Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Il Nuovo Gruppo dei Servitori Mondiali || Esoterismo della parola || La Stele dell'Inventario di Giza la “sindone” della Grande Piramide / 5 || la Stele dell'Inventario di Giza la “sindone” della Grande Piramide / 4 || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /3.1 || Iniziare a conoscere se stessi (nel bene e nel male) || La Stele dell'Inventario di Giza la “sindone” della Grande Piramide / 3 || Equilibramento e sintesi degli opposti || Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


:: 2 News da Esonet.com ::
·The Warrior unchanged in joy and in suffering
·Happiness, the negation of suffering
·Suffering in the initiatory Teaching
·The Journey through the Great Work /2.5
·World of Noise – World of Silence
·The Heroic Path
·The inner disciple
·Imago Templi / 6.17
·The Sensitive Sphere
·The Three Lights, the Four Castes and the Four Ages

Altro...

:: 2 The Planetary System ::
·Arte del Governo
·Passi sul Sentiero
·Il mondo parallelo
·Alcuni criteri per la compilazione del Lambdoma Economia
·Nuova Religione mondiale
·Collaborare per creare comunione nella comunità
·Plenilunio in Libra: l’Arte del Pensiero
·Libra 2018
·Segni del Cielo anno 2018 – 4° quarto di ciclo
·Comunicazione consapevole

Altro...

 
Studi sul mito: Esseri Sovraumani e Non-Umani
Argomento:Miti e Simboli

Miti e SimboliNel 1995, Angelo Brelich, insigne esponente della “scuola di Roma”, nel suo "Introduzione alla storia delle religioni" introduceva la distinzione tra due diverse categorie di esseri extraumani, cui si riferiva il pensiero “primitivo”: a) esseri la cui azione si è esaurita nel tempo mitico; b) esseri che continuano ad essere attivi anche nel presente.

Documento senza titolo

Esseri Sovraumani e Non-Umani

di Antonio D’Alonzo


Nel 1995, Angelo Brelich, insigne esponente della “scuola di Roma”, nel suo Introduzione alla storia delle religioni [1] introduceva la distinzione tra due diverse categorie di esseri extraumani, cui si riferiva il pensiero “primitivo”: a) esseri la cui azione si è esaurita nel tempo mitico; b) esseri che continuano ad essere attivi anche nel presente.

Brelich intendeva anzitutto superare la concezione “animistica” di Tylor, secondo cui dall’osservazione di alcuni stati fisiologici come il sonno o la malattia si sarebbe formata la credenza “primitiva” negli spiriti, ma anche le teorie pre-animistiche propense a far risalire la religione ad una forza impersonale presente in tutte le cose, il mana melanesiano, l’orenda irochese, ecc. I “primitivi”, sempre per Brelich, credono comunque in determinate entità extraumane e non si limitano a riconoscere e a venerare la “potenza” impersonale che irrompe in ogni forma naturale. Brelich, legato ad una metodologia storico-comparativistica, non definisce come “archetipi” questi esseri extraumani, ma certamente – al di là delle dispute scolastiche con le correnti strutturalistiche – la differenza non è significativa.

Per “archetipi” la scuola fenomenologica intende, più che le strutture simboliche dell’inconscio collettivo junghiano, dei modelli esemplari, dei paradigmi platonici, significanti metastorici in grado di trascendere l’insignificanza del divenire storico. Gli esseri extraumani di Brelich non sono archetipi, perché lo storico delle religioni di origine ungherese si rifiuta di accettare la dimensione universale insita in queste sovrastrutture simboliche.

Per Brelich non tutti gli archetipi sono universali, dunque perché parlare di strutture archetipiche anziché di entità storicamente determinate e circoscritte? Un popolo cacciatore-raccoglitore non vive come un popolo di agricoltori, ne deriva che non si troverà tra i primi un culto della Terra Madre. In ogni caso, ci sembra che la difficoltà presentata da Brelich possa essere superata sostituendo alla Terra Madre la Signora degli Animali, o un’altra analoga entità femminile presente presso i cacciatori-raccoglitori, fermo restando che le divinità femminili si sono affermate presso i popoli che hanno conosciuto l’agricoltura, in virtù di ricorrenti sistemi simbolici che hanno messo in relazione l’agricoltura, la luna, la fertilità vegetale e quella femminile.

Tra gli esseri sovraumani mitici, Brelich annovera:

a)

il Creatore;

b)

il Trickster;

c)

il Primo Uomo;

d)

l’Eroe Culturale;

e)

l’Antenato Mitico;

f)

il Dema.

Tra gli esseri extraumani attivi:

a)

l’Essere Supremo;

b)

la Signora degli Animali;

c)

la Terra Madre;

d)

gli spiriti;

e)

gli antenati;

f)

i feticci;

g)

le divinità;

h)

il Dio unico.

__________

Note

1. Cfr. A. Brelich, Introduzione alla storia delle religioni , Istituti Editoriali e Poligrafici Internazionali, Pisa-Roma, 1955.

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, è un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarà autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non è responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.15 Secondi