Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Equilibramento e sintesi degli opposti || Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore || Felicità, la negazione del dolore || Il Dolore nell’Insegnamento iniziatico || Legge di Risposta Espansiva e Legge del Quattro Inferiore || Del senso pratico della Massoneria || Il risveglio dei centri || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /2.5 || Della qualità del consiglio |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: News da Esonet.com ::

:: ThePlanetarySystem ::

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


 
Aforismi Agni Yoga: L’incanto del sonno animale
Argomento:Agni Yoga

Agni Yoga«Svegliati!» Gli uomini ripetono volentieri questo comando.
È un monito sorprendente, specie quando è detto proprio da quelli che in sonno, continuano a dormire. Dormono per anni; dormono per tutta una vita; a volte si addormentano di colpo e nel dormiveglia ripetono parole incomprensibili. Non parliamo dei passanti occasionali; persino alcuni che già sono sul sentiero, sono soggetti all’incanto del sonno animale.

Documento senza titolo

L'incanto del sonno animale

a cura di Adriano Nardi

prodotto per Esonet.it

«Svegliati!» Gli uomini ripetono volentieri questo comando.

È un monito sorprendente, specie quando è detto proprio da quelli che in sonno, continuano a dormire. Dormono per anni; dormono per tutta una vita; a volte si addormentano di colpo e nel dormiveglia ripetono parole incomprensibili. Non parliamo dei passanti occasionali; persino alcuni che già sono sul sentiero, sono soggetti all'incanto del sonno animale.

Il Maestro deve allora destarli, se necessario, anche con un fulmine. Poiché il sonno conduce facilmente alla possessione.

India benedetta! Tu sola hai serbato il concetto di Maestro e discepolo. Il Guru sa dirigere la nave dello spirito dell'allievo. Sa disperdere l'assalto del sonno. Sa risollevare lo spirito scoraggiato. Guai a chi mente presentandosi a qualcuno come suo Maestro, e a chi pronuncia con leggerezza quella parola per onorare sé stesso! In verità, fiorisce lo spirito che ha compreso la via dell'ascesa, mentre sprofonda chi sconfortato rimane nell'incertezza.

Domandate a un ragazzo Indù se vuole avere un Maestro. Non avrà bisogno di parlare per rispondere, perché gli occhi ne diranno il desiderio, la devozione, l'impegno. Il fuoco di Aryavartha* si accenderà nel suo sguardo. Il fiume dei Rig-Veda scorrerà per i pendii dei monti.

Chi può descrivere a parole l'intera successione dei Maestri? Va intesa come un serpente di sapienza, altrimenti, si ha tenebra, sonno, ossessione.

Non per intimorire, ma è il caso di dire a chiunque approcci allo Yoga: «Il tuo sostegno è il Maestro. Il tuo scudo è la lealtà nei Suoi confronti. La tua rovina sono l'indifferenza e l'ambiguità di pensiero».

Chi sorride sia agli amici che ai nemici del Maestro è ignobile. Chi non Lo tradisce, nemmeno con la reticenza quando occorre parlare, è degno di passare la soglia.

__________

* Aryavartha – terra degli Arii, posta tra l'Himalaya e i monti Vindhya. È considerata la culla della cultura classica indiana – n.d.r.

da Agni Yoga

 

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, è un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarà autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non è responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.15 Secondi