comunione Mistica, per iniziare così nell'invisibilità, quello che sarà poi chiamato “il mito dei Rosa+Croce”.

Da allora, pur continuando segretamente ad istruire proseliti, nessun templare si è mai più dichiarato pubblicamente tale. Oggi, l'Iniziato occidentale che fosse riconosciuto ed accettato per tale dalla Confraternita, otterrebbe l'accesso agli archivi storici ma non pubblici delle sedi più prossime all'Europa (non includendo l'estremo oriente, sempre interessato alle vicende dei proseliti occidentali): le Comunioni Sufi del Cairo, Luxor e Damasco, e la Comunità religiosa del Monte Athos. In quei luoghi si trovano le risposte alle molte domande che alcuni ancora si pongono sulla verità templare.

Quei confratelli da parte loro, hanno conservato quello che in Europa è stato cancellato o mistificato dal potere temporale, che mentre nascondeva al contempo seguiva con entusiasmo l'eresia mistica nelle “moderne” istituzioni deviate o completamente exoteriche. I cosiddetti neo-templari, templisti o i rosacrociani.

 

Sulle tracce della Regola Rosa Croce

I Frati Minori, i Frati Eletti e i Frati Consolati

L'incontro (e l'accordo) avvenuto nell'anno 1317 con i cavalieri del Tempio, fu sancito da Papa Giovanni XXII con la Bolla “Spondent pariter”. Questo papa, certo con le briciole di quanto gli fu concesso sapere, poté scrivere il trattato indubbiamente alchemico “L'Arte Transmutatoria”, pubblicato postumo nell'anno 1557. Tralasciando tutti gli elementi collaterali e tutti i particolari secondari, ricorderemo che quel papa, alla sua morte, lasciò nei sotterranei della sua sede d'Avignone l'enorme somma di 25.000.000 monete d'oro (somma davvero straordinaria per quell'epoca). L'interesse per questo particolare nasce perché questo “caso”, produsse in tempi successivi una serie infinita di principi della Chiesa versati nell'Arte Alchemica. Le testimonianze documentate abbondano e lascio allo scettico l'onere di dimostrare “a se stesso” il contrario. Noi lasciamo in questo punto quel rivolo di promiscuità sviluppatosi dall'incontro con l'Ordine del Tempio, e continuiamo altrove il nostro percorso.

Vengono stralciati dall'opera Histoire de l'Ordre de Templiers et les croisades (Parigi, Byblos Tomo I), alcuni articoli tratti da documenti dell'epoca, della Regola dei Frati Minori, anche questi estensione diretta dell'Ordine Templare degli Alti Gradi. Il documento originale della Regola esiste in due copie, la prima in Vaticano, la seconda ad Amburgo. Custode del documento fu, sino al 1205, il Fr. Mathieu de Tramlay, seguito da Robert de Samfort, Procuratore del Tempio in Inghilterra (anno 1240) e dal Maestro Roncelin de Fos.

Seguiamo alcune regole degli adepti minori per cercare di capire il loro atteggiamento e la colorazione dei loro sentimenti: i Frati Eletti.

Art. 11 – Rituale d'ammissione degli Eletti: giuramento di custodire il segreto dell'ordine essendo ogni indiscrezione punita con la morte. Il Recettore bacerà successivamente il neofita sulla bocca, per trasmettergli il soffio al plesso sacro che ordina la forza creatrice all'ombelico ed al membro virile, immagine del principio creatore maschile. [era, questo, l'articolo incriminato dagli Inquisitori perché accusato di essere incline alle pratiche omosessuali. Mentre il riferimento alla trasmissione simbolica dell'afflato iniziatico del Maestro che l'indirizza verso i Centri inferiori (Chakra) dell'iniziando, appare inequivocabile, evidente ed incontestabile. (n.d.a.)]

Art. 13 – Il neofita calpesterà la Croce con i piedi e vi sputerà sopra, quindi riceverà la tunica bianca con la cintola. [per simboleggiare il disprezzo verso lo strumento di tortura tanto caro ai devozionali e tanto adorato nei loro culti exoterici. (n.d.a.)]

Art. 14 – Colui che crederà di avere l'autorizzazione di vituperare Gesù, figlio di Maria, dato l'oltraggio da noi inflitto al legno della Croce, sarà escluso dai Capitoli e la sua istruzione non sarà spinta oltre.

Art. 20 – Gli Eletti sono la santa assemblea, il popolo dell'acquisizione, nel quale non esistono né Ebrei, né Saraceni, né liberi, né schiavi, né uomini, né donne. A chi è uno nel vero Cristo-Dio, annunciamo un Dio il quale si è manifestato al mondo, annunciamo un Cristo figlio unico di Dio, che era con tutta l'eternità in Dio, che non è mai nato, non ha mai sofferto, non può morire, è onnisciente, che ha amato e si è congiunto con l'anima del figlio di Maria e che è stato così nel mondo. Un Dio che il mondo non ha affatto conosciuto perché gli uomini carnali non hanno capito ciò che è lo Spirito. Sostenete per certo che il figlio di Maria e di Giuseppe ha compiuto tutto: il suo insegnamento, i suoi miracoli, le sue opere sante, mediante la forza e la potenza di questo Cristo vero, il quale era con tutta l'eternità emanato da Dio, che per un certo tempo s'era unito all'anima di Gesù, ma che non è mai apparso carnalmente. Perché il figlio di Giuseppe e di Maria è stato santo, libero da tutti i peccati e crocifisso, noi lo veneriamo in Dio e noi lo preghiamo. Ma il legno della Croce noi lo consideriamo come il segno della Bestia di cui si parla nell'Apocalisse.

 

I Frati Consolati

Art. 8 – Vi sono Eletti e Consolati in tutte le regioni del mondo. Dove vedrete costruire delle grandi case (i Templi), fare il segno di riconoscenza ... (che ometto di citare pubblicamente) e troverete parecchi giusti istruiti da Dio e dalla Grande Arte. Essi l'hanno ereditata dai loro padri e maestri, che sono tutti Fratelli ....(ancora un'omissione)....... Attraverso i cammini sotterranei li condurrete ai vostri Capitoli e a coloro che nutriranno qualche timore conferirete il Consolamentum al di fuori dei Capitoli, di fronte a tre testimoni.

Art. 9 – Riceverete fraternamente i Frati di questi raggruppamenti e così pure i Consolati (i R+C) di Spagna e di Cipro e fraternamente i Saraceni, i Drusi e quelli che abitano il Libano. E se lo Spirito infervora dei Saraceni o dei Drusi voi potrete ammetterli come Eletti o come Consolati.

Art.18 – Il neofita viene condotto agli archivi in cui gli vengono insegnati i misteri della scienza divina, di Dio, di Gesù Bambino, del vero Bafomet, della Nuova Babilonia, della natura delle cose, della vita eterna e della scienza segreta, la Grande Filosofia, Abraxas e i Talismani (gli oggetti teurgici). Cose che devono essere rigorosamente occultate agli ecclesiastici (profani o non iniziati) ammessi nell'Ordine.

Art. 39 – È proibito nelle Case in cui tutti i Frati non sono Eletti o Consolati di lavorare certe materie mediante la scienza filosofica o di trasmutare i metalli vili in oro e argento. Questo lavoro sarà intrapreso soltanto nei luoghi custoditi e segreti.

Resta da considerare chi sono stati gli “ispiratori” di questo movimento iniziatico in Europa. Un movimento legato alla scienza ed al misticismo, che ha proseguito la sua opera in altri ambiti e con diverse “divise esteriori” .

Date le premesse è difficile immaginare come un qualunque mito templare o rosacrociano possa ergersi a detentore del Segreto dei segreti o a vessillo dei Misteri iniziatici.

Il mito “moderno” templare o rosacrociano non è certo di natura iniziatica. Ha piuttosto una struttura borghese, di natura devozionale espressa da una cultura di media e da nessuna luce intellettuale (luce dell'anima), che s'ispira ad un evento che resterà, come è giusto che rimanga, un mito ed un mistero per i non-iniziati.

Ma non ci mancheranno le occasioni per rinverdire questo argomento, e vedremo emergere con sempre maggiora nettezza la realtà Rosa+Croce a dispetto delle sue pallide imitazioni exoteriche.

 

Appendice

La Croce filosofica simbolo della Rosa Croce, come dimostra l'immagine a sinistra, incisione del XIX sec., contiene la pianta simbolica del Tempio di Ezechiele (il Tempio Circolare contenuto nella Camera Quadrata dei 4 Elementi).

Questa Croce viene sovente confusa in Massoneria con la Croce Teutonica riprodotta a destra.

Sarà bene rammentare che tra le due Croci non vi è nessuna relazione ne simbolica ne esoterica.

Studiare attentamente questa pianta e la disposizione dei Simboli in essa contenuti, significa realizzare la giusta collocazione filosofica, della Dottrina dei Misteri Minori nel Tempio Massonico.

Croce Teutonica

 

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, è un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarà autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non è responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.16 Secondi