Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Equilibramento e sintesi degli opposti || Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore || Felicità, la negazione del dolore || Il Dolore nell’Insegnamento iniziatico || Legge di Risposta Espansiva e Legge del Quattro Inferiore || Del senso pratico della Massoneria || Il risveglio dei centri || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /2.5 || Della qualità del consiglio |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: News da Esonet.com ::

:: ThePlanetarySystem ::

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


 
Sulla Morte: Morte: la grande avventura - Parte VIII
Argomento:Letture d'Esoterismo Orientale

Letture d'Esoterismo OrientaleLa morte non è che un interludio in una vita di esperienza costantemente acquisita... essa segna una precisa transizione da uno stato di coscienza ad un altro.

Documento senza titolo

Morte: la grande avventura - Parte VIII

a cura di Adriano Nardi

prodotto per Esonet.it


Dagli scritti di Alice A. Bailey e del Maestro D. K.

 

La morte non è che un interludio in una vita di esperienza costantemente acquisita... essa segna una precisa transizione da uno stato di coscienza ad un altro.

 

Morte, in realtà, è non aver coscienza di una certa attività vitale. La riserva di vita è il luogo della morte, e questa è la prima lezione per il discepolo...

… … …

La morte è un fenomeno che riguarda essenzialmente la coscienza. In un dato momento siamo consci del mondo fisico, e l'istante dopo siamo ritratti in un altro mondo, impegnati in altre attività.

… … …

Nel caso di un iniziato, le cose sono alquanto diverse, perché è frequente che resti in piena coscienza per tutto il processo della morte.

… … …

La distruzione della forma, non è, per Essi, la morte quale intesa dall'uomo, ma un puro e semplice processo di liberazione.

… … …

Mediante l'allineamento, l'anima usa il tempo in modo esatto; o dirò, meglio, che il cervello, l'unico organo umano ad averne coscienza, non è più l'elemento dominante; la mente, quale agente dell'anima (la cui coscienza include passato, presente e futuro) vede la vita e l'esperienza per quel che sono. La morte è dunque intesa come un episodio, un passaggio in una lunga serie di transizioni. Quando sarà compreso questo atteggiamento dell'anima, tutto il modo di vivere, e quindi anche di morire, muterà radicalmente.

… … …

Noi considereremo la morte soltanto come un altro passo compiuto sul cammino che porta alla luce e alla vita.

… … …

Negli ultimi stadi di vita, abbiamo la cristallizzazione della forma e l'uomo si rende conto della sua insufficienza. Giunge allora la liberazione chiamata morte, il gran momento in cui “lo spirito prigioniero” sfugge dalle mura che lo costringono entro una forma fisica.

… … …

La morte che dico è la Grande Liberatrice, che spezza le forme che uccidono quanto racchiudono.

… … …

Molte volte ho ripetuto che la Gerarchia agisce solo sull'aspetto spirituale, cioè sull'anima umana, e che – agli occhi del Maestro – la forma è relativamente senza importanza. La liberazione dalla triplice forma è sempre considerata, dall'uomo spirituale, come il massimo bene, purché avvenga secondo la legge, come risultato del suo destino spirituale e delle decisioni karmiche; non come atto arbitrario, per evadere dalla vita e dalle sue conseguenze fisiche, o per auto-decisione.

… … …

È interessante notare che la morte sia regolata dal Principio di Liberazione, e non da quello di Limitazione. Le vite auto-coscienti la riconoscono come un semplice fattore di cui tener conto, ma gli umani non la comprendono, perché sono le più illuse fra tutte le vite incarnate.

… … …

La morte è semplicemente Portatrice di Trasformazione.

… … …

... la morte stessa è parte del processo creativo di sintesi.

… … …

Io parlo della Morte in quanto la conosco sia nella sua espressione mondana ed esterna, quanto nella verità della vita interiore, dove non esiste. Si entra, semplicemente, in una vita più vasta.

… … …

La Legge della Morte e del Sacrificio regola la graduale disintegrazione delle forme concrete e il loro sacrificio alla vita che evolve...

… … …

La Legge del sacrificio e della Morte governa il piano fisico. La distruzione della forma, perché la vita progredisca, è uno dei metodi fondamentali dell'evoluzione.

… … …

Il Maestro impara il significato della limitazione della forma; quindi assume il controllo ed applica la legge a livello di quella forma. In tal modo, dopo averla trascesa, la scarta, in cerca di altre migliori. In tal modo procede, sempre mediante sacrificio e morte della forma. La riconosce come limite e la sacrifica e respinge per elevare sempre più la vita. La via della resurrezione passa per la morte sulla croce, ma poi giunge al monte dell'Ascensione.

… … …

L'intero deve essere considerato come più importante che la parte: non si tratta di un sogno, o di una visione, di una teoria, non è una vana speranza, un semplice anelito. È una necessità innata e imprescindibile. Implica la morte, ma come bellezza, come gioia, come spirito in atto, come perfezione del bene.

… … …

La morte è solo un metodo per riconcentrare l'energia, prima di rinnovare l'attività, che tende sempre e senza sosta al miglioramento.

… … …

...per l'anima prendere forma e quindi immergersi in essa, e morire, sono sinonimi.

… … …

Il terrore e la morbosità evocati normalmente dal pensiero della morte, e la renitenza ad affrontarlo a dovere per comprenderlo, sono dovuti all'importanza che si annette al corpo fisico, con il quale è tanto facile identificarsi; ma è anche basato sul timore innato della solitudine e della perdita di ciò che è familiare. Eppure, la solitudine sperimentata dopo la morte, allorché ci si trova privi di corpo fisico, è nulla se paragonata a quella che ci coglie alla nascita. Qui l'anima si ritrova in un ambiente nuovo e confitta in un corpo ancora inadatto per badare a se stesso, e per lungo tempo anche incapace di stabilire contatti intelligenti con le circostanze. L'uomo nasce senza memoria dell'identità o dell'importanza del gruppo di anime incarnate con cui si trova in rapporto; questo isolamento scompare a poco a poco solo quando egli avvia suoi propri rapporti personali, scopre individui congeniali e raccoglie attorno a sé un gruppo di uomini che chiama amici. Ma dopo la morte non è così, poiché dall'altra parte del velo ritrova coloro che gli sono noti e gli sono stati accanto nella vita terrena, e quindi non è mai solo, almeno nel senso che si intende di norma la solitudine; inoltre è conscio di quelli che ancora vivono incarnati; può vederli, può sentirne le emozioni e persino i pensieri, poiché non è più impedito dal cervello fisico, che agisce come deterrente. Se gli uomini fossero più saggi, temerebbero assai più la nascita che la morte, poiché quella getta davvero l'anima in carcere, e questa è il primo passo verso la libertà.

 

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, è un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarà autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non è responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.16 Secondi