Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Imago Templi /6.17 || Il discepolo interiore || Metodo della Presenza || Il Piano per l'evoluzione umana || La Via Eroica || Il Tempio di Ibez || Conoscenza come antidoto alla sofferenza || Chakra, Albero Sephirotico e Suono || L’Aiglòn, fra storia e mistero |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: News da Esonet.com ::

:: ThePlanetarySystem ::

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


 
Educazione Esoterica: 13 Risposte su Magia, Chiesa, Massoneria ed esoterismo
Argomento:Domande e Risposte

Domande e Risposte1. D: È possibile un sincretismo tra due realtà opposte come il cattolicesimo e la magia …?
2. D: Si parla di Logge Regolari e Accettate…?
3. D: C'è un problema di costi, qualche anno fa per una iscrizione ad una Loggia mi chiesero … ?
4. D: Oggi molti considerano la Massoneria un'Istituzione corrotta, …?
5. D: Sono molto interessato alle scienze Iniziatiche, e oggi, mi pesa molto la scomunica della Chiesa Cattolica …?
6 . D: Credo che solo Dio può dire chi possiede veramente la Verità ...?
7. D: Oggi sono molto interessato all'Ermetismo di tipo Kremmerziano …?
8. D: Sono contrario ad ogni forma di discriminazione verso le donne e viceversa…?
9. D: Auspico la ripresa … del Dialogo Interreligioso tra Istituzione Massonica (Mondiale) e la Chiesa Cattolica...?
10. D: La Chiesa Cattolica Latina dice di avere il primato sull'interpretazione della grande figura di Cristo...?
11. D: Ho studiato Scienze Religiose in un Istituto Cattolico, mi piacerebbe studiare Scienze Iniziatiche …?
12. D: …ho una grande Brama di Conoscenza. Non mi accontento delle solite verità...?
13. D: Ti considero un buon Maestro e parlo con te molto volentieri…?

Documento senza titolo

13 Risposte su Magia, Chiesa, Massoneria ed esoterismo

di Athos A. Altomonte

© copyright by Esonet.it


Sommario:

1. D: È possibile un sincretismo tra due realtà opposte come il cattolicesimo e la magia …?

2. D: Si parla di Logge Regolari e Accettate…?

3. D: C'è un problema di costi, qualche anno fa per una iscrizione ad una Loggia mi chiesero … ?

4. D: Oggi molti considerano la Massoneria un'Istituzione corrotta, …?

5. D: Sono molto interessato alle scienze Iniziatiche, e oggi, mi pesa molto la scomunica della Chiesa Cattolica …?

6 . D: Credo che solo Dio può dire chi possiede veramente la Verità ...?

7. D: Oggi sono molto interessato all'Ermetismo di tipo Kremmerziano …?

8. D: Sono contrario ad ogni forma di discriminazione verso le donne e viceversa…?

9. D: Auspico la ripresa … del Dialogo Interreligioso tra Istituzione Massonica (Mondiale) e la Chiesa Cattolica...?

10. D: La Chiesa Cattolica Latina dice di avere il primato sull'interpretazione della grande figura di Cristo...?

11. D: Ho studiato Scienze Religiose in un Istituto Cattolico, mi piacerebbe studiare Scienze Iniziatiche …?

12. D: …ho una grande Brama di Conoscenza. Non mi accontento delle solite verità...?

13. D: Ti considero un buon Maestro e parlo con te molto volentieri…?

* * *

 

1. D: È possibile un sincretismo tra due realtà opposte come il cattolicesimo e la magia come avviene in America Latina?

 

R: In America latina esiste quel fenomeno mistico chiamato: Santeria. Un fenomeno popolare come, d'altronde, lo è anche il cattolicesimo.

Anche se in maniera più suggestiva e sofisticata anche il cattolicesimo si avvale della magia profondendola in ogni suo rituale. A partire dalle elevazioni, evocazioni, guarigioni e assoluzioni. Proseguendo con gli esorcismi, i funerali, i matrimoni, le cresime, le comunioni. Benedicendo ed esorcizzando, magazzini, fabbriche, bandiere ed ogni genere di arma e strumento militare (poi si dice l'amore!).

Insomma, la magia rituale è utilizzata in funzioni d'ogni genere e per ogni occasione.

La differenza tra le due è che, nella Santeria, il contatto con la Divinità è molto personale, ricercato e strettissimo. Al contrario, nel cattolicesimo il contatto tra il fedele e la Divinità non è ammesso, anzi, è stato sempre combattuto dalle gerarchie sovrane che lo hanno sostituito con la presenza di un uomo, professionista della fede. Infine, nel cattolicesimo la presenza di Dio non è più un valore centrale ma è stato ridotto ad un fattore sovrastante e marginale. Sostituito da una moltitudine di “personificazioni” umane che partendo da Gesù, Figlio dell'uomo, sua madre, finisce nello stuolo pressoché infinito di fedeli della Chiesa romana: tutti santi e patroni.

 

2. D: Si parla di Logge Regolari e Accettate, sono un profano, puoi dirmi quali sono in Italia?

 

R: Caso unico al mondo, la Massoneria italiana è formalmente una non-Massoneria. Mi spiego. Divisa da un popolo di guelfi e ghibellini e seguita da una corte di vassalli, valvassini e valvassori la Massoneria Italiana è stata formalmente sospesa da ogni riconoscimento internazionale. Ma la colpa non è dell'Istituzione, ma dei suoi “abitanti”.

Purtroppo, siamo un popolo individualista e, perciò sommamente indisciplinato. Non sappiamo stare “in tre nella stessa stanza” senza morderci per un posto da “capitano di ventura”. Già Cesare, molto demagogicamente, asseriva: meglio essere primo in provincia che secondo a Roma. Credeva, quindi, fosse meglio essere “un grande tra i piccoli”, piuttosto che “un piccolo tra i grandi”. Cosa difficile da condividere, al lume della ragione. Ma il nostro è un popolo sensato solo eccezionalmente. Anche Flaiano ci descrive come: “un popolo sempre pronto a correre in soccorso del vincitore”. Allora, sempre vassalli, valvassini o valvassori.

La Massoneria è universale ma i massoni non sono ancora giunti a tanto. Quindi, non resta che fare i conti con dei “separati in casa” incapaci di stare nella stessa stanza senza mordersi.

La Massoneria italiana, poi, si ulteriormente divisa generando il Grande Oriente d'Italia (il GOI di Palazzo Giustiniani) e la Gran Loggia d'Italia degli Antichi e Accettati Liberi Muratori (GLD'I di Palazzo Vitelleschi). Non vi è nessuna differenza tra le due Famiglie “cugine”, che non sia riconducibile a “convenienze amministrative” e ad interessi politico-istituzionali.

A parte il giro d'interessi delle varie poltrone e poltroncine, come d'uso tra tutti i comuni mortali, le vere differenze sono nel modo di porsi nei confronti della Religione e delle Donne.

Il GOI (Grande Oriente d'Italia) osteggia la prima e disconosce le seconde. Infatti, afferma l'incompatibilità tra Donna e l'Iniziazione che intende solo al maschile. Un atteggiamento razzista e misogino che, paradossalmente, trova il suo pari proprio nel credo di quella Chiesa cattolica che osteggiano e da cui sono osteggiati.

La Gran Loggia d'Italia, invece, ha seguito i Canoni del Diritto Umano che sancisce “pari dignità” tra Uomini e Donne. E non si vede come potrebbe essere altrimenti, visto che nei Rituali di ambedue le Famiglie viene comunemente ricordato che ogni massone: opera a Beneficio dell'Umanità. Ma per qualcuno, sembra che l'umanità sia solo quella di sesso maschile. Che l'attributo genitale sia una virtù teologale? Mah?

Forse perché “in tutt'altre faccende affaccendati” i Liberi Muratori non hanno disperso la dote di ricchezza iniziatica travasata nella loro primitiva quanto povera tradizione muratoria dai (veri) Superiori Incogniti, scienziati Rosa+Croce, Templari, Filosofi, Simbolisti, Ermetisti e Alchimisti che, durante le grandi persecuzioni della Chiesa di Roma, trovarono un rifugio sicuro vestendo i panni di Liberi Muratori.

Ma non bisogna fare dell'erba tutto un fascio. Alcuni buoni massoni si trasmettono di generazione in generazione il senso esoterico dell'insegnamento iniziatico: che come il sole procede da oriente (che la “Luce” provenga da Oriente è una frase che ricorre in ogni Rituale di Loggia). Un insegnamento, per fortuna, rimasto incontaminato da mani sporche di “calce”, perché “velato” nella dizione di Real Segreto.

 

3. D: C'è un problema di costi, qualche anno fa per una iscrizione ad una Loggia mi chiesero… e non potendomelo permettere, fui costretto...

 

R: L'Istituzione massonica si auto-sostenta con i contributi dei propri affiliati che, sostanzialmente, sono due. Il primo all'atto dell'accettazione nell'Ordine, ed esattamente prima della cerimonia simbolica che costituisce il neofita: Apprendista Libero Muratore.

Il secondo contributo chiamato “capitazione” ed ha cadenza trimestrale.

Queste quote sono devolute da ogni massone per il sostentamento della parte amministrativa dell'Istituzione. Le spese maggiori sono quelle di rappresentanza, poi seguono le pubblicazioni, il personale degli uffici, pulizie, manutenzioni, utenze e quant'altro sia utile e necessario a garantire la fruizione ottimale dei Templi messi a disposizione delle singole Logge per le loro Tornate settimanali.

 

4. D: Oggi molti considerano la Massoneria un'Istituzione corrotta, …penso che ci sia ancora qualche Loggia valida.

 

R: Ogni Istituzione si fonda su di un Ideale, solitamente il migliore possibile. La controparte dell'Ideale sono gli uomini che lo rappresentano.

L'Ideale è un idea astratta, e come tale non può corrompersi. Ma possono corrompersi gli uomini che lo “dovrebbero rappresentare”.

Non vorrei cadere nel qualunquismo, ma è vero, ci sono stati massoni corrotti. Come politici che prendevano tangenti, uffici d'informazione e di sicurezza perennemente “impazziti”, ufficiali di carabinieri condannati perché depistavano o prendevano riscatti dei sequestrati, che raffinavano eroina, poliziotti al servizio del crimine, finanzieri che lucravano sulla corruzione da combattere, preti pedofili, e usurai e così via. Ma tutti questi “signori”, per fortuna non sono le Istituzioni, come non sono l'Italia, per fortuna, quelli che mangiano la pizza e suonano il mandolino.

 

5. D: Sono molto interessato alle scienze Iniziatiche, e oggi, mi pesa molto la scomunica della Chiesa Cattolica verso quei Cattolici che si iscrivono a Logge Massoniche.

 

R: Ancora cose legate a convenienze politiche e a logiche di potere.

Quello che il papa re, sovrano della Chiesa di Roma, non ha potuto mai accettare è il Risorgimento, che ha sconvolto i Diritti sovrani, religiosi e monarchici, ampliandoli al popolo che di diritti non ne aveva mai avuti e non doveva averne. I moti rivoluzionari francesi, prima di cadere nella bolgia popolare del “terrore”, sorsero da una aristocrazia intellettuale e massonica. Intendo il gruppo sorto attorno all'«Encyclopédie» di Diderot e D'Alembert che, tra i molti massoni illuminati (Illuminismo), comprendeva anche Voltaire.

Nel nostro sito sono disponibili alcuni brani scelti dall'Encyclopèdie (vedi). Ma per saperne di più, suggerisco il testo: Morale iniziatica o Apostasia (vedi). Dove si svolge un'attenta analisi di tutti gli argomenti che hai indicato ed altri ancora. Ed alla fine della seconda parte troverai anche il testo integrale della scomunica fatta alla Massoneria che, dopo tutte le premesse, non potrai che trovare un documento politico moralmente specioso e spiritualmente inconsistente.

 

6. D: Credo che solo Dio può dire chi possiede veramente la Verità e ognuno probabilmente possiede solo una parte di questa Verità, perché ognuno vede solo un aspetto, dei molteplici aspetti della Verità Assoluta.

 

R: Non credo che in nessun caso Dio venga mai ad essere coinvolto negli aspetti umorali e “troppo umani” dell'umanità. Non credo nemmeno che sia Dio a venire all'Uomo (e perché mai?) ma sia l'Essere umano (uomo e donna) a dover andare a Lui, attraverso quella particella di Dio che ognuno contiene in sé e che lo “anima”. E poi, bisognerebbe ricordare che non è mai l'anima che sbaglia, ma l'animo. E l'animo umano non è detentore di verità. Magari, se divenisse un po' leale, con un pizzico di buona volontà potrebbe cominciare a percepire qualche frammento di “realtà”. Ma è assai improbabile che uomo e donna possano vedere il bello che li circonda (la verità) finché tengono gli occhi ben serrati per non vedere il brutto che hanno accumulato dentro sé stessi. Per ulteriori commenti sul tema vedi Il mito delle «Verità assolute» e La verità assoluta, può raggiungere l'uomo?

 

7. D: Oggi sono molto interessato all'Ermetismo di tipo Kremmerziano (Fratellanza di Miriam) L'etica (dei Buddhisti) dei 10 Comandamenti è considerata da me un'etica universale, una cosa è buona se rispetta queste 10 norme. Sono sostanzialmente un filantropo, sono donatore periodico di sangue, faccio spesso opere di Carità a seconda delle mie possibilità finanziarie e di tempo,mi piace fare del volontariato.

 

R: Essere “bravi” ma statici, spesso può diventare la stessa cosa.

Il buonismo ideologico, etico e morale non assolvono dall'inerzia che scollega l'essere dal proprio dovere, che è quello di assecondare il progresso interiormente. Perché il “primo membro dell'umanità” che dobbiamo aiutare a crescere siamo noi stessi. Pensa una cosa, chi può aiutare meglio un malato: un volontario o un medico? Il volontario può sollevare il disagio del malato ma il medico può salvargli la vita. Quindi, solo progredendo possiamo aiutare meglio gli altri. Chi sa fa, si dice. Quindi, bene per l'etica e per la morale, ma bisogna impegnare la parte migliore di sé per “crescere”. Primo perché bisogna rispondere innanzitutto al proprio “Karma”, poi, con le energie che restano e dopo aver “assolto bene il proprio lavoro” ci si può dirigere a “soccorrere” il “Karma” altrui.

Per quanto tratta l'essere kremmerziano o altro, posso dire che, a mio avviso, la realtà è Unica anche se le sue interpretazioni sono infinite, perché, nessuno è in grado di “guardarla” direttamente né di concepire la sua unicità. Allora, il “segreto” è tendere all'unicità lavorando alla sintesi di sé stessi.

Le coscienze sono sottoposte a menti piccole e sensitivamente troppo specializzate. Allora si ha bisogno di linguaggi appropriati per interpretare significati che, nella loro forma sintetica, non si è in grado di riconoscere.

Ogni interpretazione confluisce in un linguaggio che gli è proprio, ma nessuno di questi può, né deve essere considerato migliore o più completo di altri.

Alchimia, ermetismo, magismo, religione, devozione, filosofia, yoga e quant'altro l'uomo è stato capace d'immaginare per condiscendere alle proprie modeste capacità, non sono altro che “piccoli sentieri di verità”. Canoni interpretativi, modesti e relativi che, seppure utili per orizzontarsi a ritrovare le proprie capacità, debbono essere abbandonate al più presto per dirigersi verso una strada maestra. Devo dirti che le strade maestre sono davvero poco affollate e trovare qualche compagno di viaggio è davvero un fatto speciale.

Chi ama la compagnia, dunque, resti nei sentieri affollati.

 

8. D: Sono contrario ad ogni forma di discriminazione verso le donne e viceversa,per me possono esistere valide studiose e Iniziate esattamente come esistono validi studiosi e Iniziati o profani.

 

R: Come s'evince dalla 5 a risposta, concordo pienamente. Le uniche critiche, possibili al genere femminino, sono frutto dei ruoli sottomessi a cui sono state sottoposte per millenni. Ai modelli di sudditanza psicologica a cui sono state relegate dalla cultura “patriarcale” e dalle religioni falliche che hanno concepite a propria immagine e somiglianza.

Allora, la mancanza d'esercizio non può che essere un peccato veniale. E la mancanza di volitività nel femminino si sta già dissolvendo.

In un opera veniva cantato: …la donna è mobile qual piuma al vento. Sarà pur vero per il popolo dei telefonini e dei concorsi di bellezza, delle vallette e delle veline. Ma quei tempi, nonostante gli ostacoli mediatici, volgono al tramonto. E si vede dall'incertezza e dal turbamento che confonde il genere dei maschi semplici portatori di pene, abituati a reputarsi superiori senza nulla dover dimostrare.

Come altri processi irreversibili che stanno cambiando portandoci verso una nuova Era, anche le religioni fatte di modelli paterni, materni e filiali stanno cadendo. Ecco il nuovo che arriva, proprio lì davanti a noi. Basta volerlo vedere.

Ma molti infilano la testa sotto la sabbia, e si sentono meglio!

 

9. D: Auspico la ripresa o la continuazione del Dialogo Interreligioso tra Istituzione Massonica (Mondiale) e la Chiesa Cattolica.

 

R: Mi piacciono le Utopie perché, in fondo, contengono sempre un frammento di verità possibile. La verità possibile di questa utopia, però, è ancora tanto in profondità che non se ne può vedere il capo.

 

10. D: La Chiesa Cattolica Latina dice di avere il primato sull'interpretazione della grande figura di Cristo, però essa ha commesso molti errori...

 

R: Carte alla mano, e non sono poche, direi che la Chiesa cattolica ha: il primato dell'invenzione della figura di Gesù il Nazareno. I coautori principali del dramma cristico sono stati, anche se in tempi diversi, san Paolo e san Girolamo. Il primo, Paolo di Tarso, cittadino romano, che non conobbe mai Gesù ma si celebrò suo discepolo (?) suscitando le ire di Pietro che da Tiro e Sydone gli lanciava anatemi, accusandolo d'infrangere la Legge dei Padri, cioè, di non osservare la regola religiosa che obbligava i fedeli al “patto divino” della circoncisione.

Ed è per ironia della sorte, che i due sant'uomini, ieri nemici giurati, oggi vengano accomunati dalla stessa festa.

San Girolamo, infine, nonostante quanto lamentasse per iscritto, si attenne all'ordine della “santa sede” di continuare a “modellare” i brani dei cosiddetti Vangeli canonici, tagliando e cucendo a piacere del pontefice.

Come ho detto, carta canta, ma non è questa le sede per affrontare questo tema.

 

11. D: Ho studiato Scienze Religiose in un Istituto Cattolico, mi piacerebbe studiare Scienze Iniziatiche in un Istituto Massonico, aperto a studiosi profani come me. Esisterà? Se esiste dov'è e come iscriversi?

 

R: Forse la formula più semplice e diretta l'hai già trovata, è Esonet.

 

12. D: …ho una grande Brama di Conoscenza. Non mi accontento delle solite verità, ma ricerco anche altre Verità altri punti di vista. Sono iscritto in molte ML tutte molto interessanti e ricevo una media di 250 messaggi al giorno.

 

R: Torno a ripetere quello che è un convincimento sorto in anni di “viaggi esoterici” attraversando più volte ogni angolo della terra (piccola, in verità).

Capisco allargare il proprio orizzonte “culturale” per vedere “cosa c'è in giro”. Ma, poi, bisogna decidere la direzione da prendere e seguirla fino in fondo. Perché, la confusione della molteplicità non è mai un buon piatto per soddisfare la “fame di conoscenza”.

Allora guarda, osserva, capisci e giudica. Non innamorati mai di nessuna teoria. Fa che nessun teorema diventi mai un dogma indiscutibile. Non soffermarti sulla superficie di un argomento, perché, la faccia esterna di ogni forma concettuale è abitata da una moltitudine di “parassiti” e con loro, dopo il cervello si rischia d'infettarsi anche l'anima.

Siccome in questo mondo non c'è certezza, è necessario “osare”. Studia, perciò, con distacco la molteplicità delle interpretazioni minori, che non sono garanzia di qualità, e decidi.

Con coraggio inoltrati verso il fondo di ogni significato. Questo è vero esoterismo.

E se trovi una guida di cui ti puoi fidare, inoltrati nel “territorio dei significati” senza arrestarti. E rammenta: In fondo la Conoscenza non serve senza il Libro su cui scriverla e uno di quei LIBRI sei tu.

 

13. D: Ti considero un buon Maestro e parlo con te molto volentieri. Grazie molto per i tuoi preziosi consigli …, …  Enoc B.

 

R: Caro Enoc, al punto di lasciarci vorrei dirti un ultima cosa. Non credermi un Maestro, ma un consiglio te lo posso dare lo stesso. Non serve un buon Maestro o un Insegnamento straordinario per fare un buon filosofo, un Adepto o un Iniziato.

Serve invece «un buon Discepolo», che sia allievo silenzioso, accurato, disciplinato e volenteroso: su cui un Maestro possa riversare tutto il proprio amore.

Fraternamente, Athos A. Altomonte

 

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, è un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarà autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non è responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.14 Secondi