Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Equilibramento e sintesi degli opposti || Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore || Felicità, la negazione del dolore || Il Dolore nell’Insegnamento iniziatico || Legge di Risposta Espansiva e Legge del Quattro Inferiore || Del senso pratico della Massoneria || Il risveglio dei centri || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /2.5 || Della qualità del consiglio |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: News da Esonet.com ::

:: ThePlanetarySystem ::

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


 
Il culto della Dea: Il Culto della Dea
Argomento:Letture d'Esoterismo

Letture d'EsoterismoEsiste un filo rosso che attraversa tutta la cultura del Novecento, teso a riscoprire il culto della Dea. Parlando di Bachofen, dovrei poi dilungarmi anche su un certo ambiente orbitante intorno a Jung, alle conferenze di Erhanos-Ascona, di cui faceva parte Gross che esercitò una certa influenza sullo psichiatra svizzero. Intanto, nel 1948, R. Graves pubblica lo studio fondamentale La Dea Bianca.

Documento senza titolo

Il Culto della Dea

di Antonio D’Alonzo


Esiste un filo rosso che attraversa tutta la cultura del Novecento, teso a riscoprire il culto della Dea. Parlando di Bachofen, dovrei poi dilungarmi anche su un certo ambiente orbitante intorno a Jung, alle conferenze di Erhanos-Ascona, di cui faceva parte Gross che esercitò una certa influenza sullo psichiatra svizzero. Intanto, nel 1948, R. Graves pubblica lo studio fondamentale La Dea Bianca.

Non è un caso che, in questo brodo di coltura che si diffonde tra le due guerre, abbia trovato terreno fertile la dottrina di Crowley. Gerald Gardner è entrato in contatto con Crowley, quando ormai quest’ultimo era un vecchio stanco e malato per l’abuso di sostanze stupefacenti. Crowley, preoccupato per lo stato dell’OtO in Inghilterra, diede mandato a Gardner di fondare una sede dell’Ordine, conferendogli il titolo di “Principe di Gerusalemme”. Gardner si guardò bene dal seguire le direttive della Bestia e scrisse Witchcraft Today (da notare l’introduzione scritta della stessa Murray).

Nella dottrina Wicca esiste una dicotomia fondamentale: il Dio e la Dea. Quest’ultima è associata alla Grande Madre, alla Luna, e alle dee di tutti i pantheon: da Inanna a Kali. Dalla Wicca gardneriana, derivano altri movimenti come quello alexandriano, degli “eclettici-solitari”, del Chaos-Magick, ecc, che non è il caso di trattare in questa sede.

Il neopaganesimo contemporaneo si è sovente intrecciato con il post-femminismo statunitense: quindi da movimento magico si è ormai trasformato in movimento culturale. Certamente si deve ricordare il pericolo insito in certe evocazioni e in certi rituali “eclettici-solitari”, diffusi specialmente tra le adolescenti.

La magia evocativa, o quella cerimoniale, non andrebbe praticata con la stessa leggerezza con cui si acquista un nuovo tipo di telefonino, giacché certe formule e certi nomi sono carichi di energia archetipica soggiacente nell’immaginario religioso. L’esempio tipico è quello della piccola Megan nel film L’Esorcista: giocando con gli attrezzi per evocare gli spiriti in soffitta, finisce per essere posseduta.

A questo punto, spostandomi dal piano storico a quello personale ed iniziatico, non posso fare a meno di inquadrare tutto il movimento neopagano sotto l’espressione “controiniziazione”.

Cambiando argomento e ritornando ai Fedeli d’Amore (v.), direi con Jung, che la Sophia, altro non è che l’Anima: ossia, la proiezione dell’Io maschile, mentre l’Animus sottende all’identità femminile. Considerando tutta la storia del cristianesimo, ma non solo, giacché ricordo il primordiale culto matriarcale minoico e certi aspetti del culto della Dea nel tantrismo indiano, sotteso alla riaffermazione culturale dravida contro la misoginia brahmanica, doveva assumere una maggior valenza l’identificazione di Sophia con l’Anima. Anche perché in alcuni sistemi dello gnosticismo antico è Sophia a rimanere intrappolata nella Materia.

In ogni caso, tout se tiens: il mito della Prigioniera nell’oscuro mondo della materia è l’Anima, celatamente oggettivata nelle pratiche da laboratorio o nel profondo dell’inconscio.

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

Argomenti Correlati

Miti e Simboli

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, è un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarà autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non è responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.18 Secondi