Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Equilibramento e sintesi degli opposti || Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore || Felicità, la negazione del dolore || Il Dolore nell’Insegnamento iniziatico || Legge di Risposta Espansiva e Legge del Quattro Inferiore || Del senso pratico della Massoneria || Il risveglio dei centri || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /2.5 || Della qualità del consiglio |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: News da Esonet.com ::

:: ThePlanetarySystem ::

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


 
dall'Encyclopedie: Adorare
Argomento:Letture d'Esoterismo

Letture d'EsoterismoAntologia dell'«Encyclopédie» di Diderot e D'Alembert

Adorare, onorare, riverire. Tre verbi usati egualmente per il culto religioso e per il culto civile.
In religione, si adora Iddio, si onorano i Santi, si riveriscono le reliquie e le immagini.
Nel culto civile, si adora un'amante, si onorano le persone dabbene, si riveriscono le persone illustri e quelle particolarmente di merito.

Documento senza titolo

Antologia dell'«Encyclopédie» di Diderot e D'Alembert

curato da Roberta Giammaria

prodotto per Esonet.it


Adorare

Adorare, onorare, riverire. Tre verbi usati egualmente per il culto religioso e per il culto civile.

In religione, si adora Iddio, si onorano i Santi, si riveriscono le reliquie e le immagini.

Nel culto civile, si adora un'amante, si onorano le persone dabbene, si riveriscono le persone illustri e quelle particolarmente di merito.

In fatto di religione, adorare è tributare all'essere supremo un culto di dipendenza e di obbedienza; onorare è tributare ad esseri subalterni, ma sempre spirituali, un culto di invocazione; riverire è tributare un culto esteriore di rispetto e osservanza ad esseri materiali, in riguardo degli esseri spirituali cui essi appartengono.

Nello stile profano, si adora votandosi interamente al servizio di una persona amata, e ammirandone persino i difetti; si onora con attenzioni, riguardi e cortesie; si riverisce dando segni di un'alta stima e di una considerazione al di sopra del comune.

La maniera di adorare il vero Dio non deve mai uscire dalla ragione: perché Iddio è il creatore della ragione, ed Egli ha voluto che noi ce ne serviamo anche nel giudicare quanto convenga fare o non fare a suo riguardo. Non si onoravano, forse, i Santi, e non si riverivano, forse, le loro immagini e le loro reliquie nei primi secoli della Chiesa, come invece si è fatto poi, a causa dell'avversione in cui era tenuta l'idolatria e della circospezione che si nutriva per un culto i cui precetti non erano ancora molto formali.

La bellezza si fa adorare solo quand'è condita di grazia; e questo culto non può quasi mai giustificarsi, perché il capriccio e l'ingiustizia sono soventissimo compagni della bellezza.

L'educazione del popolo si limita a fare sì che viva in pace e familiarmente con i suoi eguali. Il popolo non sa che cosa sia onorarsi reciprocamente: è un sentimento questo proprio d'un ceto superiore. La virtù merita di essere riverita; ma chi la riconosce? Eppure trova il suo posto dappertutto.

 

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, è un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarà autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non è responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.14 Secondi