Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore || Felicità, la negazione del dolore || Il Dolore nell’Insegnamento iniziatico || Legge di Risposta Espansiva e Legge del Quattro Inferiore || Del senso pratico della Massoneria || Il risveglio dei centri || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /2.5 || Della qualità del consiglio || Avere coscienza di cosa si vuole |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: News da Esonet.com ::

:: ThePlanetarySystem ::

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


 
: Misteri del Rito di Misraïm - Syllabus 3 e 4
Argomento:Quattuor Coronati

Quattuor CoronatiMisteri del Rito di Misraïm - origini degli "Arcana Arcanorum" - Syllabus 3 e 4

Misteri del Rito di Misraïm -
origini degli “Arcana Arcanorum”


di Denis Labourè,

Curatore: Adriano Nardi e Roberta Giammaria


Syllabus n° 3

Confronto del Regime di Napoli con gli altri riti della scala Egiziana

nota generale : Risulta dalla testimonianza di Ragon, che fu coinvolto nell'introduzione del rito di Misraïm in Francia, che i segreti del Regime di Napoli, meglio conosciuto come Arcana Arcanorum , sono stati importati da Napoli dai ff.^. Joly, Gabboria e Garcia il 20 novembre 1816. L'iniziazione a questi arcani era stata data a Napoli ai tre delegati nel 1813. Ma il 21 maggio 1814, i ff.^. Bédarride avevano già istallato a Parigi, 27 rue des Bons Enfants, un altro regime di cui faremo più avanti l'analisi. Ragon conclude da diversi elementi che il regime dei Bédarride, israeliti portoghesi naturalizzati francesi, non ha né l'autenticità del regime di Napoli né il suo valore filosofico.

1. – Regime di Bédarride

Ha le seguenti caratteristiche:

a) – Titoli : Supremo Gran Consiglio Generale dei Grandi Ministri Costituenti, Sovrani Grandi Principi Capi delle 1 e , 2 e , 3 e e 4 e serie.

b) – Decori : soltanto l'87° grado ha quattro templi di cui ecco i colori: 1/rosso, 2/azzurro celeste, 3/cremisi, 4/bianco. Questi templi non hanno una destinazione iniziatica in quanto:

· il tempio rosso si chiama «Corpo di Guardia», sala delle guardie.

· Il tempio azzurro celeste si chiama «Cancelleria» o sala della segreteria e degli archivi.

· Il tempio cremisi si chiama «Sala delle finanze» (sic) o della tesoreria.

· In quanto al tempio bianco, non è che la sala delle sedute amministrative del Supremo Consiglio. Questo tempio serve per i quattro ultimi gradi. Non ne esiste altro in questo regime. Se ne può dedurre che non vi è in questo regime una vera iniziazione ma semplicemente una gestione del Rito.

I colori dei quattro locali sono illogici: l'azzurro è negativo e non può essere un grado superiore al rosso, che è positivo.

Il solo decoro all'Oriente è un delta radiante del 1° grado; con al di sotto un occhio in un triplo triangolo. È una semplice ripetizione del Delta sacro dell'apprendista.

Il cordone bianco bordato d'oro, ricalca il simbolo dell'occhio, in un triplice triangolo. Vi è appeso un gioiello; una bacchetta d'oro.

Il grembiale bianco, orlato di porpora, attorniato dalla Catena d'unione. Al centro, una stella a quattro settori. È visibilmente un'allusione ai quattro ultimi gradi amministrativi del rito.

c) – Lum.^. Symb.^. : il Corpo di Guardia è illuminato da sette candelieri a tre braccia, ossia ventuno luci. La Cancelleria è illuminata da tredici candelieri a tre braccia, ossia trentanove luci. La Sala delle finanze è illuminata da sette candelieri a tre braccia, ossi ventuno luci. Infine, la Sala del Consiglio supremo è illuminata da novanta luci così ripartite: ventisette ad oriente, ventuno a mezzodì, ventuno a nord e ventuno davanti ai dignitari. Questi non possono essere più di dodici. Tutto questo è piuttosto improvvisato ed anarchico, e non corrisponde ad alcun principio conosciuto della legge dei numeri tradizionale. Es.: il totale delle luci per i quattro appartamenti dà 171 luci.

Batterie

Ere

Passi

Gr.

7 colpi

509 anni

7 passi normali

87

10 colpi (9)

510 anni

10 passi normali

88

10 colpi (9)

511 anni

11 passi normali

89


Ore di lavoro

Gr.

dalle 10 del mattino alle 22

87

dalle 10 alle 17

88

dalle 10 alle 15

89

Tutti questi elementi sono molto fantasiosi e Ragon accusa i ff.^. Bédarride di averli inventati a casaccio.

Parole

Gr.

Ghedol Haghedolim (Magnus inter Magnos)

87

Ghibor Gheborim (Potens inter Potentes)

88

Adir Adirim (Gloriosus inter Gloriosos)

89

e sembrano semplicemente dei titoli pomposi di cui sono investiti gli illustri dirigenti delle serie del Rito.

Appare subito chiaro quanto il rito dei fratelli Bédarride sia illogico, impraticabile e senza alcun significato esoterico o simbolico. Ragon l'ha giustamente condannato e si capisce come il Convento Internazionale del 1934 dei Riti Massonici di Memphis-Misraïm abbia obbligatoriamente sostituito con il Regime di Napoli il regime di Bédarride. Ragon, che non ha peli sulla lingua, giudica così gli ultimi gradi del regime di Bédarride: «sono una fraudolenta derisione, nata dall'ignoranza dei Bédarride».

2. Regime di Memphis

Dopo la sua espulsione dal Rito di Misraïm, Marconis inventò un Rito nuovo o «Rito di Memphis» che contemplava inizialmente 91, poi 92, poi 95 ed infine 96 gradi. I gradi dall'87 al 90 avevano i seguenti titoli:

- 87: Grande Regolatore Generale dell'Ordine – Cavaliere del Knef.

- 88: Sublime Pontefice della Massoneria.

- 89: Sublime Maestro della Grande Opera – Sovrano Principe del Knef.

- 90: Sublime Cavaliere del Knef – Sublime Maestro della Grande Opera.

Anche qui vi è confusione, brancolamenti, continui cambiamenti in odore di improvvisazione ed assenza totale di elementare logica. Marconis ha effettivamente praticato il 90° grado del suo Rito e ne ha pubblicato i lavori completi contenenti l'apertura, la chiusura e l'iniziazione al 90° grado (Parigi, 1866, opuscolo di 86 pagine, in vendita presso l'autore, 66 rue du Bondy).

Ecco l'essenziale dei decori. Vi sono tre Templi:

1) Primo Tempio (Pronaos) : Tempio di colore azzurro, disseminato di stelle argentee. Ad Oriente un'aureola con l'occhio. Davanti al Presidente, una tovaglia nera (sic), che copre l'altare. Nel centro sul lato destro, due sfingi accovacciate davanti ad una porta a due battenti.

2) Secondo Tempio (Santuario degli Spiriti): rappresenta le rovine dell'Egitto al chiarore della Luna. Si vedono dei pezzi di muro crepati, dei piloni crollati, delle colonne mutilate, dei geroglifici zodiacali, ed un sepolcro ad Oriente.

3) Terzo Tempio (Tempio della Verità): su di un podio di cinque gradini si vede, sotto un padiglione di stoffa dorata, il Nome ineffabile (ebraico) in un'aureola radiante, al di sotto di una stella a cinque punte. Sull'altare del Presidente: una tovaglia dorata ed un candelabro a sette braccia con sette candele rosse.

Nota: i riferimenti al Rito di Misraïm, regime di Bédarride, sono flagranti. Stesso colore azzurro per uno dei Templi, mentre in questo grado si sia ben al di là dei gradi simbolici. Stesso richiamo della decorazione delle logge del primo e del secondo grado; il Delta radiante e la Stella del secondo grado. Il Tetragrammaton riappare a sua volta. In quanto alle lezioni del grado: interrogato nel Tempio azzurro, il candidato è introdotto nel Tempio chiamato «Santuario degli Spiriti» e gli si mostrano i simboli seguenti; sulle rovine degli obelischi, una fenice, un triangolo, una figura d'uomo la cui testa è rasata da un lato e provvista di ali, non lontano da un'urna e da un bastone augurale; un accampamento di tende, una figura di donna con dieci braccia e rappresentante la Saggezza; un alfabeto geroglifico (si vede che questo rito di Memphis è posteriore alla scoperta di Champollion).

Si dà poi al neofita l'accesso al terzo santuario. Viene purificato con le quattro spade degli iniziati e con la quinta, quella del Presidente, il Sublime Daï. Riceve una tunica, una spada, un cordone, lo si installa.

Terminologia

- Venerabile Maestro: Sublime Daï.

- 1° Sorvegliante: Primo Mistagogo.

- 2° Sorvegliante: Secondo Mistagogo.

- Grande Esperto: Sublime Ceryce.

- Segretario: Sublime Hierotoliste.

- Oratore: Sublime Odos

- Maestro delle Cerimonie: Sublime Hydranos.

Parole sacre : Sigé e Aléthé (Silenzio e Verità) – (il termine corretto è Aletheia ).

Insegnamento : Porta questo grado qualcosa di nuovo al neofita che ha così terminato la scala massonica? È doloroso dover rispondere negativamente. Lungi dal riprendere gli Arcana Arcanorum del Rito di Misraïm, Marconis ha qui instaurato una sorta di compendio di storia massonica contenente peraltro flagranti inesattezze ed imperdonabili fantasie. Se afferma, senza prove, che l'iniziazione proviene dall'Egitto, sfiora appena tutti i riti, se si limita ad affermare l'immortalità dell'anima senza dimostrarlo. Si limita a dire che l'uomo è corpo, anima ed intelletto, che vi sono nove cieli di cui l'ultimo è abitato dal saggio.

Rituale

Non differisce affatto da quello del primo grado. Prendiamolo in esame:

- Sublime Primo Mistagogo, qual è il vostro dovere?

- È di proteggere da ogni indiscrezione l'inviolabilità dei nostri misteri.

- Sublime Ceryce, vogliate accertarvi se gli accessi al Tempio sono deserti ed i suoi echi silenziosi.

- Nessuno può sentirci, Sublime Daï.

- Tutti in piedi ed all'ordine del 90° grado. Sublime Secondo Mistagogo, in quale ora i lavori del Grande Collegio Liturgico sono messi in attività?

- I lavori sono permanenti.

- Perché? Perché l'opera dei Sublimi Maestri del Gr.^.9.^. esige lo spiegamento perpetuo di tutte le potenze dell'uomo e non subisce interruzione che nei momenti reclamati dall'infermità della natura creata.

- Quali sono i momenti che le nostre tradizioni concedono al riposo?

- Il momento delle tenebre perfette.

- A che ora i lavori vengono ripresi?

- Al primo apparire della Luce.

- Che ora è in quel momento?

- L'ora di riprendere i lavori, Sublime Daï.

- Bene. Poiché è l'ora di avviare i nostri lavori, unitevi a me per chiedere al S.^.A.^.D.^.M.^. che non abbia come solo scopo che la gloria del Suo Nome, la prosperità della Massoneria ed il bene generale dell'umanità, ecc….

Dopo la preghiera, batte un colpo e dice: A me, Sublimi Fratelli, per la misteriosa acclamazione: «Fiat – Fiat – Fiat».

- Pace agli uomini.

- I lavori sono iniziati.

n.b.: qui, il richiamo al Rito di Napoli è evidente (Fiat, Pace agli uomini).

P.S. 1: se d'altra parte, confrontiamo questo Rito agli usi della Massoneria egiziana praticati da Cagliostro, vediamo immediatamente l'abisso che li separa. Cagliostro anima le sue riunioni con una vera teurgia: chiama a sé l'invisibile e la «colomba» o giovane medium, nella sua torre, percepisce immediatamente gli ospiti invisibili. Il grado 89 del Rito di Misraïm, regime di Napoli, richiama a sua volta questa osmosi tra il visibile e l'invisibile. Il Rito di Memphis, nonostante il vantaggio dei suoi riti di perfetta eleganza letteraria, si limita a del verbalismo, senza altra conseguenza.

P.S. 2: i titoli dei diversi dignitari del 90° grado del Rito di Memphis si ritrovano del resto nel grado dei «Saggi delle Piramidi» il cui rituale (e l'iniziazione) è stato pubblicato da Marconis nel suo Pantheon Massonico, pag. 244-263, Parigi, 1858. Ebbene, questo grado non porta che il numero di grado 47 nella scala di questo Rito dell'anno 1856. Anche qui, vediamo Marconis ripetersi a casaccio quando il principio stesso di una scala mistica esige grandi differenze filosofiche ed esoteriche da un grado all'altro, soprattutto tra il 47° ed il 90°.

3 – Regime dell'Ordine del Rito Antico e Primitivo, Sovrano Santuario creato da John Yarker

Questo Rito Egiziano, messo a punto da John Yarker, ha i seguenti lineamenti:

- non sono praticati: l'87, l'88.

- Lo sono: l'89, il 90.

- Segreti:

Gr. 89: Patriarca della Città Mistica

- Parola di passo: Seth

- Parola sacra: Toth

- Batteria: 4=11

Gr. 90: Patriarca Sublime o Pontefice Perfetto

- Parola di passo: Isis

- Parole sacre: Demi – Our – Gos

- Batteria: 3=12

Osservazioni: le diverse parole sono quelle delle divinità tradizionali dell'antico Egitto (Isis, Thot, Seth). Soltanto la parola Demi-Ourgos , Demiurgo, è ellenica.

Studio del grado 89

1 – Iniziazione, si insegna al candidato:

a) L'arte di prolungare la vita materiale, usando moderatamente delle attività del corpo e della mente.

b) L'arte di arricchirsi spiritualmente, affidandosi con fiducia alla divina Provvidenza ed avendo in sé una giusta sottomissione al destino.

c) L'arte di creare, con un lavoro virtuoso, cose degne d'invidia.

2 – Simbolismo, si mostra al candidato:

a) uno schema della Grande Piramide contenente il sepolcro di Sesostris.

b) Le rovine di Heliopolis, deserto di sabbia, di polvere, di pietre crollate.

Chiosa: si costruisce lo stesso un Tempio nel cuore dell'iniziato.

Critica: Waite critica aspramente questi insegnamenti che giudica «puerili, bambineschi, indegni della Massoneria» ed inventati di sana pianta da un costruttore di riti.

Studio del grado 90

Waite protesta vivacemente contro il contenuto «assurdo» dei quaderni di grado. Vi si dichiara infatti, al vertice della scala egiziana, che i tre bisogni essenziali dell'umanità sono:

a) l'esistenza del Rito Antico e Primitivo

b) la conservazione di questo rito

c) la ricerca delle sue basi di partenza (sic).

n.b.: eccoci ben lontani dalle precisazioni logiche e tradizionali del Regime di Napoli. Il vero Misraïm brilla di tutte le sue luci quando lo si confronta con le copie illogiche, sprovviste di tradizioni, dei suoi copisti maldestri ed incompetenti.

3. Regime dei Riti Uniti di Memphis-Misraïm (1934)

La grande importanza del Convento d'agosto 1934 è evidenziata da due decisioni che hanno avuto un'immensa ripercussione internazionale:

1) La ripresa dei lavori nei gradi superiori dello Scozzesismo;

2) L'adozione del Rito di Misraïm, Regime di Napoli, per l'insegnamento dei gradi 87, 88, 89 e 90.

Syllabus n° 4

Secreta Napolitana del Tr.^. Ill.^. F.^. Phanar (Armand Rombauts, 33°, 66°, 90°).

Corso professato nel 1930 E.^.V.^.

1 – Introduzione

Gli ultimi gradi del nostro Rito occultista comportano una tradizione verbale segreta che il Grande Ierofante comunica ai diversi capi dell'Ordine attraverso la via tradizionale dei Misteri, cioè da bocca ad orecchio. È così che li ho ricevuti; e che li ho trasmessi a mia volta.

Riguardano la costituzione occulta dell'uomo, il suo destino postumo, l'esistenza di un mondo astrale ed i rapporti permanenti esistenti tra l'Essere Supremo ed il mondo.

2 – Segreti orali dell'87° grado di Napoli

87/a: Non vediamo che una parte dell'universo. Il quadro vivente del cosmo ci sfugge. Siamo circondati ed impregnati di influssi esterni che agiscono su di noi a nostra insaputa. Il risveglio della nostra coscienza di iniziato avviene per stadi successivi:

- Ci si interessa all'universo, alla sua vita nascosta, alla sua armonia matematica. Questa la si percepisce. Si gode delle bellezze della natura: cielo stellato, panorami, mare agitato, montagne, foreste, fiori, ecc.

- Si scopre l'unità di tutto ciò che vive. Ci si affeziona ad ogni forma di vita: pianta, insetto, animale e si capisce il dovere di solidarietà verso la vita. Bisogna aumentare e difendere il potenziale di vita in ogni cosa, opporsi alla sofferenza che la diminuisce ed alla morte che la sopprime, a tutte le forme di crudeltà verso le vite inferiori.

- Man mano che si progredisce sulla via della comprensione della vita universale e nel nostro rispetto per tutto ciò che vive, ci si spoglia del vecchio uomo, cioè dell'egoismo umano e ci si preoccupa per il benessere dei nostri simili. Si diventa sempre più altruisti e disinteressati. Tale è la pietra di paragone dell'iniziato.

87/b: Un secondo stadio del nostro avanzamento interiore consiste nella percezione dell'opera del Grande Architetto in tutta la natura. Per quanto rimanga per noi incomprensibile e trascendente, esiste. C'è. Lo si scorge direttamente attraverso la sua opera, che è eterna come Lui. È come il suo effetto permanente. Ne deriva che è legittimo avere in noi un sentimento di ammirazione e di affetto verso il Padre di ogni cosa che il nostro Rito chiama, peraltro molto giustamente, l'Onnipotente.

87/c: Un terzo stadio della nostra evoluzione consiste in un rimpianto sempre più vivo ed un'afflizione sempre maggiore davanti alla cecità e l'incomprensione dei nostri simili. Sviati dalle passioni più sregolate, prigionieri nel guscio di idee fisse che sono i pregiudizi, vittime degli appetiti più grossolani e dei sofismi più perniciosi, gli uomini affondano nell'egoismo e nell'indifferenza. Voltano la schiena alla luce. Non sono che infelici profani che vivono alla giornata, che non hanno che attività animali (mangiare, bere, accoppiarsi) e scompaiono senza aver nulla capito del senso della vita e del destino della loro anima di cui ignorano persino l'esistenza. Sono le dottrine deprimenti del materialismo e dell'ateismo che causano delle devastazioni universali ed il disordine della società umana. Logicamente, queste portano ad ogni abuso, ad ogni eccesso, alla soppressione di qualsiasi gerarchia nell'uomo, alla negazione ed al rifiuto di qualsiasi disciplina, di qualsiasi autorità, al più terribile egoismo. L'uomo diventa un lupo per l'uomo (homo homini lupus) e soltanto i più scaltri ed i più sprovvisti di scrupoli si impadroniscono del potere terreno e delle ricchezze che ne conseguono. L'iniziato non permette a quello che è in basso di dominare ciò che è in alto. La testa domina il basso ventre e questo non può dominare la testa. Il nostro Rito è apertamente volto verso lo spirituale. È dunque contemporaneamente idealista, altruista, generoso e dinamico. Ma la sua azione deve essere graduale, la luce deve darsi per gradi successivi, non bisogna dunque correre.

87/d: Come afferma un'antica tradizione e come lo richiama la Ipsilon (Y) del nostro grande sigillo, vi sono due vie: quella che porta alla negazione, alla disperazione, all'annientamento dell'essere; e l'altra che è la luce, che risponde al nostro slancio spontaneo, che ci riallaccia al cosmo vivente e ci assicura il nostro posto felice; questa via è quella della verità. Non la si può concepire che attraverso un'osmosi con i piani superiori dell'universo che esistono comunque, a dispetto della nostra volontà e malgrado il disconoscimento degli ignoranti. Tutto l'Egitto insegna in eterno questa specie di matrimonio tra il cielo e la terra.

Conclusione del grado 87

Il mondo è altra cosa di un semplice ammasso di nebulose. È l'emanazione di un'intelligenza suprema che lo regge in permanenza. L'uomo vi ha la sua collocazione legittima ed ha dunque un destino spirituale al quale non può rimanere indifferente.

3 – Segreti orali dell'88° grado di Napoli.

88/a: Sottomissione alla natura simboleggiata nel grande sigillo dalle tavole della Legge. Certuni si ribellano alla morte fisica. Dimenticano che l'uomo, forza intelligente integrata nella natura, è implacabilmente sottomesso alle leggi di quest'ultima. La saggezza consiste nello scoprire le leggi naturali ed a sottomettervisi di buon grado. La prima legge naturale è quella di un soggiorno limitato nel tempo e nello spazio sul globo terrestre. La nostra anima vi riceve un abito provvisorio di carne. Ciascuna incarnazione è dunque un fenomeno limitato. Alla liberazione dal suo involucro carnale, deve restituirlo alla terra che l'ha formato. Nulla si crea, nulla va perduto, tutto si rinnova. Vi è dunque un'economia cosmica tra il numero delle incarnazioni ed il numero delle morti fisiche. Fu dunque creduto obbligatorio e legittimo restituire alla terra l'involucro che ci ha dato. E contro natura ritardare o contrastare questo ritorno all'equilibrio. Ne deriva la convinzione che imbalsamare i morti è un errore grossolano in quanto consiste di fatto nel turbare l'economia universale interrompendo il flusso delle anime in un dato territorio. Perché, l'imbalsamazione impedisce il ritorno degli elementi del corpo alla terra madre. Inaridisce il flusso delle anime perché l'imbalsamazione fissa l'anima nel corpo mummificato per un lungo periodo di tempo.

Senza dubbio, nell'antico Egitto si mummificavano i cadaveri, auspicando di fissare le anime dei defunti per impedire il loro involarsi nel flusso delle anime liberate. Il risultato di questa pratica è stupefacente: l'antico Egitto ha così interrotto la spirale delle anime salenti e discendenti.

Per sottomissione alle leggi naturali: il corpo deve dissolversi nella terra. Per questo criterio di fede, gli antichi egiziani trovavano riprovevole bruciare un cadavere. Secondo questo criterio, occorrono nove mesi per fare un uomo e nove mesi per disfarlo. Era, dunque, ritenuto anormale accelerare la dissoluzione lenta e graduale del corpo, imposta dalla natura, bruciando il cadavere.

88/b: La legge sul destino delle anime afferma che, per l'anima, la morte fisica è sempre traumatica.

Un evento a cui deve imparare ad adattarsi attraversando 3 stadi:

· Coabitazione momentanea con il cadavere

Non è vero che l'anima si disancori celermente dal corpo del defunto. La liberazione è lenta e graduale, e l'anima può anche non rendersi subito conto del trapasso della parte fisica.

Per un periodo, la sua coscienza, fluttua in uno stato semi-vigile, accompagnata dai pensieri dei suoi ultimi istanti terreni. La coscienza resta legata al corpo e all'ambiente familiare in cui ha vissuto, subendo ancora l'influsso delle preoccupazioni terrene. Si può accelerare il distacco che precede la sua liberazione terrena attraverso dei riti liberatori.

· Separazione dal suo supporto terreno

L'anima fluttua nell'atmosfera terrestre, prima di cadere nel cono d'ombra della terra, che è il soggiorno delle anime disincarnate. Tutti i mesi la Luna attraversa questo cono d'ombra, portando con sé le anime in pena. È dunque un errore tentare di trattenere o evocare un'anima verso l'ambiente terreno che è chiamata ad abbandonare. Per questo, ogni pratica affine allo spiritismo è nefasta per il bene dell'anima, e l'evocazione dei morti è allo stesso modo inammissibile.

L'anima e i quattro elementi del suo destino.

Il corpo dell'uomo è composto principalmente d'acqua .

- Attraversa la terra durante nella fase di coabitazione con il cadavere.

- Attraversa l'aria durante il suo soggiorno nel cono d'ombra della terra.

- Attraversa il fuoco dopo che, liberata dalla Luna, entra nella gioia dell'irraggiamento solare.

88/c: Intorno alla terra vi è un cimitero astrale dove errano non soltanto le anime materiali ancora attaccate al cordone ombelicale delle proprie spoglie fisiche, ma anche dei doppi degli animali uccisi e delle belve che popolano la terra e la circondano come uno sciame feroce e malvagio.

Sono queste forze malefiche che aggrediscono i morenti spaventati, i temerari sperimentatori delle pratiche di bassa magia, gli esseri che rispondono alle influenze magnetiche.

Le tradizioni di tutti i popoli dà nomi diversi a queste realtà eteriche. L'anima liberata deve fatalmente attraversare questa nube deleteria, questa sorta di purgatorio. Soltanto colui che durante la sua vita terrena è stato comprensivo e compassionevole verso tutti gli animali, attraversa facilmente questo primo elemento sottoposto al giudizio di coloro che vengono chiamati: i Guardiani della Soglia.

88/d: Bisogna dunque ricordare che l'anima, carica del peso di tutte le sue azioni terrene, entra in un ambito dove deve conservare il ricordo della sua personalità. Altrimenti le sarebbe impossibile giudicarsi per progredire. Gli errori e le buone azioni seguono l'anima in ciò che viene chiamato il giudizio degli atti.

E la Bilancia del nostro grande sigillo, richiama alla mente questo passaggio.

88/e: Ne deriva che esiste ancora una possibilità di contatto tra i morti ed i vivi. I morti hanno su di noi un vantaggio, una possibilità più eminente. In quanto liberati dalle pastoie carnali, operano per immagini mentali che possono proiettare nel nostro subcosciente e darci così avvertimenti, premonizioni, avvisi telepatici, persino una forma eterica della loro provvisoria presenza. Ma qualsiasi contatto cessa automaticamente dal momento in cui l'anima liberata, esce dall'influenza terrestre.

È stato osservato, infatti, che sono le settimane successive al decesso ad essere le più propizie per comunicazioni telepatiche tra incarnati e disincarnati. Mentre, dal momento in cui un'anima ricade nella carne, ricevendo un altro corpo, non può più manifestarsi perché perde coscienza di quello che è.

88/f: I morti non vedono di noi che il nostro doppio. Sono avvolti da un guscio di pensieri che reagisce ai ricordi ed alle risonanze.

Conclusioni del grado 88

La morte non è una semplice dissociazione dei nostri elementi costitutivi. È il passaggio attraverso stati successivi della nostra coscienza che persiste. Si concepisce che sopravvivere possa essere in certi casi un vero castigo per un colpevole che prende coscienza del frutto delle sue azioni. Elemento della natura cosciente ed imperitura, l'anima umana deve seguire le leggi naturali e raggiungere il torrente delle anime che percorre l'universo. Nello stesso modo in cui la goccia d'acqua di pioggia che si evapora al Sole risale obbligatoriamente verso il cielo per raggiungervi il torrente delle altre gocce, che formano nuove nubi destinate a nuove piogge. È la stessa acqua che serve indefinitamente.

4 – Segreti orali dell'89° grado di Napoli.

89/a: Fortunatamente, tutta la natura è popolata da una gerarchia di creature e l'uomo non è perso né isolato in questo pullulare di esseri. Vi ha il suo posto determinato, né in alto né in basso, ma verso il centro in quanto è un essere doppio, contemporaneamente materia e spirito. Ne deriva che, così come l'uomo può aiutare le creature che gli sono inferiori, allo stesso modo può ricevere aiuto dalla gerarchia degli esseri che gli sono superiori.

89/b: Vi sono innanzitutto gli istruttori nell'invisibile. Ve ne sono parecchi. Ve ne sono di diverse nazioni, in particolare un istruttore nero. Ciascuno agisce per induzione su una parte dell'umanità e dà a certe razze certe correnti di pensiero. Questa Catena di istruttori ha ispirato profeti, saggi, legislatori in tutti i periodi cruciali della storia. È permanente nell'invisibile. La si può dunque percepire facilmente con il metodo della meditazione profonda e riceverne impulsi e luci interiori. Vi è anche una sorta di dottrina iniziatica universale e questa si esprime tramite il simbolismo universale.

89/c: Attenzione tuttavia. È di tradizione certa e di pratica corrente che degli scambi di pensieri di forze possono aver luogo in occasione di cerimonie rituali. I nostri antenati egiziani dicevano che i riti sacri facevano «discendere gli dei, che si muovevano nei templi e venivano ad animare le loro immagini». In questo consiste il privilegio degli iniziati veri: collegare il cielo alla terra. La loro preghiera ha degli effetti immediati. La scala del nostro grande sigillo lo ricorda. Questo esige una grande purezza di cuore, una grande fede ed una grande fiducia, ed anche un cuore puro da ogni alimento carneo. Questi contatti non possono avvenire che in un ambiente celeste. Qualsiasi paura fisica deve essere assente. «Il mio cuore non trema» diceva l'iniziato a questo grado. Perché temere la presenza di un amico, di un protettore, di una guida benevola? La fede è necessaria, cioè un desiderio, una volontà, un richiamo dell'essere invisibile. Non si ha nulla senza fatica, nulla senza sforzo, nulla senza trasmissione di volontà e di energia. Bisogna dunque chiamare e desiderare.

89/d: Si ottiene allora:

- Una illuminazione personale; l'entrata nel proprio cuore di una gioia celeste, di una saggezza illuminante, di una divina presenza, di un ospite divino. È l'estasi, il rapimento, la soavità dell'unione.

- Una sensazione collettiva di una presenza invisibile che apporta agli astanti aiuto, amore, illuminazione. Il canto collettivo e la formazione della Catena fraterna e rituale, favoriscono questo fenomeno.

89/e: Questi contatti rari ma potenti si accompagnano talvolta a fenomeni fisici: la terra trema oppure lampeggia e cade un fulmine, i vetri si rompono, i muri oscillano. Infatti, l'economia e l'equilibrio del mondo sono turbati da questo fenomeno eccezionale.

89/f: Il vegetarianismo e la continenza dell'officiante sono fattori di successo in questo campo particolare.

89/g: Un particolare addestramento personale dell'adepto è ugualmente necessario. La sua vita deve essere una preghiera permanente. Gli esercizi respiratori o la pratica della sfera bianca favoriscono la padronanza perfetta dello spirito sul corpo e lo sdoppiamento delle nostre facoltà e delle nostre forze. Un serpente di fuoco scorre allora dal coccige alla radice del naso.

89/h: È temerario lasciare il proprio posto durante un esperimento di teurgia.

89/i: Si può giungere ad identificarsi con il Fuoco segreto, motore dell'universo vivente e questo, senza pericolo, senza danno. È il senso del cordone del grado rosso fuoco orlato di nero.

Conclusione del grado 89

Sono possibili dei contatti tra l'uomo di desiderio, l'iniziato, l'amico di Dio e le potenze spirituali che lo superano per la loro natura e le loro possibilità. Ma sono difficili da stabilire. È la ricompensa di un lungo addestramento. Una grazia eccezionale che ricompensa i cuori perseveranti.

5 – Segreti orali del 90° grado di Napoli.

90/a: L'ultimo grado dell'Ordine conferisce all'iniziato una sorta di saggezza cosmica. Plana, domina il mondo, giudica in modo sereno. Assolve così una specie di regalità sociale cosciente simboleggiata dallo scettro del nostro cordone. Si rende conto del dovere degli iniziati di illuminare e guidare i loro simili, gli sfortunati profani, così spesso vittime di cattivi pastori. Qual è il dovere più urgente, il più essenziale? Apportare agli uomini ed insegnare loro la pace.

Tale è il dovere imprescrittibile dell'iniziato: pace agli uomini (formula propria del Rito di Misraïm). Questa pace è contemporaneamente sia interiore (ciascun essere essendo illuminato sul suo proprio sistema ed il suo grandioso destino) che esteriore (la collettività degli uomini che deve organizzare la vita sociale sulla collaborazione pacifica di tutti, ad esclusione di qualsiasi mezzo di coercizione militare). Che sia così: fiat!

90/b: L'iniziato deve anche rendersi conto dei grandi ostacoli che la rivalità commerciale delle nazioni pone all'intesa universale. Deve inoltre prevedere periodi di prove e di offuscamento, di guerre, di rapine, di distruzioni, di crimini, di sCatenamento dell'odio, sotto la pressione del nazionalismo cieco. Deve prevedere che i saggi non saranno più al sicuro, ma conosceranno la persecuzione, la prigione, la tortura e la morte. Prevedendo queste ore di dolore e di regresso sociale, il maestro iniziato dovrà insistere molto perché gli Ordini iniziatici ritornino al segreto tradizionale, alle più severe discipline del lavoro collettivo clandestino, all'adozione di nomi mistici per nascondere i nomi e le identità profane, all'insegnamento rigorosamente verbale con l'esclusione di qualsiasi scritto. Ma non dovrà mai disperare nell'umanità né nella lenta progressione del suo destino. Valutare serenamente ogni cosa, è la saggezza ch'è chiamata Sophia.

90/c: L'iniziato non deve mai perdere la fiducia in se stesso. Egli ha in sé una particella di divinità, un fuoco segreto di eternità. Deve contemporaneamente (vedi il grembiale) dare dei frutti spirituali e rendersi umanamente e socialmente utile; e non perdere mai il contatto con la potenza suprema. Da qui, sul suo grembiale, l'albero carico di frutti a sinistra e la scala mistica a destra.

Conclusione del grado 90

Il saggio è il possessore e l'iniziatore della pace.

Note complementari:

Questo riassunto della tradizione orale dei quattro ultimi gradi del Rito di Misraïm, Regime di Napoli, insegnata dal nostro rimpianto Gran Maestro, Fr.^. Armand Rombauts (Phanar) ci dà in realtà un insieme di segreti tradizionali, di cui alcuni si ritrovano nella tradizione religiosa ellenica, in particolare nei due trattati di Plutarco, il De Sera Numinis Vindincta ed il De Facie In Orbe Lunæ . Se ci ricordiamo che Plutarco fece il viaggio in Egitto dove fu ammesso a certi segreti, l'autenticità di questa tradizione egitto-greca non può essere contestata. Il Rito di Misraïm è così il solo dei riti della Massoneria che dia ai suoi adepti un insegnamento reale, conforme alle fonti storiche più accreditate. Il suo spiritualismo di base, la sua escatologia egitto-greca, la sua alta devozione gli hanno senza dubbio molto nuociuto presso le obbedienze materialiste che hanno fatto deviare la Massoneria dai suoi Doveri originali. Che importa! L'esistenza di Misraïm basta ad assicurare nel mondo la permanenza di un messaggio antico di fede, di fiducia e di speranza nei destini dell'uomo.

- Arcanum è il nominativo di una parola latina neutra singolare derivata da arca , cassa. Significa “segreto” piuttosto che “mistero”, termine troppo equivoco in questo campo. Nel nominativo plurale: arcana , i segreti. Nel genitivo plurale: arcanorum . Dunque Arcana Arcanorum , i segreti dei segreti.

- La testimonianza è di Jean-Marie Ragon, nel suo Corso filosofico ed interpretativo delle iniziazioni antiche e moderne , Parigi, Berlandier, 1841, pp. 344-348. Lo confermerà nella sua Ortodossia massonica , Parigi, Dentu, 1853, pp. 184-189 e nella sua Tegolatura generale della massoneria o manuale degli iniziati , Parigi, Collignon, 1861, pp. 234-308.

- Questa introduzione si fece in seno di un Supremo Consiglio del 90° da fratelli fautori di un ricongiungimento del rito di Misraïm in seno al Grande Oriente di Francia. Avendo questo definitivamente rifiutato il suo riconoscimento, questo Supremo Consiglio entrò in sonno nel dicembre 1817.

- Parlando degli ultimi gradi di questo Rito, Ragon afferma: “Riproduciamo i quattro ultimi gradi del Rito di Misraïm apportato dal Supremo Consiglio di Napoli, dai ff. Joly, Gaborria e Garcia. Qualunque lettore imparziale, che li confronterà, vedrà quanto questi gradi differiscano da quelli che enunciano i ff. Bédarride”. Aggiunge peraltro una nota: “Questa spiegazione e gli sviluppi dei gradi 87, 88 e 89, che formano tutto il sistema filosofico del vero Rito di Misraïm, soddisfa lo spirito di ogni massone istruito… Tutto questo rito si riassume infatti nei quattro gradi filosofici di Napoli…”. (Jean-Marie Ragon, Tegolatore Generale, Parigi, Collignon, 1861, pp. 247 e 307, nota 1).

- Athanor (dal greco a , privativo e thanatos , morte): sorta di fornello nel quali il carbone, cadendo man mano che si consumava, manteneva a lungo un moderato fuoco.

- Gran Commendatore del Cavaliere dell'aquila nera, Cavaliere dell'Aquila e del Sole, Cavaliere Sublime Filosofo.

torna su




 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, è un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarà autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non è responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.20 Secondi