Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Il Nuovo Gruppo dei Servitori Mondiali || Esoterismo della parola || La Stele dell'Inventario di Giza la “sindone” della Grande Piramide / 5 || la Stele dell'Inventario di Giza la “sindone” della Grande Piramide / 4 || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /3.1 || Iniziare a conoscere se stessi (nel bene e nel male) || La Stele dell'Inventario di Giza la “sindone” della Grande Piramide / 3 || Equilibramento e sintesi degli opposti || Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


:: 2 News da Esonet.com ::
·The Warrior unchanged in joy and in suffering
·Happiness, the negation of suffering
·Suffering in the initiatory Teaching
·The Journey through the Great Work /2.5
·World of Noise – World of Silence
·The Heroic Path
·The inner disciple
·Imago Templi / 6.17
·The Sensitive Sphere
·The Three Lights, the Four Castes and the Four Ages

Altro...

:: 2 The Planetary System ::
·Arte dell’Organizzazione
·Sognare a regola d’arte
·Creare le cause dell’Opera futura
·Seconda Sezione Aurea dell’anno 2018
·Quante realtĂ ? Una, nessuna, centomila – Seconda parte
·Opera d’Arte
·Sirio : “il Sole dei Soli”. Canali di energia stellare (3^ parte)
·Il manto prezioso della Madre del Mondo (ultima parte)
·Arte della Comunicazione
·Il Sistema delle Leggi universali – parte prima

Altro...

 
Studi sul mito: Interpretazione esoterica ed exoterica dei miti
Argomento:Miti e Simboli

Miti e SimboliAbbiamo visto come i miti forniscano diversi livelli d’interpretazione e molteplici chiavi di lettura. Naturalmente a livello strutturale i diversi livelli esegetici devono necessariamente coesistere senza rivendicare pretese egemoniche o istanze esclusivistiche: anzi, la polisemia semantica dei mitologemi, č provvidenziale in quanto permette d’interagire con i molteplici stati dell’essere della manifestazione individuale.

Documento senza titolo

Interpretazione esoterica ed exoterica dei miti

di Antonio D’Alonzo


Abbiamo visto come i miti forniscano diversi livelli d’interpretazione e molteplici chiavi di lettura. Naturalmente a livello strutturale i diversi livelli esegetici devono necessariamente coesistere senza rivendicare pretese egemoniche o istanze esclusivistiche: anzi, la polisemia semantica dei mitologemi, č provvidenziale in quanto permette d’interagire con i molteplici stati dell’essere della manifestazione individuale. Prendiamo, per esempio, il simbolo del Graal.

Questo simbolo puň essere interpretato come il Sé, il senso della pienezza interiore secondo Jung [1]. Al contempo, puň richiamare il senso della dimensione umana nella ricerca inesauribile e irrealizzabile dell’oggetto oscuro del desiderio; o ancora, l’avventura spirituale. Infine (ma il simbolo possiede numerosi altri significati, che non possiamo trattare completamente in questa sezione).

Il Graal richiama la reintegrazione nel Centro e la conservazione della conoscenza tradizionale [2]. Tutti questi significati sono ugualmente validi, ma soltanto l’ultimo č propriamente iniziatico e destinato a rischiarare la percezione di chi ha “occhi per vedere e orecchie per sentire”.

Nell’analisi dei miti, non si tratta, dunque, di tracciare dei contenuti fissati una volta per tutte, prescindendo dalle capacitŕ intellettuali e spirituali dell’interprete. Ma di comprendere come ognuno finisca per riconoscere nella trama semantica dei mitologemi, la propria condizione esistenziale, il proprio destino. Con la differenza fondamentale che il profano non penetrerŕ mai il senso esoterico del mito, che in fondo non č altro che un simbolo “in movimento”, il cui contenuto si articola in una narrazione: mentre, l’iniziato č in grado di richiamare sia il contenuto exoterico che quello propriamente esoterico.

In altre parole, l’iniziato puň muoversi verticalmente sull’asse spirituale e perpendicolare della croce, mentre il profano č costretto a spostarsi soltanto sulla traiettoria orizzontale e longitudinale della stessa.

L’esoterista possiede il senso e la traiettoria dei due assi: dunque risiede sul Centro che orienta l’uomo spiritualmente e diacronicamente.

L’exoterista, invece, padroneggia soltanto l’asse orizzontale del divenire, la storia che acquista senso nell’attesa della Parusia o del Messia.

Il profano, infine, non possiede alcun senso, alcuna direzione: la sua vita č svuotata di contenuti ontologici forti, imprigionata nell’oblio dell’origine perduta e strutturalmente ipnotizzata nell’allucinazione collettiva del “produci-consuma-muori”.

Si dovrebbe, ancora, rilevare come la nostra civiltŕ moderna, ormai non possa essere considerata nemmeno come materialistica o integralmente secolarizzata, perché il tempo presente e quello che verrŕ, presentano i prodromi di uno “pseudo-spiritualismo” di stampo stregonesco, neopagano ed eclettico-solitario.

Ritornando alla mitoanalisi, possiamo introdurre un’interessante distinzione antropologica proposta da Pierre Riffard. Secondo questo autore, si puň parlare di «mitologismo» per designare la tendenza a riconoscere negli avvenimenti o nelle figure della contemporaneitŕ i mitologemi.

In altre parole, a ripensare gli eventi storici secondo le categorie del pensiero mitico [3], intravedendo nei mitologemi finalitŕ metafisiche. Per esempio, per E. Senart la via del Buddha č riconducibile all’archetipo dell’Uomo Universale il «Mahâ Purusha». Ed al contempo č una personificazione del simbolismo solare proprio di Visnů (non a caso sono proprio i brahmani a ritenere il Buddha una rinascita di Visnů, disceso per sconfiggere gli Asura).

Anche per Coomaraswamy il Buddha č una divinitŕ solare che discende dal cielo per salvare gli uomini e gli dei dalla mortalitŕ e dall’illusione sottesa al Samsara.

Occorre, tuttavia, richiamare un importante aspetto sotteso alla contemplazione dei miti, per prevenire certe conseguenze nefaste che possono colpire l’equilibrio psichico individuale, portando al contempo a compimento l’infiltrazione di residui psichici inferiori nel presente ciclo di manifestazione terrestre.

Esistono delle differenze fondamentali nelle finalitŕ sottese alla mitoanalisi; se č senz’altro vero quello che scrive Jung sull’acquisizione di caratteri malefici per i mitologemi rimossi dall’Inconscio Collettivo (la trasformazione di Hermes o Dioniso in Satana), dall’altro lato non per questo si deve avallare quest’inquietante (ma non casuale) renaissance del neopaganesimo su basi post-gardneriane.

La riscoperta della Dea e la conseguente rivalutazione del lato femminile, lunare, materno e terribile del macrocosmo, non autorizzano a giocare indiscriminatamente con rituali improvvisati e simboli abborracciati, mettendo in gioco forze e influenze inferiori di cui non si comprende appieno la portata. Il mito, in quanto simbolismo narrato, deve essere interpretato come una categoria trascendente che riconduce il significato immediato al senso invisibile intuito dall’intelletto noetico sovrarazionale.

La logica dei miti e dei simboli non č razionale: l’intelligenza puň soltanto sforzarsi di cogliere con le categorie dello spirito ciň che oltrepassa la mera dimensione individuale, ossia antropocentrica. Ma utilizzare gli archetipi per caricare magneticamente i residui psichici latenti, alla maniera delle pratiche eclettico-solitarie propalate dalla diffusione e dalla popolaritŕ della cosiddetta “neostregoneria”, puň essere molto pericoloso.

Nella Germania prenazista si era costituito un movimento politico-culturale, i Wandervögel; gli «uccelli vagabondi» che vagavano nei boschi, abbracciando alberi ed invocando Wotan. Se da un lato poteva essere utile, ai fini dell’esplorazione psicoanalitica, riattualizzare l’archetipo del re degli Asi, dall’altro l’eccessiva focalizzazione – fomentata da tecniche meditative e magiche, dell’attenzione collettiva su questo simbolo – doveva necessariamente condurre all’ingresso di forze distruttive camuffate, “sotto la pelle di pecora”, nel particolare clima culturale della Germania prenazista. Oggi sappiamo com’č andata a finire...

__________

Note

1. C. G. Jung, L’homme et ses symboles, Parigi 1964 (torna al testo)

2. R. Guénon, Il Re del mondo, Adelphi, Milano 1994. (torna al testo)

3. Pierre Riffard, Dictionnaire de l’čsotčrisme, Editions Payot & Rivage, Parigi 1993. (torna al testo)

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, č un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarŕ autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non č responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.30 Secondi