Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Il Nuovo Gruppo dei Servitori Mondiali || Esoterismo della parola || La Stele dell'Inventario di Giza la “sindone” della Grande Piramide / 5 || la Stele dell'Inventario di Giza la “sindone” della Grande Piramide / 4 || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /3.1 || Iniziare a conoscere se stessi (nel bene e nel male) || La Stele dell'Inventario di Giza la “sindone” della Grande Piramide / 3 || Equilibramento e sintesi degli opposti || Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


:: 2 News da Esonet.com ::
·The Warrior unchanged in joy and in suffering
·Happiness, the negation of suffering
·Suffering in the initiatory Teaching
·The Journey through the Great Work /2.5
·World of Noise – World of Silence
·The Heroic Path
·The inner disciple
·Imago Templi / 6.17
·The Sensitive Sphere
·The Three Lights, the Four Castes and the Four Ages

Altro...

:: 2 The Planetary System ::
·Sognare a regola d’arte
·Creare le cause dell’Opera futura
·Seconda Sezione Aurea dell’anno 2018
·Quante realtĂ ? Una, nessuna, centomila – Seconda parte
·Opera d’Arte
·Sirio : “il Sole dei Soli”. Canali di energia stellare (3^ parte)
·Il manto prezioso della Madre del Mondo (ultima parte)
·Arte della Comunicazione
·Il Sistema delle Leggi universali – parte prima
·Plenilunio in Leo: l’Arte del Pensiero

Altro...

 
: Considerazioni e autocritica
Argomento:Arte ed Esoterismo

Arte ed EsoterismoIl talento, quando c'č, da principio appare in forma rozza e poco pregiata. Per questo č difficilmente riconoscibile, se non da persone dotate di particolare sensibilitŕ, capaci di riconoscerlo, un po' come fanno i cani con i tartufi.
Per farlo crescere ci vuole pratica e autocritica. E qui cominciano a formarsi tre categorie.

Documento senza titolo

Considerazioni e autocritica

di Athos A. Altomonte

© copyright by Esonet.it


In questa espressione, c'č la premessa del talento. Il talento, quando c'č, da principio appare in forma rozza e poco pregiata. Per questo č difficilmente riconoscibile, se non da persone dotate di particolare sensibilitŕ, capaci di riconoscerlo, un po' come fanno i cani con i tartufi.

Per farlo crescere ci vuole pratica e autocritica. E qui cominciano a formarsi tre categorie.

La prima č quella maggioranza irrazionale di coloro che si accontentano del talento che hanno, tendendo a sovrastimarlo, finendo cosě per sopravvalutarsi.

La seconda č la parte razionale di quelli che si concentrano sulla pratica ma dimenticano l'importanza della critica costruttiva, data da un «Maestro d'Arte» (anche di ars scientifica) e poi dell'autocritica fatta da se stessi, su se stessi.

Della terza categoria fanno parte l'elite di “creativi” che nessuno puň piů educare, perché hanno superato il livello di qualsiasi scuola.

Trovandosi ormai soli, costoro, per sviluppare il proprio talento, possono far conto solo sulla propria capacitŕ d'autocritica. A patto, perň, che il modello che prendono come pietra di paragone sia piů in alto di loro, ma non utopistico, altrimenti finirebbero per sfibrare la propria autostima.

I “creativi” sono artisti del pensiero, ma nonostante le spiccati doti talentuose, anche tra di loro si vengono a creare due sottocategorie.

Gli egocentrici, che isolandosi, costruiscono un regno di vanitŕ intellettuale dove pongono al centro l'amore per sé stessi e l'infinita ammirazione per le proprie opere. Potremmo riconoscere in questo genere: il profano, che usa la critica come arma d'offesa.

Gli estroversi, invece, tendono a confrontarsi con i propri simili, formando cenacoli filosofici, o artistici. Magari i piů veraci in osteria.

Nondimeno, tutti con l'intento di conoscere e farsi conoscere, trasmettere e comunicare. Potremmo riconoscere in questo genere: l'iniziato, desideroso di sapere, ma pronto a condividerlo con i propri pari.

Cosa certifica le due posizioni č l'atteggiamento, ch'č come “carta che canta”.

L'atteggiamento del profano č segnato dall'esaltazione per il proprio talento, ma sempre pronto a ridurre quello altrui.

L'atteggiamento iniziatico č di condividere con gioia la conoscenza senza farne commercio, perché ha capito che conoscenza ed arte sono «bene comune». Inoltre č capace d'apprezzare il talento altrui, tanto, d'accoglierlo come un “insegnamento”.

 

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, č un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarŕ autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non č responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.20 Secondi