Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore || Felicità, la negazione del dolore || Il Dolore nell’Insegnamento iniziatico || Legge di Risposta Espansiva e Legge del Quattro Inferiore || Del senso pratico della Massoneria || Il risveglio dei centri || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /2.5 || Della qualità del consiglio || Avere coscienza di cosa si vuole |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: News da Esonet.com ::

:: ThePlanetarySystem ::

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


 
SviluppoCoscienziale: L'Uomo è quel che sa e diventa ciò che pensa
Argomento:Alchimia del Fuoco

Alchimia del FuocoL'Uomo è il pensiero ed il pensiero è l'Uomo. Così nasce il postulato che «l'Uomo è quello che sa e diventa ciò che pensa».
Per cui, è il pensiero la vera identità dell'uomo non il suo corpo.

Documento senza titolo

L'Uomo è quel che sa e diventa ciò che pensa (fantasmi astrali)

di Athos A. Altomonte

© copyright by Esonet.it


L'Uomo è il pensiero ed il pensiero è l'Uomo. Così nasce il postulato che «l'Uomo è quello che sa e diventa ciò che pensa». Per cui, è il pensiero la vera identità dell'uomo non il suo corpo.

Il pensiero è l'elemento aereo che fa entrare la mente in comunione con il Divino. Nell'antichità, il lampo d'intuizione è considerato un “dono degli Dei”. Un dono pressoché inservibile finché il pensiero è asservito alla sostanza materiale, dove, prigioniero, passa lunghi cicli di vita prima di potersi liberare dai suoi vincoli.

Prigioniero delle sensazioni fisiche, il pensiero vive, cresce e si dissolve rinchiuso in mondi mentali nelle cui profondità abitano gli spettri di ciò che l'uomo è stato, ha pensato, ha fatto, o ha detto. Il passato è un fantasma fatto d'immagini (eggregore astrale) da cui ci si libera scendendo in sé stessi per confrontarsi con le figure trattenute nelle profondità dell'inconscio (v. la discesa negli inferi). Anche quando vengono abbandonate a sé stesse e apparentemente dimenticate, le immagini mentali (idee, ricordi) restano entità vitali che cercano di sopravvivere. E lo fanno sviluppando tattiche raffinate, come suggestioni (sogni, miraggi) e seduzioni (desideri e passioni). A cui pochi sanno resistere, perchè le ritengono proprie.

 

Elementari ed Elementali

I fantasmi astrali vivono nell'inconscio e i devozionali li dipingono come diavoli tentatori. Una giusta metafora, visto che sono loro a suggerire alla mente di rinnovare le passioni, che servono loro per sopravvivere. Ma sarebbe più appropriato chiamarli vampiri energetici.

Non vanno confusi con gli spiriti elementali, detti anche piccole vite , che sono le operose entità vitali che si prodigano nell'aiutare la vita fisica. Gli spiriti elementari sono i fantasmi astrali sopravvissuti alla morte del corpo fisico. Vivono la dimensione astrale e lì continuano a vivere fino alla consunzione. Per prolungare la propria esistenza, quindi, i gusci di energia astrale cercano emissioni affini, attirati dai luoghi che emanano forti passioni. E per questo nulla c'è di più sostanzioso delle folle, con le loro emozioni, esaltazioni ed isterie.

 

Ogni sentimento violento contro qualcosa o per qualcuno è l'alimento più vigoroso per i parassiti. Gli elementari sono intelligenze minime, elementari appunto, ma egualmente capaci di cerare suggestioni di grandi seduzione per menti ambiziose. Ispiratori di ideologie, essi incalzano, infervorano, esaltano, esasperano ed infuocano gli animi, attizzandovi sentimenti di supremazia e di dominio. Spiriti di autorità dispotiche, annebbiano le menti con i “fumi” di guerre di stato e religiose, o gravitano attorno ai vapori di morte dei mattatoi, degli ospedali e dei cimiteri.

Gli elementari vivono nel lato oscuro della vita, attratti dagli effluvi negativi che li ha generati. La sensualità degenerata, le allucinazioni delle droghe e dell'alcool; la violenza dei carceri e di certi raduni sportivi, solo per citare qualche loro campo d'azione.

Altro elemento d'attrazione è l'energia negativa prodotta dalle religiosità astrali, ma per elencare gl'inganni celati nei culti popolari e nelle fantasie paesane ci vorrebbe un libro. Anche se in forma ridotta, accanto ai culti popolari troviamo le sedute spiritiche, altra seduzione da cui i parassiti assorbono energia dagli astanti, facendoli credere, sentire o vedere chissà che e chissà cosa.

Ma guadiamoci bene. Se il parassitismo energetico sopravvive grazie ai miraggi dei suoi prestigiatori, i trucchi non funzionerebbero se non ci fosse chi è immediatamente pronto a goderseli.

Anche qui l'autocommiserazione non convince. Senza atteggiarsi a vittime del maligno bisognerebbe adottare, addirittura più volte al giorno, una giusta dose di autocritica. Magari fino a vedersi nelle giuste proporzioni, che saranno sicuramente meno grandi di quel che si vorrebbe. La “furba modestia” con la morale non c'entra. E liberarsi del parassitismo psichico è piuttosto una questione d'igiene mentale, oltre che fisica. È questo il senso di molte malattie psicosomatiche.

 

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, è un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarà autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non è responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.14 Secondi