Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore || Felicità, la negazione del dolore || Il Dolore nell’Insegnamento iniziatico || Legge di Risposta Espansiva e Legge del Quattro Inferiore || Del senso pratico della Massoneria || Il risveglio dei centri || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /2.5 || Della qualità del consiglio || Avere coscienza di cosa si vuole |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: News da Esonet.com ::

:: ThePlanetarySystem ::

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


 
Teosofia: Istruzioni Segrete per Probandi - Istruzione II (Parte 1)
Argomento:Letture d'Esoterismo Orientale

Letture d'Esoterismo OrientaleTenuto conto della natura astrusa dei soggetti con cui abbiamo a che fare, questa istruzione inizierà con una spiegazione di alcuni punti su cui sembra ci siano delle contraddizioni.
Gli astrologi, di cui abbiamo molti rappresentanti tra gli Esoteristi, saranno probabilmente confusi da alcune affermazioni che chiaramente contraddicono i loro insegnamenti; mentre coloro che non sanno nulla del soggetto potrebbero trovarsi in contrasto fin dall’inizio con coloro che hanno studiato i sistemi exoterici di Cabala ed Astrologia. poiché, diciamolo con chiarezza, niente di ciò che è stampato pubblicamente, e disponibile ad ogni studente nelle biblioteche pubbliche o musei, è veramente esoterico; sarà deliberatamente “velato” o non potrà essere compreso e studiato con profitto senza un glossario completo di termini occulti.

Documento senza titolo

Istruzioni Segrete per Probandi di una Scuola Esoterica Arcana

di Helena Petrovna Blavatsky


Istruzione n° II - Strettamente Privato e Confidenziale

Tenuto conto della natura astrusa dei soggetti con cui abbiamo a che fare, questa istruzione inizierà con una spiegazione di alcuni punti su cui sembra ci siano delle contraddizioni.

Gli astrologi, di cui abbiamo molti rappresentanti tra gli Esoteristi, saranno probabilmente confusi da alcune affermazioni che chiaramente contraddicono i loro insegnamenti; mentre coloro che non sanno nulla del soggetto potrebbero trovarsi in contrasto fin dall’inizio con coloro che hanno studiato i sistemi exoterici di Cabala ed Astrologia. poiché, diciamolo con chiarezza, niente di ciò che è stampato pubblicamente, e disponibile ad ogni studente nelle biblioteche pubbliche o musei, è veramente esoterico; sarà deliberatamente “velato” o non potrà essere compreso e studiato con profitto senza un glossario completo di termini occulti.

Le seguenti informazioni e spiegazioni, perciò, potranno essere di aiuto allo studente, assistendolo nel formulare gli insegnamenti dati nelle istruzioni precedenti.

Nel Diagramma I si osserverà che i centri 3, 7 e 10 rappresentano rispettivamente quanto segue:

il 3 riguarda il Mondo Spirituale dell’Assoluto – interessa i tre principi più alti nell’uomo;

il 7 appartiene ai mondi Spirituale, psichico e fisico ed al corpo dell’uomo – Fisica, Metafisica e Iperfisica sono la triade che simboleggia l’uomo su questo livello;

il 10, o la somma totale di questi, rappresenta l’Universo come un intero, in tutti i suoi aspetti, ed anche il suo Microcosmo – l’Uomo, con i suoi dieci orifizi.

Lasciamo da parte per il momento la Decade Superiore (Cosmo) e la Decade Inferiore (Uomo); i primi tre dei sette numeri separati hanno un riferimento diretto con Spirito, Anima ed Involucro Aurico dell’Essere Umano, così come con il Mondo Superiore Super-sensuale. I quattro inferiori, o i quattro aspetti, appartengono anch’essi all’Uomo così come al Cosmo Universale, l’intero essere sintetizzato dall’Assoluto.

Se questi tre gradi discreti o distributivi sono concepiti, secondo la simbologia di tutte le religioni orientali, come contenuto in un Ovum o Uovo, la natura di quell’Uovo sarà Swabhavat, o il Tutto-Essere sul piano manifesto. Questo Universo non ha, in realtà, né centro né periferia; ma ha questa definizione nella mente individuale e finita dell’uomo, conseguenza naturale dei limiti del pensiero umano.

Nel Diagramma II, come già affermato, non si deve tener conto dei numeri usati nella colonna di sinistra, dato che si riferiscono alle Gerarchie di Colori e Suoni sul piano metafisico e non sono i numeri caratteristici dei princìpi umani o dei pianeti. I princìpi umani sfuggono all’elencazione, poiché ogni uomo differisce da ogni altro, così come due fili d’erba saranno assolutamente differenti dovunque sulla terra. La numerazione qui è una mera questione di progresso spirituale e la naturale preponderanza di un principio sopra un altro.

Per una persona potrebbe essere Buddhi ad essere indicato con il numero uno; per un’altra, per esempio un sensualista, i Manas Inferiori. Per uno il corpo fisico, o forse Prana (il principio-vita) sarà sul primo e più alto piano, come sarebbe nel caso di un uomo estremamente sano, pieno di vitalità; per un altro questo potrebbe essere il sesto o il settimo. Ancora, i colori ed i metalli corrispondenti al pianeta ed ai princìpi umani (come osserveremo) sono quelli non conosciuti exotericamente dagli astrologi moderni e dagli Occultisti Occidentali.

Vediamo da dove prende le sue nozioni di corrispondenza di pianeti, metalli e colori il moderno Astrologo. E qui ricordiamo il moderno orientalista che, giudicando dalle apparenze, attribuisce agli antichi Accadici (ed anche ai Caldei, Egizi ed Hindu) la nozione che l’Universo, ed allo stesso modo la Terra, sia come un vaso a forma di campana capovolta! Questo l’ha dimostrato indicando le rappresentazioni simboliche di alcune iscrizioni Accadiche e le sculture Assire. Non è questa la sede adatta per spiegare quanto l’Assiriologo sia in errore, poiché tali rappresentazioni sono semplicemente simboliche del Khargak-Kurra, la Montagna del Mondo di Meru, e si riferisce solo al Polo Nord, la terra degli Dei. (vedi “Dottrina Segreta” Vol II, p.357 – nuova ed. II; p. 375)

Gli Assiri organizzarono il loro insegnamento exoterico sui pianeti e le loro corrispondenze come segue:

Numeri

Pianeti

Metalli

Colori

Giorni Solari della Settimana

1

Saturno

Piombo

Nero

Sabato (da cui Sabbath, in onore di Geova)

2

Giove

Stagno

Bianco, ma spesso Viola o Arancio

Giovedì

3

Marte

Ferro

Rosso

Martedì

4

Sole

Oro

Giallo-Oro

Domenica

5

Venere

Rame

Verde o Giallo

Venerdì

6

Mercurio

Mercurio

Blu

Mercoledì

7

Luna

Argento

Argento-Bianco

Lunedì

Questa è la sistemazione ora adottata dagli Astrologi Cristiani, con l’eccezione dell’ordine dei giorni della settimana, di cui, associando i nomi solari planetari con le settimane lunari, hanno fatto una terribile confusione, come dimostrato nell’Istruzione I. Questo è il sistema geocentrico Tolemaico, che rappresenta l’Unverso come nel diagramma seguente, mostrando la nostra terra al centro dell’Universo ed il Sole come un pianeta, il quarto:

E se la Cronologia e l’ordine dei giorni della settimana Cristiani vengono quotidianamente denunciati per essere basati su fondamenti astrologici completamente sbagliati, è tempo di cominciare a fare delle riforme anche in Astrologia, costruita sulle stesse basi e che ci giunge completamente dalle masse exoteriche Caldee ed Assire.

Ma le corrispondenze date nelle nostre Istruzioni sono puramente esoteriche. Per questa ragione ne consegue che quando ai pianeti del sistema solare viene dato un nome o vengono simboleggiati (come nel Diagramma II), non si deve supporre che ci si riferisca ai corpi planetari stessi, ma su un piano puramente fisico della natura settenaria dei mondi psichici e spirituali. Un pianeta materiale può corrispondere a qualcosa di materiale. Perciò quando si dice che Mercurio corrisponde all’occhio destro, non significa che il pianeta oggettivo abbia alcuna influenza sull’organo ottico destro, ma che si corrispondono misticamente tramite Buddhi. L’uomo deriva la sua anima spirituale (Buddhi) dall’essenza del Manasa Putra, i Figli della Saggezza, che sono gli Esseri Divini (o angeli) che dominano e presiedono il pianeta Mercurio.

Allo stesso modo Venere, Manas, e l’occhio sinistro sono considerati corrispondenze.

Esotericamente non c’è, in realtà, un’associazione di occhi fisici e pianeti fisici, ma esotericamente esiste; poiché l’occhio destro è “l’Occhio della Saggezza”, corrisponde magneticamente con il centro occulto nel cervello che chiamiamo “Terzo Occhio” (vedi “Dottrina Segreta” Vol. II, 302 e seg.), mentre il sinistro corrisponde alla mente intellettuale, o quelle cellule che sono l’organo sul piano fisico della facoltà di pensiero.

Il triangolo Cabalistico di Kether, Chokmah e Binah mostra che, Chokmah e Binah, o Saggezza ed Intelligenza, il Padre e la Madre, o ancora, il Padre ed il Figlio, sono sullo stesso piano e reagiscono reciprocamente l’uno all’altro.

Quando la coscienza individuale si rivolge verso l’interno, ha luogo la congiunzione di Manas e Buddhi. Nell’uomo spiritualmente rigenerato questa congiunzione è permanente, il Manas superiore si avvinghia a Buddhi oltre la soglia di Devachan, e l’Anima, o meglio lo Spirito, che non deve essere confuso con Atma (il Super-Spirito), si dice abbia “l’Occhio Singolo”. Esotericamente, in altre parole, il “Terzo Occhio” è attivo. Ora Mercurio è chiamato Hermes e Venere Afrodite, e dunque la loro congiunzione nell’uomo sul piano psico-fisico gli dà il nome di Ermafrodito, o Androgino. L’uomo assolutamente Spirituale corrisponde direttamente ai “cerchi colorati” superiori, il Prisma Divino che emana dall’Uno Infinito Cerchio Bianco; mentre l’uomo fisico emana dalla Sephira, che sono le Voci o i Suoni della Filosofia Orientale. E queste “Voci” sono inferiori ai “Colori” poiché sono le sette Sephire inferiori, o i Suoni oggettivi, visti, non sentiti, come lo Zohar (II, 81,6) mostra, ed anche il Vecchio Testamento. Infatti, se tradotto correttamente, il verso 18 del Capitolo 20, Esodo, dice: “E la gente vide le Voci,” o (Suoni) sono le sephire. (Franck’s Die Kabala, p. 314 e seg.)

Allo stesso modo le narici destra e sinistra, in cui si inala il “Respiro della Vita,” (Gen. II, 7), si dice corrispondano al Sole ed alla Luna, come Brahma-Prajapati e Vach, od Osiride ed Iside, sono i genitori della vita naturale. Questo Quaternario, cioè i due occhi e le due narici, Mercurio e Venere, Sole e Luna, costituisce gli Angeli Custodi della Cabala dei Quattro Angoli Della Terra.

Lo stesso succede nella Filosofia Esoterica Orientale che, comunque, aggiunge che il Sole non è un pianeta, ma la stella centrale del nostro sistema e che la Luna è un pianeta morto, da cui se ne sono andati tutti i princìpi; ed entrambi vengono sostituiti, il primo da un pianeta invisibile inter-Mercuriale e l’altro da un pianeta che sembra ora essere completamente scomparso dalla vista. Questi sono i quattro Maharajah della Dottrina Segreta (vol. I, p.122 – nuova ed. I, 147), i “Quattro Santi” connessi con Karma ed Umanità, Cosmo ed Uomo, in tutti i loro aspetti. Essi sono: il Sole, o il suo sostituto, Michele; la Luna, o il sostituto Gabriele; Mercurio, Raffaele; e Venere, Uriel. Non c’è bisogno di ripetere che i corpi planetari stessi, essendo solo simboli fisici, non hanno riferimenti nel sistema exoterico ma di regola le loro forze cosmiche, psichiche, fisiche e spirituali sono simboleggiate sotto questi nomi. In breve, i sette pianeti fisici sono le Sephire minori della Cabala ed il nostro Sole fisico, di cui vediamo solo il riflesso, è simboleggiato, o meglio personificato, dalla triade superiore o Corona Sephirotica. Tutto ciò sarà dimostrato. Intanto indichiamo, come le opere di Origene confermano, quando dice che “i sette demoni dominanti” (Geni o dominatori planetari) sono Michele, il Sole (dall’aspetto di Leone) il secondo in ordine, il Toro, Giove o Suriel, ecc.; e tutti questi, i “Sette della Presenza”, sono le Sephire. L’albero sephirotico è l’Albero dei Pianeti Divini come indicati da Porfirio, o l’Albero di Porfirio, come è chiamato di solito.

D’altra parte sarà bene specificare che i numeri legati ai princìpi psichici nel Diagramma I appaiono al contrario di quelli nella Tavola I. Anche questo è dovuto al fatto che i numeri in questa connessione sono puramente arbitrari e cambiano in ogni scuola. Alcune scuole ne contano tre, alcune quattro, alcune sei ed altre sette, come tutti gli Esoteristi Buddisti. Nella Tavola I, i numeri dei princìpi non coincidono con i numeri usati nel Diagramma I, semplicemente perché i primi sono quelli usati da ora in poi negli insegnamenti semi-exoterici di Teosofia, per esempio nel Buddismo Esoterico. Come già detto – nella Dottrina Segreta vol. I, p. 122; nuova ed. 1, 147 – sin dal quattordicesimo secolo la Scuola Esoterica è stata divisa in due scomparti, uno per i Lanoo superiori o Chela Superiori e l’altro per il circolo esterno, o chela profani.

Al Signor Sinnett fu detto chiaramente, nelle lettere che ricevette da uno dei Guru, che “non gli poteva essere insegnata” la vera Dottrina Esoterica, elargita solo ai discepoli impegnati del Circolo Interno. Perciò sarebbe forse più semplice se ogni studente aggiungesse all’enumerazione exoterica dell’ordine nella Tavola I, quella segreta data nel Diagramma II. Ma anche questo richiede uno studio speciale. I numeri ed i princìpi non procedono in sequenza regolare, come le bucce di una cipolla, ma lo studente deve dedurre da sé il giusto numero per ognuno dei suoi princìpi, quando per lui giunge il tempo di entrare negli studi pratici.

Ciò di cui sopra suggerirà allo studente la necessità di conoscere i princìpi per nome e le loro facoltà, indipendentemente da ogni sistema di numerazione o per associazione con i loro centri d’azione corrispondenti, colori, suoni, ecc.; fino a che questi non diventano inseparabili. L’antico e familiare modo di riconoscere i princìpi, indicato nel Buddismo Teosofico ed Esoterico, conduce ad un’altra contraddizione, che però è solo apparente.

Nella Tavola I si vedrà come i princìpi numerati 3 e 2 cioè: Linga Sarira e Prana, o Jiva, sono nell’ordine opposto di quello dato nel Diagramma I. Un attimo di attenzione sarà sufficiente a spiegare l’apparente discrepanza tra l’enumerazione exoterica, come stampata nella Tavola I, e l’ordine esoterico dato nel Diagramma I. Nel Diagramma I, Linga Sarira è definito come il veicolo di Prana o Jiva, il principio-vita che come tale, su un piano esoterico, deve necessariamente essere inferiore a Prana, e superiore all’enumerazione exoterica suggerita nella Tavola I.

La parte colorata della Tavola è profondamente esoterica, ma l’antica e più familiare enumerazione exoterica è stata usata per imporre all’attenzione dello studente il fatto che i princìpi non stanno uno sull’altro, e perciò non possono essere presi in ordine numerico; il loro ordine dipende dalla superiorità e predominanza di uno o di un altro principio, dunque differiscono in ogni uomo.

La Linga Sarira è l’archetipo doppio, o protoplasmico, del corpo, che è la sua immagine. In questo senso, nel Diagramma II, è definito il genitore del corpo fisico, cioè la madre per la concezione di Prana, il padre. Questa idea è espressa nella Mitologia Egizia dalla nascita di Horus, il figlio di Osiride ed Iside, sebbene come tutti i Pithoi consacrati, questa è diventata un’applicazione tre volte spirituale e sette volte psico-fisica.

Per concludere l’argomento, Prana, il principio vita, può, in verità, non aver numero, poiché esso pervade ogni altro principio, o la totalità umana. Ogni numero dei sette sarebbe quindi naturalmente applicabile al Prana-Jiva exotericamente come al Corpo Aurico esotericamente. Come Pitagora dimostrò, il Cosmo non fu prodotto attraverso nessun numero, ma geometricamente, cioè seguendo le proporzioni dei numeri.

A coloro che non sono familiari con le nature astrologiche exoteriche attribuite in pratica ai corpi planetari, può essere utile sistemarle allo stesso modo del Diagramma II, in rapporto al loro dominio sul corpo umano, i colori, metalli, ecc., e spiegare allo stesso tempo, perché la Filosofia Esoterica è su di una lunghezza d’onda diversa da quella Astronomica.

No.

Colori

Pianeti

Giorni

Metalli

Parti del corpo

1

Nero

Saturno

Sabato

Piombo

Orecchio destro e struttura ossea

2

Viola

Giove

Giovedì

Stagno

Orecchio sinistro, cosce, piedi e sistema arterioso

3

Rosso

Marte

Martedì

Ferro

Fronte e naso, funzioni sessuali e sistema muscolare

4

Arancio

Sole

Domenica

Oro

Occhio destro, cuore

5

Giallo

Venere

Venerdì

Rame

Mento, guance, collo, vene, sistema venoso

6

Panna

Mercurio

Mercoledì

Mercurio

Bocca, mani, addome, viscere e sistema nervoso

7

Bianco

Luna

Lunedì

Argento

Seno, occhio sinistro, fluidi, linfa, saliva, ecc.

Esotericamente, verde, poiché non c’è nero nel raggio prismatico.

Esotericamente, celeste, come pigmento, viola è una mistura di rosso e blu e nell’Occultismo Orientale il blu è l’essenza spirituale del colore viola, mentre rosso è la sua base materiale. In realtà, l’Occultismo dà a Giove il colore blu poiché egli è il figlio di Saturno, che è verde, ed il celeste come colore prismatico contiene molto verde. Ancora, il Corpo Aurico contiene molto del colore del Manas inferiore se l’uomo è un sensualista materialista, così come conterrà molto della tonalità più scura se il Manas Superiore domina sull’inferiore.

Esotericamente, il Sole non può corrispondere all’occhio, al naso, o a qualunque altro organo, visto che, come spiegato, non è un pianeta ma una stella centrale. Fu adottato come pianeta dagli Astrologi post-Cristiani, che non erano mai stati iniziati. Inoltre, il vero colore del Sole è blu; appare giallo solo grazie all’effetto dell’assorbimento dei vapori (principalmente metallici) della sua atmosfera. Tutto è Maya sulla terra.

Esotericamente, indaco, o blu scuro, che è il complementare del giallo nel prisma. Il giallo è un colore semplice o primitivo. Essendo Manas doppio nella sua natura, dato che è un simbolo siderale, il pianeta Venere, che è sia la stella mattutina che serale, la differenza tra i princìpi superiori ed inferiori del Manas, la cui essenza è derivata dalla Gerarchia che domina Venere, è denotata dal blu scuro e verde. Verde, il Manas inferiore, assomiglia al colore dello spettro solare che appare tra il giallo ed il blu scuro, il Manas Spirituale Superiore. Indaco è il colore del paradiso o cielo intensificato, per indicare la tendenza di Manas verso Buddhi, l’anima spirituale celeste. Questo colore si ottiene dalla «ferra tinctoria » color indaco, una pianta dalle altissime proprietà occulte in India, molto usata in Magia Bianca ed occultamente connessa con il rame. Questo è dimostrato dall’indaco che mostra un bagliore ramato, specialmente se sfregato su una superficie o sostanza dura. Un’altra proprietà del colorante è che è insolubile in acqua e perfino in etere, essendo più leggero, come peso, di ogni altro liquido conosciuto. In Oriente nessun simbolo è mai stato scelto senza basarsi su una ragione logica e dimostrabile. Perciò i simbolisti orientali delle età più antiche hanno collegato le menti spirituale ed animale dell’uomo, la prima con il blu scuro (l’indaco di Newton), o blu puro, libero dal verde, e l’altro con il verde puro.

Esotericamente, giallo, perché il colore del Sole è arancio e Mercurio ora si trova accanto al Sole, come distanza, così come il colore. Il pianeta di cui il Sole è il sostituto era ancora più vicino a Mercurio di ora, ed era uno dei pianeti più segreti ed alti. Si dice che divenne invisibile alla fine della Terza Razza.

Esotericamente, violetto, forse perché il violetto è il colore che prende un raggio di luce solare quando viene trasmesso attraverso una sottile lastra d’argento, ed anche perché la Luna splende sulla terra con luce presa in prestito dal Sole, così come il corpo umano splende con caratteristiche prese in prestito dal suo doppio – l’uomo aereo. Come l’ombra astrale comincia la serie di princìpi nell’uomo, sul piano terrestre fino all’animale inferiore Manas, così il raggio violetto comincia la serie di colori prismatici dalla sua fine fino al verde, essendo entrambi, l’uno come principio e l’altro come colore, i più rifrangibili di tutti i princìpi ed i colori. Oltre questo c’è lo stesso grande mistero occulto legato a tutte queste corrispondenze, sia corpi celesti che terrestri, colori e suoni. In parole più chiare, esiste la stessa legge di relazione tra la Terra e la Luna, il corpo astrale e vivente dell’uomo, come tra la fine violetta dello spettro prismatico e l’indaco ed il blu. Ma parleremo più a fondo di questo tra breve.

* * *

In questo modo si può vedere che l’influenza del sistema solare sull’Astrologia Cabalistica exoterica è distribuita con questo metodo sull’intero corpo umano, i metalli primari e le gradazioni di colore dal nero al bianco; ma che l’esoterismo non riconosce né il bianco né il nero come colori, poiché si attiene religiosamente ai sette colori solari o naturali del prisma. Nero e Bianco sono colori artificiali. Appartengono alla terra e sono percepiti in virtù della speciale costruzione dei nostri organi fisici. Bianco è l’assenza di tutti i colori e dunque non è un colore; nero è semplicemente l’assenza di luce, e perciò l’aspetto negativo del bianco.

I sette colori prismatici sono dirette emanazioni dalle Sette Gerarchie dell’Essere, ognuna delle quali ha un pronto effetto in relazione con uno dei princìpi umani. Ogni colore prismatico è chiamato in Occultismo il “Padre del Suono” a cui corrisponde; il Suono è il Verbo Logos del suo Padre Pensiero. Questa è la ragione per cui i sensitivi collegano ogni colore con un suono definito, un fatto ben riconosciuto nella scienza moderna, come ad esempio in “Natura e Nutrimento” di Francis Galton. Ma bianco e nero sono colori completamente negativi e non hanno rappresentanti nel Mondo dell’essere soggettivo.

L’Astrologia Cabalistica dice che in questo modo viene definito anche il dominio dei corpi planetari nella mente umana: vi sono sette gruppi primari di facoltà, sei dei quali funzionano attraverso il cervello ed il settimo attraverso il cervelletto. Esotericamente, questo è corretto. Ma quando, successivamente, si dice che Saturno governa le facoltà devozionali, Mercurio le intellettuali, Giove di comprensione, il Sole le facoltà di gestione, Marte l’egoismo, Venere la tenacia e la Luna l’istinto – diciamo che la spiegazione è incompleta e fuorviante. Poiché, in primo luogo, i pianeti fisici possono governare solo il corpo fisico e le funzioni puramente fisiche. Tutte le facoltà mentali, emozionali, psichiche e spirituali, sono influenzate dalle cause Occulte della scala di cause che si emana dalle Gerarchie o Dominatori Spirituali dei pianeti e non dai pianeti stessi.

Questa scala, come è data nel Diagramma II, porta lo studente a percepire nel seguente ordine:

colore;

suono;

il suono si materializza nello spirito dei metalli, cioè gli Elementali Metallici;

questi si materializzano ancora nei metalli fisici;

poi l’essenza radiante armonica e vibratoria passa nelle piante, dando loro colore e profumo, entrambe proprietà dipendenti dal grado di vibrazione di quest’energia per unità di tempo;

dalle piante passa agli animali;

ed infine culmina nei “princìpi” dell’uomo.

Dunque vediamo l’Essenza Divina dei nostri progenitori in cielo girare intorno a sette fasi; lo spirito che diviene materia e la materia che ritorna ad essere spirito. Così come ci sono suoni non udibili in natura, così ci sono colori che sono invisibili, ma che possono essere sentiti. La forza creativa, all’opera nel suo incessante lavoro di trasformazione, produce colore, suono e numeri, nella forma dei gradi di vibrazione, che compone e dissocia atomi e molecole.

Sebbene invisibile ed impercettibile per noi in dettaglio, la sintesi dell’intero ci diviene udibile sul piano materiale. È ciò che i cinesi chiamano il “Grande Tono” o Kung. Anche secondo gli scienziati è il vero suono tonico della natura, dai musicisti considerato il Fa mediano sulla tastiera di un piano. Lo sentiamo distintamente nella voce della natura, nel ruggito dell’oceano, nel suono del fogliame in una grande foresta, nel frastuono distante di una grande città; nel vento, la tempesta ed il temporale; in breve, in qualunque cosa in cui la natura produca una voce od un suono. All’udito di tutti coloro che vi prestano attenzione, culmina in un singolo tono definito di acuto impercettibile che, come detto, è la F o Fa della scala diatonica.

Da questi dettagli sarà chiaro allo studente di Occultismo dove sta la differenza tra nomenclatura e simbolismo exoterico ed esoterico. In breve, l’Astrologia Cabalistica come si pratica in Europa è la scienza segreta semi-esoterica, adattata per gli estranei e non per il circolo interno. È spesso, inoltre, lasciata incompleta e distorta per nascondere la verità vera.

Mentre essa simboleggia ed adotta le sue corrispondenze sulla pura apparenza delle cose, la filosofia esoterica, che si interessa principalmente dell’essenza delle cose, accetta solo tali simboli come copertura per l’intero campo, come prodotto sia dei significati spirituali che psichici e fisici. Eppure anche l’Astrologia occidentale ha fatto un lavoro eccellente, poiché ha aiutato a portare la conoscenza dell’esistenza di una Saggezza segreta attraverso i pericoli dell’età medievale ed il loro bigottismo oscurantista fino al giorno d’oggi, ove quei pericoli sono scomparsi.

L’ordine dei pianeti nella pratica exoterica è quello definito dai loro raggi geocentrici, o la distanza delle loro diverse orbite dalla Terra come centro, cioè: Saturno, Giove, Marte, Sole, Venere, Mercurio e la Luna. Nei primi tre di questi troviamo simboleggiata la triade celestiale di Potenza Suprema nell’Universo fisico manifesto di Brahma, Visnù e Siva; mentre negli ultimi quattro riconosciamo i simboli del Quaternario terrestre che domina tutte le evoluzioni fisiche e naturali delle stagioni, i quarti del giorno, i punti della bussola ed elementi, dunque:

Primavera

Estate

Autunno

Inverno

Mattino

Mezzogiorno

Sera

Notte

Gioventù

Adolescenza

Età Adulta

Vecchiaia

Fuoco

Aria

Acqua

Terra

Est

Sud

Ovest

Nord

Ma la Scienza Esoterica non si accontenta di analogia sul piano puramente oggettivo dei sensi fisici e perciò è assolutamente necessario fare una premessa a qualunque insegnamento in questa direzione con una spiegazione chiara del vero significato della parola Magia.

torna su





 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, è un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarà autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non è responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.19 Secondi