Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Equilibramento e sintesi degli opposti || Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore || Felicità, la negazione del dolore || Il Dolore nell’Insegnamento iniziatico || Legge di Risposta Espansiva e Legge del Quattro Inferiore || Del senso pratico della Massoneria || Il risveglio dei centri || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /2.5 || Della qualità del consiglio |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: News da Esonet.com ::

:: ThePlanetarySystem ::

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


 
Alchimia Spirituale: Alchimia Spirituale – Parte II
Argomento:Alchimia del Fuoco

Alchimia del FuocoTecnica della Via Interiore

L'Unità della Materia è il postulato di partenza degli antichi ermetisti. La fisica nucleare moderna e la chimica ce lo dimostrano nel realizzare materie e prodotti totalmente sconosciuti un tempo e che hanno ragione nell'antico adagio, il quale vuole che: “Omnia ab uno et in unum omnia”, “tutto è nell'uno e l'uno è in tutto”.

Documento senza titolo

Alchimia Spirituale - Parte II

di Athos A. Altomonte
immagini a colori tratte dal sito www.alchemywebsite.com

© copyright by Esonet.it


Tecnica della Via Interiore

L'Unità della Materia è il postulato di partenza degli antichi ermetisti. La fisica nucleare moderna e la chimica ce lo dimostrano nel realizzare materie e prodotti totalmente sconosciuti un tempo e che hanno ragione nell'antico adagio, il quale vuole che: “Omnia ab uno et in unum omnia”, “tutto è nell'uno e l'uno è in tutto”. Tutte le cose provengono dallo stesso germe ed esse sono state tutte generate dalla medesima Madre.

“L'Anima degli Uomini, i Demoni, i Santi Angeli, tutti vengono da una sola Sorgente, e l'Uomo contiene in sé la parte del mondo Esteriore che il Demonio racchiude egualmente in sé, ma in un Principio differente...” (Jacob Boehme)

Molto prima di questi filosofi, la Gnosi tradizionale già trasferiva questo dato nella sua affermazione dottrinale dell'Emanazione, affermando che tutte le creature spirituali sono state emanate da una Sorgente unica: Dio – Abisso. Esse sono uscite, secondo la dottrina gnostica, per distacchi successivi delle Cause Seconde dalle Prime, le Terze dalle Seconde e così via. Ma tutto dall'Uno Originale che è Dio. Si evince da questa dottrina che tutto ciò che è presente quaggiù, è di origine divina, ma prigioniero di un mondo grossolano; degenerato e sminuito nelle proprie possibilità spirituali, può pretendervi di nuovo e quest'Opera di rigenerazione si chiama la “Reintegrazione”.

L'Alchimia si divideva sin d'allora in tre tappe di probazione:

1) L'Opera, che trasmuta i metalli in oro puro dallo stato di metallo imperfetto.

2) L'Elisir di Lunga Vita, specie di medicina universale, capace di guarire ogni malattia e di assicurare una longevità considerevole, finanche l'immortalità. Non bisogna prendere queste affermazioni se non nel loro senso spirituale.

3) La Reintegrazione Universale, cioè la rigenerazione del Cosmo Intero attraverso tutte le creature spirituali e scopo ultimo della vera Alchimia.

“Non c'è differenza essenziale tra la Nascita Eterna, la Reintegrazione e la scoperta della Pietra Filosofale. Essendo tutto uscito dall'Unità, tutto deve ritornarvi in modo simile....”.

Il Commento sull'Elisir di Lunga Vita se ne può trovare eco in queste parole: “...la rinascita è triplice, prima la rinascita nella nostra ragione, in secondo quella nel nostro cuore e nella nostra volontà, ma pochi hanno conosciuto la rinascita corporale...”.

Conviene tuttavia distinguere tra Alchimisti e Soffiatori.

I primi, filosofi, in possesso di una Gnosi millenaria, avevano teorie particolari che non permettevano loro d'allontanarsi da certi limiti nelle loro richieste. Il loro campo di ricerca era il mondo Metallico. I secondi, al contrario, sprovvisti di conoscenza esoterica e scientifica, empirici in sommo grado, facevano sfilare nelle loro storte i prodotti più improbabili dei tre Regni, non esitando a lavorare sulle sostanze più strane, come i residui naturali più ripugnanti. Gli alchimisti hanno conservato e dimostrato la fondatezza dell'Ermetismo e dell'Alchimia; i soffiatori li hanno ignorati, ma hanno creato la Chimica.

L'esistenza di una Alchimia Spirituale come elemento della reintegrazione individuale dell'Adepto, è provata, senza smentita, dalla lettura degli antichi autori. Senza dubbio tutti dei buoni cristiani. Ma non lo erano, forse perché avevano compreso che Conoscenza e Saggezza dovevano andare di pari passo, e che la Conoscenza senza la Saggezza era peggiore dell'Ignoranza da sola? Così, nella rarissima opera “La Parola Perduta” si dice: “..così è Trinità in Unità, ed Unità in Trinità poiché là dove sono lo Spirito, Anima e Corpo, là sono pure, Zolfo, Mercurio e Sale.” La Grande Opera ha per conseguenza un triplice scopo nel mondo Materiale: La Trasmutazione dei metalli per farli arrivare all'Oro, la perfezione. Nel microcosmo il perfezionamento dell'Uomo Morale, e nel mondo Divino la contemplazione della Divinità nel Suo Splendore.

In base alla seconda accezione, l'Uomo è dunque l'Athanor filosofico in cui si compie l'elaborazione delle Virtù. È dunque in questo senso, secondo i mistici, che bisogna intendere queste parole: “Poiché l'Opera è con voi ed in voi, in modo che, trovandola in voi stessi, dove è continuamente, voi l'avrete così sempre, in qualsiasi parte voi sarete, sulla terra o sul mare. Di queste cose sappi, o amico mio, appassionato dell'Arte alchemica, che la Vita è unicamente un grande e vero Spirito, e che per conseguenza tutto ciò che il volgare o ignorante stima esser morto, deve in cambio essere ricondotto ad una vita incomprensibile, visibile e spirituale, ed in quella deve essere conservata... In breve, se tu vuoi realizzare la nostra Pietra, sii senza peccato, persevera nella Verità. Prendi la risoluzione, dopo aver acquisito il dono divino che auguri, di tendere la mano ai poveri, ai bisognosi ed a rialzare coloro che sono nella disgrazia.”

Ai quattro Elementi naturali degli antichi:

Acqua (Idrogeno) – Aria (Azoto) – Fuoco (Ossigeno) – Terra (Carbonio)

Corrispondono le quattro Qualità:

Umido Caldo Secco Freddo

Ed i quattro Temperamenti :

Sanguigno Bilioso Nervoso Linfatico

Questo è il piano corrispondente alla realizzazione detta dell'Alkaest. Allo stadio superiore di questi quattro modi di manifestazione, nella materia della Vita, gli alchimisti traevano, per copulazione, i tre termini del secondo piano, che definivano la realizzazione dell'Azoto e cioè i tre principi essenziali per l'inizio dell'Opera.

Elementi

Acqua + Aria

Aria + Fuoco

Fuoco + Terra

Principi

Mercurio

Zolfo

Sale

Là l'Opera poteva passare dal Nero al Bianco. Ed in effetti, per la copulazione dei principi mercurio e Zolfo, l'Adepto trovava ed otteneva l'Argento filosofico o Mercurio dei Saggi. Dalla copulazione dei Principi Zolfo e Sale, otteneva l'Oro filosofico o Zolfo dei Saggi.

Principio Mercurio + Zolfo = Argento Filosofico

Mercurio Dei Saggi

Principio Zolfo + Sale = Oro Filosofico

Zolfo Dei Saggi

Infine, per copulazione del Mercurio e Zolfo dei Saggi, l'Opera passava dal Bianco al Rosso e l'Adepto otteneva la Pietra Filosofale. La strada di Mercurio veniva indicata anche come il Palazzo della Regina, perché conduceva alla “Sposa Bianca”, Mercurio appunto; la strada del Sale era il Palazzo del Re, perché conduceva al “Marito Rosso”, lo Zolfo.

Questa via materiale e sperimentale si rivelava, dunque, una via trascendentale e spirituale quando ai quattro elementi di partenza, si facevano corrispondere le Quattro Virtù Cardinali dell'antica Scolastica:

• il Fuoco corrisponde alla Forza

• l'Aria corrisponde alla Giustizia

• l'Acqua corrisponde alla Temperanza

• la Terra corrisponde alla Prudenza

Ai tre Principi sorti da quei quattro Elementi corrispondevano le Tre Virtù Teologali, e dunque:

• il Principio Zolfo corrisponde alla Fede;

• il Principio Mercurio corrisponde alla Speranza;

• il Principio Sale corrisponde alla Carità.

Ai due Metalli Filosofici, Argento ed Oro dei Saggi, nati dalla coagulazione dei tre Principi Zolfo, Mercurio e Sale, corrispondevano allora le Due Virtù Sublimali:

• il Mercurio dei Saggi corrisponde alla Indulgenza;

• lo Zolfo dei Saggi corrisponde alla Saggezza.

Queste due Virtù Sublimali sono passate sotto silenzio come tali e ricondotte al rango di doni dello Spirito Santo, dalla lettura di questi passi nelle Sacre Scritture:

E Dio disse a Salomone: Poiché tu non Mi hai domandato una lunga vita, né ricchezze, né la morte dei tuoi nemici, ma hai domandato l'intelligenza e la saggezza per agire con giustizia, Io agirò secondo la tua parola e ti donerò un cuore pieno di saggezza ed intelligenza... ” - (Bibbia Cattolica: Re 5,11-12; Bibbia Protestante: Re 3,10-12).

...poiché là sarà la vostra saggezza e la vostra intelligenza agli occhi dei popoli... ” - (Deuteronomio 4,6)

È noto come nel ternario superiore del sistema Sephirotico della Kabbalah ebraica, «Binah», l'intelligenza, è l'attributo di ciò che corrisponde alla visione, all'intuizione, alla penetrazione ed all'informazione. Come tale, l'intelligenza è dunque anche “conoscenza” delle cose divine assolute, Gnosis . Essa ha come gemello «Chokmah», la saggezza, che esprime assai bene l'idea della scelta del migliore, tra i dati accessibili all'intelligenza «Binah», e che non opera nel suo seno che per eliminazione. È la sottomissione spontanea, intelligente e comprensiva ad un Bene che scorge dominante.

Come tale è una discriminazione tra il Bene ed il Male e la scienza di questi. Così dunque, l'Intelligenza è la Conoscenza massima e la Saggezza l'uso che se fa. E come dallo Zolfo e dal Mercurio dei Saggi nascerà, venuto il momento, l'Uovo Filosofico, la Pietra al Rosso, la Crisopea, così nasce nell'Anima dell'uomo questo Athanor, l'Illuminazione Totale, elemento decisivo della Reintegrazione, e questo termine ultimo dell'Opera ha per nome: “Luce Divina”.

__________

« Dei Segreti della Natura.

Il quadruplice globo regola quest'opera del fuoco.
Tu che vuoi imitare l'opera della Natura, cerca quattro globi che fissano in se stessi un fuoco leggero che anima.
Il più basso ti rammenta Vulcano, ed il successivo Mercurio.
La terza orbita è dominio della Luna, la più alta ci appartiene, o Apollo, la si chiama fuoco di Natura.
Questa catena guidi le tue mani nell'Arte.»


« I quattro gradi di calore.

Il sole durante l'anno fa il suo giro attraverso tutto lo Zodiaco.
E con il suo splendore rinnova le erbe, le piante ed i fiori. Da ciò si devono imparare i quattro gradi di calore del nostro lavoro, i quali per te saranno il filo conduttore del nostro lavoro intrapreso.
Essi sono: Ariete, Cancro, Bilancia, Capricorno, come ti indico.
Scegli liberamente tra questi quale sarà il primo, quale il secondo.»

__________


“Il Fuoco passa da quattro a quattordici, e da quattordici a ventiquattro lucignoli. Al Quaternario di partenza si aggiunge un Denario e di seguito, un altro ancora”.

Quattro + Dieci + Dieci = Ventiquattro; Due+Quattro = Sei (l'Esagramma).

Se queste parole non evocassero per noi la Gnosi Alessandrina ed i suoi Eoni, ci potremmo ricordare che il “primo grado del Fuoco”, quello dell'inizio dell'Opera, si chiamava Fuoco d'Egitto, perché doveva eguagliare, dal punto di vista fisico, la temperatura estiva massima di quella contrada.

...fate il vostro fuoco nella misura in cui è il calore nei mesi di giugno e di luglio... ” (Dialogo tra Maria ed Aros, frammento di un papiro egizio.)

Questa evoluzione progressiva del Fuoco, nell'Opera è dunque ripetuta dall'Alchimia Spirituale con un'evoluzione progressiva della Preghiera e di tutta l'Ascesi d'insieme, della loro ampiezza, delle loro frequenze e soprattutto dei loro scopi immediati e successivi. Voler bruciare le tappe, una locuzione densa d'esoterismo, sarebbe infatti dannoso. Non mancano purtroppo nella storia della Mistica Neofiti che, mal preparati alla – violenza delle rivelazioni intuitive – abbagliati innanzi a tali realizzazioni psichiche inattese, hanno deviato perdendosi in vie irrazionali della mente. È per mettere un riparo da tali pericoli che le Chiese, orientale e latina, hanno imposto il principio del “Direttore di Coscienza” ai loro fedeli desiderosi di penetrare in questi domini.

Noi ascolteremo ancora i Maestri: ...tu non lascerai mai il vaso riscaldarsi troppo, e farai in modo che tu possa sempre toccarlo con la mano nuda, senza timore di bruciarti. E ciò durerà tutto il tempo della soluzione....” ; “Fate un Fuoco esalante, digerente, continuo e non violento, sottile ed arioso ”; “ ...una parte di Fuoco possiede più energia potenziale di cento parti di aria, per conseguenza una parte di Fuoco può agevolmente dominare mille parti di Terra... ”

Vedremo in seguito come deve essere guidata la condotta del nostro Fuoco, cioè della Preghiera, grazie al quale potremo, secondo l'espressione favorita degli orientali, “bruciare del karma”.

Studieremo ora gli Elementi della nostra Opera, i Principi da liberare in primo luogo, poi quelle che nasceranno, dette Virtù Essenziali, in numero di nove:

Quattro dette “Cardinali” – dal latino “cardo”, cardine, porta, elemento essenziale;

Tre Teologali” – perché hanno essenzialmente Dio per soggetto;

Due Sublimali” – perché sono il risultato più elevato della pratica delle prime Sette, e sono per questo la loro sublimazione.

Tutte corrispondono ad Entità Spirituali legate al Piano Divino. Come le Idee–Eterne di Platone.

Vediamo allora come si esprime al proposito Erma di Cuma, uno dei Quattro Padri Apostolici eredi e successori immediati degli Apostoli, nella Tradizione Orale Cristiana: ...e queste Vergini chi sono? Sono gli Spiriti di Santificazione. Nessuno può essere ammesso nel Regno di Dio senza essere innanzitutto rivestito da Esse, con la Loro propria veste. Se tu ricevi solo il Nome del Figlio di Dio senza ricevere dalle mani di queste Vergini la Loro vestizione, ciò non ti servirà a nulla! Poiché queste Vergini sono Virtù del Figlio di Dio. Se tu porti il suo nome senza possedere la Sua Virtù, invano porti il Suo Nome... ” - Erma, il Pastore IX,13.

Ed ancora: “...senza il soccorso di queste Vergini, ti è impossibile conservare i Suoi Comandamenti. Vedo che Esse si compiacciono nella tua dimora, solo puliscila bene! Esse avranno piacere di abitare una dimora pulita, poiché Esse stesse sono pure, caste, attive e godono di grande credito presso il Signore. Fintanto che la pulizia regnerà nella tua dimora Esse vi abiteranno: Ma la minima impurezza che vi troveranno, ne usciranno subito, poiché queste Vergini non possono soffrire la più leggera macchia...” - Ib. X,3.

Il lettore saprà discernere sotto il testo, il senso esoterico in esso contenuto. Lo completeremo con un frammento tratto da un apocrifo gnostico del secondo secolo: “...ed a Bethel, dopo settanta giorni, vidi sette uomini vestiti di bianco che mi dissero: “Levati! Indossa la Veste del Sacerdozio, la Corona della Giustizia, il Razionale dell'Intelligenza, l'Abito di Verità, il Diadema della Fede, la Mitra dei Prodigi, l'Efod della Profezia”. E ciascuno di essi, portando un Ornamento, lo mise su di me dicendo: “...Ormai sii Sacerdote del Signore, tu e la tua Razza, sino all'eternità.” - Il Testamento dei Patriarchi, Levi 6.

“...In verità vi dico, se il seme di grano non muore resta solo, ma se muore porta molti frutti...” - Giovanni, XII, 24. 

 

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, è un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarà autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non è responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.15 Secondi