Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Il Nuovo Gruppo dei Servitori Mondiali || Esoterismo della parola || La Stele dell'Inventario di Giza la “sindone” della Grande Piramide / 5 || la Stele dell'Inventario di Giza la “sindone” della Grande Piramide / 4 || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /3.1 || Iniziare a conoscere se stessi (nel bene e nel male) || La Stele dell'Inventario di Giza la “sindone” della Grande Piramide / 3 || Equilibramento e sintesi degli opposti || Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


:: 2 News da Esonet.com ::
·The Warrior unchanged in joy and in suffering
·Happiness, the negation of suffering
·Suffering in the initiatory Teaching
·The Journey through the Great Work /2.5
·World of Noise – World of Silence
·The Heroic Path
·The inner disciple
·Imago Templi / 6.17
·The Sensitive Sphere
·The Three Lights, the Four Castes and the Four Ages

Altro...

:: 2 The Planetary System ::
·Arte del Governo
·Passi sul Sentiero
·Il mondo parallelo
·Alcuni criteri per la compilazione del Lambdoma Economia
·Nuova Religione mondiale
·Collaborare per creare comunione nella comunità
·Plenilunio in Libra: l’Arte del Pensiero
·Libra 2018
·Segni del Cielo anno 2018 – 4° quarto di ciclo
·Comunicazione consapevole

Altro...

 
: La genesi della Massoneria iniziatica
Argomento:Massoneria

Massoneria«Come ogni altra entità fisica, anche il Corpus massonicum è composto da idee e da materialità. E dipenderà solo dalla volontà del singolo adepto far prevalere ora l'una ora l'altra delle due sostanze. L'iniziato, invece, equilibra, somma ed annulla ogni differenziazione nel biancore della sintesi che gli illumina la mente.»

Documento senza titolo

La genesi della Massoneria iniziatica

di Athos A. Altomonte

© copyright by Esonet.it


«Come ogni altra entità fisica, anche il Corpus massonicum è composto da idee e da materialità. E dipenderà solo dalla volontà del singolo adepto far prevalere ora l'una ora l'altra delle due sostanze. L'iniziato, invece, equilibra, somma ed annulla ogni differenziazione nel biancore della sintesi che gli illumina la mente.»

 

Il compagnonaggio dei liberi muratori era una Corporazione artigiana che in Europa, si dedicava alla costruzione di Templi, Chiese e Cattedrali. Liberi perché, in tempi d'oscurantismo e di sottomissione, le sue maestranze erano sollevate da dazi, gabelle, servitù feudali e dall'obbligo d'armi.

Per eseguire i propri lavori schiere di artigiani si muovevano di regno in regno, senza doveri particolari a cui sottomettersi. Così, per la regola di «come in alto è in basso», operai , scalpellini e maestri d'ascia godevano di esenzioni che, in quei tempi erano privilegio di pochi altri uomini, tutti di alto lignaggio. Ma la ragione di tanta stima era la potenza dell'Ordine che avevano alle spalle. All'Ordine Templare appartenevano le menti che concepirono Templi e Cattedrali come non si erano mai visti. Nell'elevazione dello stile gotico, si elaborava il suono silenzioso*, che risuona nello spazio interno di ogni Tempio e Cattedrale (l'area sonora). Il suono (simbolo di Dio) che vibrava nei manufatti di pietra (simbolo della materialità), diventava il simbolo vivente della Grande Opera dell'universo. Ed ogni Cattedrale (che al pari delle Commende templari rifletteva la precisa analogia con un punto astronomico), rappresentò un atto elevato dall'uomo ad onore e gloria del Grande Costruttore del creato.

__________

* Sull'argomento degli spazi che risuonano, il ricercatore può muoversi dalla scienza del suono di Pitagora, all'analisi sull'Armonica di Hans Kaiser, all'attuale fisica del suono o, più semplicemente, rivolgersi al breve trattato: “Le Pietre che cantano” di Marius Schneider pref. Elèmire Zolla.
__________

 

Naturalmente i segreti d'arte delle Corporazioni muratorie si riferivano a modi di edificare, d'intagliare e di scolpire. E la devozione di quegli artigiani, quando esisteva, era rivolta alle immagini di pietra e ai simboli ch'essi scolpivano con le proprie mani. Dunque, al di là d'ogni mistica leggenda, e considerando il risvolto trascendente che è posto alla base di ogni ordine iniziatico, le origini della Libera Muratoria non ebbero la classica impronta iniziatica. Ma si fondavano sulle severe regole di una rigida manualità di mestiere, impegnandosi su interessi corporativi e di mutua assistenza come era nello spirito di molte altre gilde di artigiani e commercianti. Allora, la chiave dell'imprevedibile sviluppo che coinvolse la Libera Muratoria, anche su quei temi di trascendenza che accompagnavano l'antica tradizione misterica mediterranea, va ritrovata nell'oscurantismo opprimente di quei tempi.

Dove l'intolleranza del potere perseguitava ogni diversità, spegnendo con veemenza ogni focolaio d'illuminismo, di scienza e di spiritualità che non fossero in sintonia con i criteri sovrani e gli interessi della Chiesa di Roma. E in tempi di persecuzione, le prerogative di cui era depositaria la Libera Muratoria, ne fece il rifugio ideale quanto anonimo, di uomini su cui s'allungava l'ombra inquisitoria che ne minacciava la libertà e la vita.

Trentatre superstiti dell'Ordine Templare costituirono l'Ordine dei Frati Consolati (i Rosa+Croce) e parte di essi, assieme ad altri, rifluirono nelle fila degli artigiani che si erano mantenuti liberi e saldi (vedi La diaspora templare, fino alla confraternita dei R+C). La spinta intellettuale che ne scaturì, fece delle Logge dei liberi muratori un polo d'attrazione per altri perseguitati che non vollero abiurare le proprie convinzioni, di qualsiasi natura esse fossero. Studiosi, ricercatori, sperimentatori e riformatori trovarono asilo nelle Logge, investendovi capacità intellettuali e doti spirituali.

Un rinnovato eclettismo fomentò idee che vennero trasmesse nei segni e nei simboli dei compagni muratori trasformando, così, il loro linguaggio d'arte in un contenitore di conoscenza iniziatica. Ed anche se grandi Ordini furono polverizzati dalla barbarie dei tempi, le idee che trasmigrarono nei simboli muratorii, preservarono intatta la loro essenza. Con significati che vennero occultati nei segni architettonici dalla geometricità apparentemente insignificante e nell'arte decorativa che, con le sue forme, sembrava limitarsi ad interpretare canoni d'armonia e bellezza. Niente di più ingannevole. Perciò, nonostante tutto, vennero conservati i significati più pregnanti di un'antica tradizione iniziatica.

Se ne può trarre un esempio nella costituzione del grado di maestro massone. Fondando questo grado l'influenza rosa+croce accentrò il rituale d'iniziazione, su uno psicodramma in cui veniva rappresentata la resurrezione nella carne dell'uomo dello spirito di un Maestro divino, che ricordava la resurrezione in terra dell'Iniziato, così come veniva concepita dalla mistica gnostica. Come questo, anche ogni altro innesto coniugò elementi di un'intuitività illuminata alle rozze pratiche manuali, figliando un prezioso scrigno di conoscenze antiche, che ancora non tutti conoscono e che non tutti vogliono ancora conoscere.  

 

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

Argomenti Correlati

Misteri dei CostruttoriStoria Nascosta

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, è un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarà autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non è responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.20 Secondi