Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Il Nuovo Gruppo dei Servitori Mondiali || Esoterismo della parola || La Stele dell'Inventario di Giza la “sindone” della Grande Piramide / 5 || la Stele dell'Inventario di Giza la “sindone” della Grande Piramide / 4 || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /3.1 || Iniziare a conoscere se stessi (nel bene e nel male) || La Stele dell'Inventario di Giza la “sindone” della Grande Piramide / 3 || Equilibramento e sintesi degli opposti || Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


:: 2 News da Esonet.com ::
·The Warrior unchanged in joy and in suffering
·Happiness, the negation of suffering
·Suffering in the initiatory Teaching
·The Journey through the Great Work /2.5
·World of Noise – World of Silence
·The Heroic Path
·The inner disciple
·Imago Templi / 6.17
·The Sensitive Sphere
·The Three Lights, the Four Castes and the Four Ages

Altro...

:: 2 The Planetary System ::
·Arte del Governo
·Passi sul Sentiero
·Il mondo parallelo
·Alcuni criteri per la compilazione del Lambdoma Economia
·Nuova Religione mondiale
·Collaborare per creare comunione nella comunità
·Plenilunio in Libra: l’Arte del Pensiero
·Libra 2018
·Segni del Cielo anno 2018 – 4° quarto di ciclo
·Comunicazione consapevole

Altro...

 
Educazione Esoterica: Un principio di reciprocità collega uomo ed universo
Argomento:Letture d'Esoterismo

Letture d'EsoterismoIl principio dell'etica vivente

Esiste un principio di reciprocità che collega l'uomo al pianeta e all'universo, e viceversa. Si è sempre pensato che l'universo facesse parte dell'uomo e che l'uomo fosse un atomo vivente dell'universo.
La partecipazione comincia dalla sua aura che, attraverso quella planetaria, assorbe l'energia solare che gli è necessaria. L'uomo trae nutrimento dalla sostanza planetaria, trasformando il cibo in energia fisica e mentale che usa per concretizzare se stesso, la forma fisica e mentale attraverso le quali agisce.

Documento senza titolo

Un principio di reciprocità collega uomo ed universo

di Athos A. Altomonte

© copyright by Esonet.it


Esiste un principio di reciprocità che collega l'uomo al pianeta e all'universo, e viceversa. Si è sempre pensato che l'universo facesse parte dell'uomo e che l'uomo fosse un atomo vivente dell'universo. La partecipazione comincia dalla sua aura che, attraverso quella planetaria, assorbe l'energia solare che gli è necessaria. L'uomo trae nutrimento dalla sostanza planetaria, trasformando il cibo in energia fisica e mentale che usa per concretizzare se stesso, la forma fisica e mentale attraverso le quali agisce.

Simile al principio «do ut des» (dare e avere), l'uomo vive dell'energia che riceve. Allo stesso tempo, con la sua vita contribuisce a far vivere il pianeta, restituendogli un valore pari alle qualità che riesce a sviluppare in se stesso. Questo concetto non è poi tanto oscuro, pensando a quanto sia forte l'interazione tra uomo e pianeta. L'uomo fisico è costituito di sostanza planetaria e la sua vita fisico-energetica dipende dal pianeta. Il pianeta è a sua volta influenzato dall'uomo, che attraverso sé stesso può valorizzare le energie fisiche e sottili, oppure disperderle od intossicarle.

Tutto dell'uomo influenza la natura planetaria. Quello che fa influisce sulla sostanza fisica, quello che pensa ne impressiona l'energia sottile. Anche moltiplicarsi influenza la vita planetaria.

Quando prende coscienza della reciprocità che lo lega all'energie planetaria e cosmica, che lo fanno esistere, nell'uomo nasce la consapevolezza (non solo nella mente ma anche nel cuore) che diventa senso di responsabilità, verso se stesso e verso la vita dell'universo. Questo pensiero sviluppa una morale molto particolare. Una sensibilità etica che in passato è stata chiamata etica vivente. Vediamo di riassumerne il principio.

 

Il principio dell'etica vivente

Come si è detto l'uomo nasce per una sorta di investimento di energia sottile (nucleare) e di materia vivente (organica) che gli permette di nascere, crescere e di conquistarsi una qualche autonomia sviluppando mente e coscienza. Una mente cosciente e consapevole, avverte il senso di responsabilità nei confronti dell'investimento fatto per animarla e sostenerla, e capisce che se reciprocità vuole dire ricevere, significa anche restituire, non ringraziando ma facendo qualcosa di veramente utile. La restituzione avviene con profitto se si rende migliore ciò che si è usato (energia nucleare e sostanza organica). La “giusta restituzione” è quella di aumentare il valore di se stessi e della propria esistenza, dando il giusto riconoscimento alla propria origine, che non è solo planetaria ma anche cosmica.

Nel pensiero di essere una porzione d'identità cosmica, il concetto d'identità umana si allarga, diventando la somma tra due identità. Una fisica (mente e coscienza) ed una sottile (anima e spirito). A questo punto si accede al fondamento dell'etica vivente, per cui l'arricchimento dell'identità fisica è quello di ritrovare la propria controparte sottile.  

 

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

Argomenti Correlati

Alchimia del Fuoco

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, è un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarà autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non è responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.18 Secondi