Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore || Felicità, la negazione del dolore || Il Dolore nell’Insegnamento iniziatico || Legge di Risposta Espansiva e Legge del Quattro Inferiore || Del senso pratico della Massoneria || Il risveglio dei centri || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /2.5 || Della qualità del consiglio || Avere coscienza di cosa si vuole |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: News da Esonet.com ::

:: ThePlanetarySystem ::

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


 
Scienza dell'Ottava: La codifica dei Rosoni
Argomento:Misteri dei Costruttori

Misteri dei CostruttoriNormalmente ci si pone di fronte ad un particolare architettonico come i Rosoni, con un atteggiamento che non va oltre la semplice contemplazione, a volte estatica, di una ormai superata arte, fine a sé stessa e si dimentica, o si trascura, come, anche in un periodo definito “tenebroso” per il sapere umano, fosse presente una “Scienza”, che spesso ho definito impossibile, dalle molteplici applicazioni non solo “visive”.

Documento senza titolo

La codifica dei Rosoni

di Michele Proclamato

prodotto per Esonet.it


In questa occasione, gentilmente offertami da “Esonet”, vorrei sottoporre all'attenzione dei Lettori un aspetto conoscitivo molto particolare, indubbiamente presente in uno dei periodi più “oscuri” della storia umana.

Il periodo a cui mi riferisco è il MedioEvo, mentre l'occasione, per dimostrare come determinate “informazioni” siano state “sempre” in possesso dell'uomo, mi è stata data dalla basilica di Collemaggio all'Aquila, attraverso uno dei suoi magnifici Rosoni.

Dico subito che la storia di questo sito sacro meriterebbe uno spazio e un ben più approfondito studio, viste le sue innate capacità di “parlare”.

 

Normalmente ci si pone di fronte ad un particolare architettonico come i Rosoni, con un atteggiamento che non va oltre la semplice contemplazione, a volte estatica, di una ormai superata arte, fine a sé stessa e si dimentica, o si trascura, come, anche in un periodo definito “tenebroso” per il sapere umano, fosse presente una “Scienza”, che spesso ho definito impossibile, dalle molteplici applicazioni non solo “visive”.

 

 

Senza altri indugi v'invito ad osservare l'immagine raffigurante ciò che, di primo acchito, può sembrare “solo” un magnifico Mandala* in pietra di oltre Settecento anni fa; immagine che mi servirà ad indicare come leggere “numericamente” una delle più raffinate informazioni astronomiche riguardante l'asse terrestre.

__________

* Mandala - diagramma simbolico rappresentante le forze dell'universo, in uso sia presso gli induisti tantrici che presso i seguaci del buddismo Vajrayana tibetano.
__________

Partendo dal centro del Rosone è possibile notare una disposizione floreale costituita da Otto petali, collocati intorno ad un piccolo riferimento sferico: siamo di fronte al cuore della “Scienza” di cui avrò occasione di parlare ancora.

Da questa zona dipartono “12” braccia, tutte terminanti con “2” vuoti costruttivi molto particolari, da me definiti “mezzibusti” , vista la loro vaga rassomiglianza con gli omonimi presentatori televisivi: chiaramente essi sono “24”.

Questo primo gruppo di braccia risulta essere compreso da una “ghiera” dentata, di cui parleremo in seguito, base di altre “24” braccia tutte terminanti, come prima, con “2” vuoti, per un totale di “48” mezzibusti.

Molto semplicemente, farò funzionare l'informazione numerica sommando prima le braccia (12+24) “36” in tutto e poi i mezzibusti (24+48) “72”, quindi utilizzerò questa informazione numerica per una semplice operazione matematica: 36 x 72 = “2592”, ottenendo, in modo simbolico, un importante riferimento numerico “Precessionale”.

 

È opportuno ricordare, che il più importante movimento dell'asse terrestre è definito dalla scienza “Precessione degli Equinozi” e che la sua durata è di quasi 25920 anni.

 

Essa consiste nella descrizione celeste, da parte del nostro asse, di un'ipotetica ellisse; la velocità di tale movimento è pari a “72” anni per grado, su una corsa di 360°.

Il tutto culmina in quello che, da secoli, è chiamato anno Platonico, costituito da “12” mesi di 2160 anni.

L'asse terrestre, in questa cavalcata millenaria, contraddistinguerà i suoi “mesi” attraverso fermate “zodiacali” che caratterizzeranno, all'Equinozio di Primavera, in modo Eliaco, il Sole, per la durata appunto, sopra riportata.

In questo momento, e per momento intendo alcune decine di anni, l'asse sta passando dal segno dei Pesci al segno dell'Acquario, dove rimarrà, come già detto, per i prossimi 2160 anni.

Credo sia giusto aggiungere che non è la scienza ufficiale ad aver determinato e decifrato un simile lentissimo “movimento” assiale, tuttora infatti non sappiamo chi, né quando, abbia “dato” all'umanità tale “sapere”.

Detto questo credo sia legittimo chiedersi:

•  perché una simile e raffinata informazione fu posta all'interno di un'opera architettonica di centinaia di anni fa?

•  quale rapporto poteva avere tutto ciò con la storia umana?

•  ma soprattutto: di chi era il sapere alla base di questa incongruenza conoscitiva medioevale?

Nei prossimi articoli proveremo a rispondere a questi interrogativi.

Per ora grazie della Vostra attenzione.

 

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, è un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarà autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non è responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.21 Secondi