Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore || Felicitΰ, la negazione del dolore || Il Dolore nell’Insegnamento iniziatico || Legge di Risposta Espansiva e Legge del Quattro Inferiore || Del senso pratico della Massoneria || Il risveglio dei centri || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /2.5 || Della qualitΰ del consiglio || Avere coscienza di cosa si vuole |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: News da Esonet.com ::

:: ThePlanetarySystem ::

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


 
Sulla Morte: Morte: la grande avventura - Parte XI
Argomento:Letture d'Esoterismo Orientale

Letture d'Esoterismo OrientaleOpera di Restituzione... Arte della Eliminazione... Processo di Integrazione... Questi tre processi sono la Morte.

Documento senza titolo

Morte: la grande avventura - Parte XI

a cura di Adriano Nardi

prodotto per Esonet.it


Dagli scritti di Alice A. Bailey e del Maestro D. K.

 

Opera di Restituzione... Arte della Eliminazione... Processo di Integrazione... Questi tre processi sono la Morte.

 

Il campo dell'esperienza (dove esiste la morte, quale intesa comunemente) è costituito dai tre mondi ove l'uomo evolve: il fisico, l'emotivo, il mentale. Questo campo, per certi aspetti e per quanto riguarda la morte, è duplice, il che giustifica l'espressione «seconda morte». Prima ho applicato questa espressione per la distruzione del corpo causale, che è il vero veicolo dell'anima. Ma la si può usare, in senso più letterale, per indicare la seconda fase della morte nei tre mondi. In tal caso si riferisce solo alla forma, e quindi ai veicoli di espressione inferiori ai livelli a-formali del piano fisico cosmico. Tali livelli, della forma, sono (come ben sapete, in quanto si tratta dell'ABC dell'occultismo) quello della mente concreta, quello ove la natura emotiva reagisce alla così detta sostanza astrale, e il mondo fisico, che è duplice, in quanto consiste del fisico denso e dell'eterico. Per conseguenza, la morte dell'uomo consta di due fasi:

 

Prima: morte del fisico-eterico, a sua volta suddivisa in due stadi:

a)

ritorno degli atomi del corpo fisico alla riserva da cui furono sottratti, che è il totale della materia terrestre e il corpo fisico denso della vita planetaria;

b)

ritorno delle forze aggregate del corpo eterico alla riserva generale dell'energia.

L'insieme di questi due stadi è la Restituzione.

 

Seconda: la «ripulsa» (come è detta talvolta) dei veicoli emotivo-mentale, che in realtà sono uno solo, cui i primi teosofi davano, a buon diritto, il nome di «kama-manas», cioè fusione di desiderio-mente. Ho affermato, altrove, che in verità il piano e il corpo astrale non esistono affatto. Se il corpo fisico è composto di una materia che non è considerabile come un principio, l'astrale – dal punto di vista della mente – è dello stesso genere. È cosa difficile da comprendere, poiché desiderio ed emozioni hanno tale importanza da sembrare reali. Ma – in senso rigoroso – per la mente il corpo astrale non è che una «reazione immaginaria»; non è un principio. L'uso cumulativo e continuo della immaginazione a servizio del desiderio ha finito per edificare un mondo illusorio, annebbiante, che è appunto l'astrale. Durante l'incarnazione fisica, e quando ancora non si segue il Sentiero del discepolo, esso appare perfettamente reale, dotato di vita sua propria. Dopo la prima morte (cioè del corpo denso) non perde consistenza. Ma il suo potere gradualmente svanisce; l'uomo mentale si accorge a poco a poco del proprio vero stato di coscienza (più o meno evoluta) e allora si fa possibile la seconda morte.

Questa seconda fase è appunto l'Eliminazione.

Superare le due fasi dell'arte del morire, l'anima disincarnata non è più costretta dalla materia; esse – temporaneamente – l'hanno purificata da ogni sostanza contaminante. Ciò è compiuto non dall'anima entro la forma, cioè da quella frazione dell'anima che diciamo umana, ma dall'anima spirituale, che l'astrae a sé, sul suo piano. È opera dell'anima adombrante, non dell'anima immersa nella personalità. L'anima umana, in questa fase, risponde semplicemente all'attrazione esercitata dall'anima spirituale, che, di proposito, la astrae dagli involucri che la imprigionano. Procedendo il corso evolutivo, l'anima assume sempre più il controllo sulla personalità, ed allora essa stessa, entro i suoi veicoli, che decide e dirige in modo cosciente e volontario le fasi della morte. All'inizio ciò avviene con il soccorso dell'anima adombrante. Poi, quando l'uomo ormai vive nel mondo come anima, egli stesso – in perfetta continuità di coscienza – governerà i processi di astrazione, e (con intento deliberato) «salirà là donde è venuto». È il riflesso nei tre mondi della divina ascensione compiuta dal Figlio di Dio ormai perfetto.

… … …

I termini qui usati a proposito dei requisiti fondamentali sono stati scelti per il loro significato specifico:

1.

Opera di Restituzione. Significa riconsegnare la forma alla riserva generale della sostanza; oppure il ritorno dell'anima, energia spirituale divina, alla propria fonte: a livello egoico o monadico, secondo lo sviluppo evolutivo. Essa soprattutto è compiuta dall'anima umana entro l'involucro fisico, e interessa i centri del cuore e della testa.

2.

Arte di Eliminazione. Sono le due attività dell'uomo interiore spirituale: eliminare ogni controllo esercitato dal triplice uomo inferiore e riconcentrarsi sui livelli concreti della mente come punto di luce radiante. Sono precipue dell'anima umana.

3.

Processo di Integrazione. È l'opera dell'uomo spirituale liberato che si fonde con l'anima (la super-anima) sui livelli superiori della mente. Così la parte ritorna al tutto, e si comprende il vero senso delle parole di Krishna : «Pervaso l'intero universo con un frammento di Me, Io rimango». Anche la particella cosciente che, sperimentando, ha pervaso il piccolo universo della forma nel triplice mondo, rimane, e sa di essere parte dell'intero.

Questi tre processi sono la Morte.

… … …

Tutto questo capitolo, intitolato ai Requisiti Fondamentali, si impernia in realtà sul processo della morte, sulle condizioni del mondo materiale, cioè dei tre mondi ove ci si incarna per servire. In questa prima parte consideriamo sia la restituzione del corpo alla riserva generale della sostanza, oppure al servizio esterno, nel mondo della vita fisica di ogni giorno, che la restaurazione dell'anima nella sua sorgente, nel suo mondo, oppure, all'inverso, la sua reintegrazione alla piena responsabilità del corpo. Nella seconda, studieremo l'eliminazione del principio vitale e della coscienza, e non si tratta della formazione del carattere, come si potrebbe pensare. All'inizio ho accennato al carattere e alla qualità individuali perché la giusta comprensione dei principi fondamentali della vita e della morte è agevolata dalla retta azione basata sul retto pensiero, e ciò costruisce un retto carattere. Ma non intendo soffermarmi su questi requisiti elementari. I processi di integrazione che qui voglio considerare sono quelli dell'anima nel suo triplice corpo, se così stabilisce il karma, o nel suo proprio regno, se il karma decreta la morte.

… … …

Studiamo dunque i tre grandi processi che già ho menzionato; essi riguardano tre diversi periodi e preparano, in fine, altri processi, secondo la Legge della Rinascita.

1.

Restituzione, che riguarda il ritrarsi dell'anima dal piano fisico e dai suoi due aspetti fenomenici, cioè i corpi fisico denso ed eterico. È l'Arte di morire.

2.

Eliminazione, che controlla la vita dell'anima dopo la morte fisica, negli altri due mondi dell'evoluzione umana. L'anima elimina il corpo astrale-mentale, ed è pronta a «vivere libera nel suo luogo».

3.

Integrazione, per cui l'anima, ormai libera, riprende coscienza di sé quale Angelo della Presenza e si reintegra nel mondo delle anime, in stato di riflessione. Sospinta dalla legge di necessità karmica si appresta poi a ridiscendere nella forma.

… … …

La Legge di Attrazione regola, dunque, la morte, come ogni altra cosa. È il principio di coesione che preserva intatto l'assetto del corpo intero, ne rende stabile il ritmo e i cicli vitali e presiede ai mutui rapporti fra le sue parti. È il massimo coordinatore in ogni forma, poiché (nell'anima) esprime il primo aspetto divino, la volontà. Forse ciò vi stupisce, in quanto siete abituati a considerare questa legge come manifestazione del secondo, cioè dell'amore-saggezza. Ma il principio di attrazione agisce in tutte le forme, dall'atomo al pianeta. Se però è coesivo e integrante, è anche il mezzo di «restituzione», per cui l'anima umana periodicamente si riassorbe nell'anima adombrante. Questa sua funzione è stata poco studiata sinora, perché concerne il suo massimo aspetto ed è quindi connessa alla volontà divina, o della Monade. Solo con il procedere più diretto dell'opera di Shamballa, in futuro, gli uomini cominceranno a saper distinguere (come devono e vogliono) fra volontà personale e spirituale, fra intento, piano, proposito, polarità definita, e allora la questione si chiarirà.

Come tutto ciò che è manifesto, la Legge di Attrazione si scinde in tre aspetti, connessi ai tre aspetti del divino:

1.

Pone in rapporto vita e forma, spirito e materia – terzo aspetto.

2.

Governa il processo coesivo e integrante che produce le forme – secondo aspetto.

3.

Provoca lo squilibrio che disintegra e trascende la forma – per quanto riguarda l'uomo – e che si attua in tre fasi:

a.

Restituzione, per cui il fisico si dissolve e restituisce i suoi componenti, cellule e atomi, là donde provennero.

b.

Eliminazione, identico processo che coinvolge le forze costituenti gli involucri astrale e mentale.

c.

Assorbimento, per cui l'anima umana si riunisce alla propria sorgente, l'anima universale che tutto adombra.

Quest'ultima fase è un'espressione del primo aspetto.

 

Se ben compreso, ciò illustra e dimostra l'immenso potere della Legge di Attrazione e il suo rapporto con quella di Sintesi, regolatrice del primo aspetto divino. L'integrazione è foriera di sintesi. Ripetuta molte volte, ciclicamente, nel lungo ciclo dell'anima che si reincarna, genera infatti quella sintesi ultima, fra spirito e anima, che è la meta dell'evoluzione umana. Dopo la terza iniziazione, nasce la completa libertà dall'attrazione esercitata dalla sostanza dei tre mondi, e quindi la facoltà di avvalersi, con perfetta conoscenza di causa, della legge di Attrazione e delle sue varie fasi che regolano il processo creativo. Altri suoi aspetti saranno impiegati in seguito.

… … …

La Legge di Disintegrazione è un aspetto della Morte. Regola la demolizione della forma affinché la vita entrostante risplenda in pienezza... essa spezza le forme, mentre la Legge di Attrazione ne restituisce alla fonte primordiale i materiali componenti.

… … …

Come ben sappiamo, il sangue è vita. Questa attività vitale è ciò che raccoglie e tiene assieme in una forma tutti gli atomi e le cellule del corpo. Quando, alla morte, l'anima ritrae il filo della vita, gli atomi si separano, il corpo decade e si disintegra, e le vite atomiche tornano al grande serbatoio, nel seno della materia vivente da cui provennero.

… … …

La paura che l'uomo prova per la morte ha la sua prima causa nel fatto che il regno delle anime, il quinto regno di natura, si è orientato (sino a tempi relativamente recenti) verso l'esternazione, al fine di desumere esperienza dalla materia, per poi meglio e liberamente governarla. Le anime non orientate in tal senso sono così poche, in proporzione a quelle che invece vogliono sperimentare nei tre mondi, che si può affermare che la morte ha regnato trionfante sino all'inizio dell'era o del ciclo del cristianesimo. Ma oggi siamo alla vigilia di un mutamento radicale, perché l'umanità – in modo molto più sensibile che mai prima – si sta debitamente orientando; infatti i valori superiori e la vita dell'anima, esplorati con insistenza dalla mente, sia concreta che astratta, stanno assumendo potere. Ne seguirà, inevitabile, un diverso atteggiamento circa la morte, che sarà considerata come naturale, desiderabile e ritmica. Si capirà il senso di queste parole del Cristo: «Date a Cesare quel che è di Cesare, e a Dio quel che è di Dio». Con esse Egli intese alludere al grande processo di restituzione di cui trattiamo. Meditate su quell'episodio e sul simbolismo dell'anima contenuta nell'anima universale come pesce nell'acqua, con in bocca una moneta, simbolo della materia.

In un antico scritto si leggono queste parole:

Disse il Padre al Figlio: «Va, e prendi ciò che non è te stesso, ciò che non è tuo, ma Mio. Fa come fosse tuo e scopri perché è apparso. Che sembri essere te stesso. Scopri così il mondo della nebbia, del grande incantesimo, dell'inganno. E impara che hai preso ciò che non è scopo dell'anima.
E quando giunge il momento, in ogni ciclo appare l'inganno e il furto, si ode una voce. Obbediscile. È la voce di ciò che in te ode la Mia, inaudita da chi ama rubare». L'ordine si ripete: «Restituisci ciò che hai rubato. Impara che non è per te».
Ad intervalli maggiori quella voce comanda: «Restituisci ciò che hai preso in prestito; salda il debito».

E, imparate tutte le lezioni, la stessa voce dirà: «RidamMi con gioia ciò che fu Mio, che fu tuo ed ora è nostro. La forma più non ti serve. Sei libero».

… … …

Gli ideali enunciati da Cristo rimangono tuttora i più elevati dati finora in tutta la continuità della rivelazione, ed Egli stesso ci ha preparati in vista dell'emergere di quelle verità che segneranno il tempo della fine della vittoria sull'ultimo nemico, che ha nome Morte.

… … …

E la Morte, a cosa si riferisce? Non alla morte del corpo o della forma, ciò che è relativamente senza importanza, ma al «potere di abbandonare», che col tempo diviene la caratteristica del discepolo consacrato.

La nuova era è in arrivo; i nuovi ideali, la nuova civiltà, i nuovi modi di vita, di educazione, di presentazione religiosa e di governo stanno lentamente precipitando e nulla potrà arrestarli. Possono però essere ritardati dalle persone di natura reazionaria, dagli ultraconservatori e dalle menti ristrette, e da coloro che aderiscono con determinazione adamantina alle loro amate teorie, ai loro sogni e vedute, alle loro interpretazioni e alla loro comprensione particolare e spesso ristretta degli ideali presentati. Essi sono quelli che possono trattenere e trattengono l'ora della liberazione.

La fluidità spirituale, la disposizione ad abbandonare tutte le idee e gli ideali preconcetti, come pure tutte le tendenze predilette, le abitudini di pensiero coltivate e ogni sforzo determinato di rendere il mondo conforme al modello di ciò che all'individuo sembra il meglio perché è per lui il più attraente, tutto questo deve essere portato sotto il potere della morte. Tutto questo può essere abbandonato con tranquillità e sicurezza e senza temerne i risultati, sé il movente della vita è un amore reale e durevole dell'umanità. All'amore, al vero amore spirituale come lo conosce l'anima, possono sempre essere affidati potere ed opportunità, perché la fiducia non sarà mai tradita. Esso predisporrà tutte le cose in accordo con la visione dell'anima.

… … …

Pensate quale mutamento nella coscienza umana, quando la morte sarà considerata il semplice e volontario abbandono della forma.

… … …

L'eliminazione è dunque diversa per ciascuna di queste tre categorie:

1.

Uomini esclusivamente astrali, per qualità e costituzione.

2.

Uomini, dalla personalità integrata, in cui emozione e mente si equilibrano.

3.

Uomini progrediti, e discepoli in genere, il cui «punto focale di vita» è in prevalenza mentale.

Valgono per tutti le stesse regole fondamentali, ma varia l'accentuazione. Tenete presente che quando non esiste più un cervello fisico, e la mente non è sviluppata, l'uomo interiore è come «soffocato» in un involucro astrale, e per lungo tempo resta immerso appunto in quella sfera che diciamo astrale. Chi è della seconda categoria vive in «duplice libertà», poiché dispone di una forma duale che gli consente di attingere, a volontà, i livelli astrali superiori e gli strati inferiori del mentale. Notate che non ha un cervello fisico che registri questi contatti, di cui tuttavia è cosciente in modo che dipende dall'attività o dalla capacità di apprendere e valutare dell'uomo interiore. L'individuo mentale, invece, ha un veicolo traslucente la cui densità luminosa dipende dal grado di purezza della sostanza mentale di cui è composto. Il processo di eliminazione, come ho detto, è simile per le tre categorie, variano solo le tecniche. Si può affermare, per chiarezza, che:

1.

L'uomo «astrale», cioè della prima categoria, elimina il corpo astrale per logoramento, e lo espelle tramite il corrispondente astrale del centro del plesso solare. Il logorio è generato dal fatto che, a questo livello, tutti i desideri e le emozioni sono per la natura animale e il corpo fisico – che, entrambi, non esistono più.

2.

L'uomo della seconda categoria usa due metodi, e ciò è logico, in quanto deve eliminare prima l'astrale, poi il mentale.

a.

Si libera dal primo con il crescente desiderio di vita mentale. A poco a poco, ma costantemente, si ritrae nel corpo mentale, e l'astrale esotericamente «scade», e scompare. Di norma questo processo è inconscio e dura assai a lungo. Se il soggetto è di levatura superiore alla media e prossimo alla terza categoria, il veicolo astrale scompare in modo dinamico e repentino, ed egli resta, libero, nell'involucro mentale. Di solito, ciò avviene in maniera cosciente e celere.

b.

Distruggere il mentale con un atto di volontà umana, coadiuvato dall'anima, che comincia, a poco a poco, a prendere coscienza del proprio riflesso, e lo attrae, anche se ancora debolmente. La rapidità del processo dipende dall'intensità dell'influsso mentale.

3.

L'uomo mentale, deve compiere due operazioni:

a.

Dissolvere qualsiasi residuo astrale che offuschi la luce del corpo mentale: il veicolo astrale, a questo punto, non ha più valore espressivo. Ciò si compie invocando luce maggiore dall'anima. È questa infatti che dissipa la sostanza astrale, in questo stadio, così come la luce dell'anima della collettività umana dissolverà un giorno il mondo astrale.

b.

Distruggere il veicolo mentale, usando a tal fine certe Parole di Potere, comunicate al discepolo dall'Ashram del suo Maestro. Esse esaltano assai il poter dell'anima, e dilatano quindi a tal punto la coscienza, che il mentale si infrange e non limita più l'uomo interiore. Questi allora, libero figlio della mente, dimora nell'Ashram del Maestro e «non ne uscirà mai più».

… … …

Dopo tutto, la morte altro non è che un atto di restituzione. Si tratta infatti di restituire sostanza ai tre mondi, volentieri e di buon animo; di restituire l'anima umana alla fonte da cui venne, con la gioia di essere colà riassorbiti. Dovete tutti imparare a considerare la morte come un atto di restituzione...

… … …

Qui è opportuno rammentare che, «restituiti» i due aspetti del corpo fisico, l'uomo interiore è pienamente consapevole. Non esiste più un cervello, né il vorticoso rotare delle forze eteriche (alquanto caotico per la maggior parte degli esseri umani). Per questi fatti si è creduto che le esperienze a quei livelli fossero un semplice, incerto vagare attorno, in stato semi-cosciente, o una futile ripetizione della vita, tranne per gli uomini molto evoluti, i discepoli o gli iniziati. Non è affatto così. Sui livelli interiori, l'uomo è consapevole di sé quale individuo -fa progetti, vive, opera- quanto lo era nel mondo fisico, e inoltre percepisce gli stati di coscienza che lo circondano. Può essere attirato dall'illusione astrale o soggetto all'impressione telepatica delle mutevoli correnti di pensiero che vengono dal mondo mentale, ma ciò non gli impedisce di aver coscienza di sé e della sua mente (o della sua quota di attività pensante) in modo ben più spiccato che quando disponeva di un cervello, allorché la sua coscienza di aspirante era centrata in esso. La sua vita è ora più piena e ricca che mai, e se ci pensate finirete per concludere che non potrebbe essere diversamente.

… … …

È necessario osservare che la frase «la terra alla terra e la polvere alla polvere» sovente ripetuta nei riti funebri occidentali si riferisce appunto alla restituzione e descrive il ritorno degli elementi del corpo fisico alla riserva generale della sostanza, e delle forze vitali alla loro fonte; la frase «lo spirito tornerà al suo Creatore» si ricollega, se pure in modo inesatto, al riassorbimento nell'anima universale. Ma questi rituali in genere non danno rilievo al fatto che è proprio l'anima individuale che, in quel processo, ordina e decreta la restituzione, con un atto del suo volere spirituale. In Occidente si dimentica che il «comando di restituire» è stato emesso con frequenza crescente, nei millenni, da tutte le anime incarnate; in tal modo il primo aspetto divino – la Monade – inevitabilmente e continuamente migliora la presa sul corpo di manifestazione, tramite l'anima che la riflette. La volontà esercita sempre meglio la propria azione, culmina sul sentiero del discepolo e diviene cosciente nelle fasi della via iniziatica. È bene rammentare che nel comandare al proprio riflesso nei tre mondi l'anima impara a esprimere il proprio aspetto, e ciò avviene dapprima, e per lunghissimo tempo, esclusivamente in punto di morte. La difficoltà odierna sta nel fatto che sono relativamente pochi gli uomini consapevoli dell'anima, e quindi la grandissima maggioranza non ne percepisce i «decreti occulti». Ma il genere umano giungerà a quella consapevolezza (e sarà uno degli effetti dell'agonia vissuta durante la guerra), e la morte sarà intesa allora come un evento «predisposto», attuato in piena coscienza e sapendo che è periodico. Naturalmente ciò porrà fine al terrore che se ne ha, e a quella tendenza al suicidio che si accentua in momenti di crisi. Uccidere è un delitto, ma solo perché si distrugge una forma fisica umana. Anche la guerra, vista in tal senso, non è criminosa, come la vedono molti fanatici dalle belle intenzioni; è un processo che distrugge per intento benefico (se solo poteste scrutarlo) del Logos planetario. Ciò che rende delittuosa la guerra sono i moventi che la precipitano nel mondo fisico. Se questa guerra non fosse scoppiata, la Vita planetaria avrebbe, con «decreto divino» richiamato molte anime, per Sue superiori intenzioni benevole; ma quando uomini malvagi la scatenano, essa trae bene dal male.

Da quanto precede si comprende perché gli occultisti tanto insistano sulla legge dei cicli, e perché lo studio del Ritmo sollevi interesse sempre maggiore. Sovente la Morte pare sopraggiungere senza motivo, ma solo perché si ignora l'intento dell'anima, perché non si esplora il passato del processo di incarnazione, non si indaga l'eredità né l'ambiente, non ci si educa ad ascoltare la voce dell'anima. Ma queste sono cose che si sta ormai per riconoscere; la rivelazione si approssima, e io le spiano la via.

… … …

Alla morte fisica, quindi nell'atto della restituzione, l'anima, per ritirarsi, deve competere con questi elementi:

1.

L'elementale fisico, cioè la vita integrata e coordinata del corpo denso, continuamente impegnata a tenersi unita, sotto il gioco delle forze attrattive delle parti che la compongono e dei reciproci scambi. Agisce in molti centri minori.

2.

Il veicolo eterico, che ha una potente vita sua propria, attiva nei sette centri maggiori che reagiscono all'energia impellente astrale, mentale ed egoica. Esso opera anche mediante alcuni centri secondari non reattivi a quell'aspetto del complesso umano che – secondo H.P.B. – non è un principio, e cioè il corpo fisico denso.

… … …

Vi esorto, poi, a considerare come verità elementare che qualsiasi gruppo che intenda guarire seguendo queste prescrizioni (come azione preliminare) deve capire cosa sia la morte, cui si dà l'appellativo di «grande processo restauratore», o di «restituzione». Si tratta di saper restituire con saggezza, a dovere, a tempo opportuno, il corpo alla fonte degli elementi che lo compongono, e l'anima alla sua sorgente essenziale. Scelgo le parole con cura perché voglio che riflettiate intensamente e con decisione sull'enigma della morte. Tale almeno essa è per l'uomo, ma non per i discepoli e i saggi.

… … …

L'argomento della morte, che qui consideriamo, deve essere studiato per quanto possibile come cosa del tutto normale, con atteggiamento scientifico. Il complesso di paura di cui soffre l'umanità penetra nella sua coscienza proprio attraverso la morte; infatti la paura di non sopravvivere è fondamentale – eppure la morte è il fenomeno più comune nel mondo. Ricordatelo. È un grande rito universale che controlla tutta la vita planetaria, ma solo il regno umano, e in minima misura l'animale, vi reagiscono con la paura. Se foste in grado di vedere il mondo eterico, come Coloro che vivono e sperimentano interiormente, vi scorgereste il grande atto planetario di restituzione che si ripete senza sosta. Vedreste una grande attività eterica, per cui l'anima del mondo, l'animale e l'umana costantemente restituiscono la sostanza delle forme fisiche alla grande riserva generale. Tale sostanza è in'essenza altrettanto viva che l'anima mondiale, di cui tanto si parla. L'agire reciproco dei due principi, della vita e della morte, è l'attività fondamentale del creato. La forza propulsiva e direttiva è la mente divina del Logos planetario, che persegue il Suo divino proposito e porta seco tutti i mezzi con cui Si manifesta.

… … …

Mediante la morte si attua un grande processo di unificazione. La «caduta di una foglia», che poi si identifica col terreno che l'accoglie, è un pallido esempio di questo grande ed eterno processo, che si svolge attraverso il divenire, e il morire per effetto del divenire.

… … …

... nel senso comune, essa annienta il ciclo di separazione proprio dell'individuo fisico, e quindi riunifica.

 

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, θ un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarΰ autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non θ responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.21 Secondi