Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore || Felicità, la negazione del dolore || Il Dolore nell’Insegnamento iniziatico || Legge di Risposta Espansiva e Legge del Quattro Inferiore || Del senso pratico della Massoneria || Il risveglio dei centri || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /2.5 || Della qualità del consiglio || Avere coscienza di cosa si vuole |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: News da Esonet.com ::

:: ThePlanetarySystem ::

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


 
Ordini Esoterici: Principi e dottrine dei Rosa+Croce
Argomento:Letture d'Esoterismo

Letture d'EsoterismoConfessio Fraternitatis R.C. Ad Eruditos Europae - Fraternitas R.C.

Non e' disponibile alcuna notizia attendibile riguardante le vere credenze filosofiche, le aspirazioni politiche e le attivita' umanitarie della Fratellanza dei Rosa+Croce. Oggigiorno, come nel passato, i misteri della Societa' sono rimasti inviolati grazie alla loro natura essenziale; e i tentativi per interpretare la filosofia dei Rosacroce non sono altro che congetture, non esistendo niente che possa dimostrarne il contrario.
Le prove tendono a mettere in luce la possibile esistenza di due rami ben distinti dei Rosacroce: una organizzazione interna i cui membri non hanno mai rivelato al mondo la loro identita' o i loro insegnamenti, e una struttura esterna sotto la supervisione del gruppo interno.

Documento senza titolo

Principi e dottrine dei Rosa+Croce

di Manly P. Hall

© copyright by Esonet.it


Sommario: Confessio Fraternitatis R.C. Ad Eruditos Europae - Fraternitas R.C.

 

Non è disponibile alcuna notizia attendibile riguardante le vere credenze filosofiche, le aspirazioni politiche e le attività umanitarie della Fratellanza dei Rosa+Croce. Oggigiorno, come nel passato, i misteri della Società sono rimasti inviolati grazie alla loro natura essenziale; e i tentativi per interpretare la filosofia dei Rosacroce non sono altro che congetture, non esistendo niente che possa dimostrarne il contrario.

Le prove tendono a mettere in luce la possibile esistenza di due rami ben distinti dei Rosacroce: una organizzazione interna i cui membri non hanno mai rivelato al mondo la loro identità o i loro insegnamenti, e una struttura esterna sotto la supervisione del gruppo interno. Probabilmente, la tomba simbolica di Christian Rosencreutz, Cavaliere della Pietra Dorata, era in realtà questa struttura esterna, il cui spirito è in una sfera più elevata. Per più di un secolo dopo il 1614, la struttura esterna mise in circolazione opuscoli e manifesti sia sotto il proprio nome che sotto il nome di vari membri iniziati. Apparentemente il fine di questi scritti era quello di confondere e fuorviare i ricercatori, e quindi di tenere effettivamente segreti i veri disegni della Fratellanza.

Quando il Rosacrocianesimo diventò la “moda” filosofica del diciassettesimo secolo, numerosi documenti su questo argomento furono fatti circolare anche per fini puramente commerciali da impostori desiderosi di incrementare la loro popolarità.

Gli artifici abilmente inventati dalla Fratellanza stessa ed i goffi inganni letterari dei ciarlatani formarono un doppio velo, dietro al quale l'organizzazione interna svolgeva le proprie attività in modo totalmente diverso dai propri fini e principi come pubblicamente divulgati.

Ingenuamente I Fratelli della Rosa+Croce si riferiscono in modo naïf all'equivoco che ha, per ovvie ragioni, permesso loro di esistere, che li rappresenta come vere “nuvole” all'interno delle quali lavorano e dietro alle quali sono nascosti.

Un indizio riguardante l'essenza del Rosacrocianesimo – le sue dottrine esoteriche – può essere raccolto da un'analisi della sua ombra – i suoi scritti esoterici. In una delle loro più importanti “nuvole”, la Confessio Fraternitatis, i Fratelli della Fratellanza di R+C cercano di giustificare la loro esistenza e di spiegare (?) i fini e le attività del loro Ordine.

Nella sua forma originale il Confessio si divide in quattordici capitoli, che qui sono riassunti.

 

Confessio Fraternitatis R.C. Ad Eruditos Europae

Capitolo I

Non lasciate che giudizi frettolosi o pregiudizi, facciano fraintendere le dichiarazioni in merito alla nostra Fratellanza pubblicate nel nostro precedente manifesto – la Fama Fraternitatis. Jehovah, osservando il decadimento della civiltà, cerca di redimere l'umanità rivelando il volere e imponendo al riluttante quei segreti che precedentemente Egli aveva riservato per il Suo eletto. Con questa saggezza il devoto sarà salvato, ma le pene dell'empio saranno moltiplicate. Mentre il vero fine del nostro Ordine era messo in evidenza nel Fama Fraternitatis, stavano nascendo equivoci per i quali siamo stati erroneamente accusati di eresia e tradimento.

Così in questo documento noi speriamo di chiarire la nostra posizione e che i dotti d'Europa vorranno unirsi a noi nella divulgazione della conoscenza divina secondo il volere del nostro illustre fondatore.

 

Capitolo II

Mentre molti suppongono che il codice filosofico dei nostri giorni sia il suono, noi dichiariamo che questo è falso e prossimo a morire a causa della sua intrinseca debolezza. Proprio mentre la Natura, comunque, fornisce un rimedio per ogni nuova malattia che essa stessa manifesta, così la nostra Fratellanza ha fornito un rimedio per le infermità del sistema filosofico mondiale. La filosofia segreta dei R+C è fondata sulla conoscenza che è la somma e l'origine di tutte le facoltà, scienze ed arti. Tramite il nostro sistema rivelato divinamente – che ha molto di teologia e medicina ma poco di giurisprudenza – noi analizziamo il cielo e la terra; ma principalmente studiamo l'uomo stesso, dentro la cui natura è nascosto il supremo segreto. Se i dotti dei nostri giorni accetteranno il nostro invito e si uniranno alla nostra Fratellanza, noi riveleremo loro i segreti straordinari e le meraviglie dei processi occulti della Natura.

 

Capitolo III

Non crediate che i segreti discussi in questo breve documento siano da noi sottostimati. Noi non possiamo descrivere pienamente le meraviglie della nostra Fratellanza per timore che i disinformati siano schiacciati dalle nostre dichiarazioni sorprendenti ed il volgo ridicolizzi i misteri che non comprende. Noi temiamo anche che molti saranno confusi dall'inaspettata generosità del nostro proclama, non comprendendo le meraviglie di questa sesta età, non realizzeranno i grandi cambiamenti che devono arrivare. Come ciechi che vivono in un mondo pieno di luce, percepiscono soltanto attraverso il senso dei sentimenti. (Con vista è sottintesa la cognizione spirituale; con sensibilità, i sensi materiali).

 

Capitolo IV

Noi crediamo fermamente che attraverso una profonda meditazione sulle invenzioni della mente umana ed i misteri della vita, attraverso la cooperazione di angeli e spiriti, e attraverso l'esperienza e la lunga osservazione, il nostro amato Padre Christian C.R.C. fu così pienamente illuminato della saggezza di Dio, e tutti i libri e gli scritti del mondo che furono confusi e capovolte le fondamenta della scienza, la Confraternita dei R+C potette ristabilire la struttura del mondo basandosi sulla verità ed l'integrità divine. Grazie alla grande profondità e perfezione della nostra conoscenza, coloro che desiderano capire i misteri della Fratellanza della R+C non possono raggiungere immediatamente questa saggezza, ma devono crescere in apprendimento e conoscenza. Tuttavia, la nostra Fratellanza è divisa in gradi attraverso i quali ognuno deve salire poco alla volta verso il Grande Arcano. Adesso che è piaciuto a Dio illuminarci con il Suo sesto candelabro, non è meglio cercare la verità in questo modo, invece di vagare nei labirinti dell'ignoranza mondiale?

Inoltre, coloro che ricevono questa conoscenza diventeranno maestri di tutte le arti e mestieri, non sarà nascosto loro alcun segreto; e tutte le opere buone del passato, presente e futuro saranno loro accessibili. L'intero mondo diventerà come un libro e le contraddizioni della scienza e della teologia saranno riconciliate.

Gioisci, o umanità! Perché è giunto il momento in cui Dio ha decretato che il numero della nostra Fratellanza sia aumentato, lavoro che noi abbiamo gioiosamente intrapreso. Le porte della saggezza sono ora aperte al mondo, ma soltanto a quelli che hanno guadagnato il privilegio della Fratellanza possono presentarsi, per cui è proibito rivelare la nostra conoscenza persino ai nostri propri figli. Il diritto di ricevere la verità spirituale non può essere ereditato: deve evolversi nell'anima stessa dell'uomo.

 

Capitolo V

Sebbene noi possiamo essere accusati di imprudenza offrendo i nostri tesori così liberamente e promiscuamente – senza discriminare fra il religioso, il saggio, il principe, il contadino – noi affermiamo che non abbiamo tradito la nostra fede; per cui sebbene abbiamo pubblicato il nostro Fama in cinque lingue, soltanto quelli che lo capiscono sono coloro che hanno quel diritto.

La Nostra Società non può essere scoperta da curiosi cercatori, ma soltanto da seri e dediti pensatori; ciò nondimeno abbiamo fatto circolare il nostro Fama in cinque lingue madri di modo che i giusti di tutte le nazioni possano avere un'opportunità per conoscerci, sebbene non siano dei discepoli.

Un migliaio di volte gli indegni possono presentarsi e urlare a gran voce ai cancelli, ma Dio ha proibito a noi della Fratellanza dei Rosa+Croce, di udire le loro voci, ed Egli ci ha circondati con le Sue nuvole e la Sua protezione così che nessun danno possa raggiungerci, e Dio ha decretato che noi dell'Ordine dei R+C, non possiamo più essere visti da occhi mortali a meno che essi abbiano ricevuto forza data loro in prestito dall'aquila. Inoltre noi affermiamo che riformeremo i governi d'Europa e li modelleremo secondo il sistema applicato dai filosofi di Damcar. Tutti gli uomini desiderosi di ottenere la conoscenza riceveranno tanto quanto sono capaci di capire. Il principio di falsa teologia sarà rovesciato e Dio farà il Suo volere, conosciuto attraverso i Suoi filosofi scelti.

__________

Johann Valentin Andreae

In certi circoli esoterici gira la voce che la personalità senza pretese di Johann Valentin Andreae mascherasse un emissario elevato dei Rosacroce. Mentre esistono prove sufficienti per stabilire la reale esistenza di un teologo tedesco dal nome Andreae, ci sono molte contraddizioni nella sua biografia, che non hanno però del tutto soddisfatto i ricercatori critici. Un confronto della faccia sopra mostrata con quella di Sir Francis Bacon mostra delle strette rassomiglianze, nonostante la differenza dovuta all'età. Se Lord Bacon ha preso in prestito il nome e l'identità di William Shakespeare, potrebbe anche assumere, dopo il suo finto funerale in Inghilterra, la personalità di Johnn Valentin Andreae. La mezza luna sotto al busto è significativa, così come anche appare sull'elmo di Lord Bacon; per sottolineare che egli fu il secondo figlio di Sir Nicholas Bacon. Inoltre, le quattro lettere (O MDC) nel riquadro in basso nell'angolo a destra della figura, da un messaggio cifrato Baconiano molto semplice, può essere cambiato in un numero la cui somma dà 33 – l'equivalente numerico del nome Bacon. Questi numerosi punti interessanti, quando considerati insieme, portano a far chiarezza sul mistero che circonda la paternità dei primi manifesti dei Rosacroce.

Da una stampa rara.

__________

 

Capitolo VI

A causa del bisogno di brevità, è sufficiente dire che il nostro Padre C.R.C. nacque nell'anno 1378 e morì all'età di 106 anni, lasciandoci il compito di diffondere al mondo intero la dottrina della religione filosofica. La Nostra Fratellanza è aperta a tutti coloro che sinceramente cercano la verità; ma noi diffidiamo pubblicamente il falso e l'empio che non possono tradire od offenderci, poiché Dio ha protetto la nostra Fratellanza, e tutti coloro che tenteranno di farci del male avranno di ritorno i loro disegni diabolici e ne saranno distrutti, mentre i tesori della nostra Fratellanza rimarranno intatti, per essere usati dal Leone a fondazione del suo regno.

 

Capitolo VII

Noi dichiariamo che Dio, prima della fine del mondo, creerà una grande inondazione di luce spirituale per alleviare le sofferenze del genere umano. La falsità e l'oscurità che si sono annidate nelle arti, scienze, religioni e governi dell'umanità – facendo in modo che sia difficile persino per il saggio scoprire il sentiero della realtà – saranno per sempre rimosse e instaurato un unico modello, così che tutti potranno godere dei risultati della verità. Noi non saremo riconosciuti come i responsabili di questo cambiamento, per cui la gente dirà che è il risultato del progresso dell'epoca. Grandi sono le riforme che stanno per avere luogo; ma noi della Fratellanza dei R+C non ci arroghiamo la gloria per questa riforma divina, poiché ci sono molti, non membri della nostra Fratellanza, ma uomini saggi, onesti e veri, che con la loro intelligenza ed i loro scritti solleciteranno la sua venuta. Noi testimoniamo che appena le pietre si solleveranno e offriranno i loro servizi, allora non ci sarà alcuna mancanza di persone giuste per eseguire il volere di Dio sulla terra.

 

Capitolo VIII

Nessuno può dubitarne, noi dichiariamo che Dio ha inviato messaggeri e segni nei cieli, e precisamente, le nuove stelle in Serpentarius e Cygnus, per mostrare che un grande Concilio degli Eletti sta per avere luogo. Questo dimostra che Dio rivela nella natura visibile – per i pochi perspicaci – segni e simboli di tutte le cose che sono prossime a passare. Dio ha dato all'uomo due occhi, due narici, e due orecchie, ma soltanto una lingua. Mentre gli occhi, le narici, e le orecchie riconoscono la saggezza della Natura nella mente, soltanto la lingua può emetterla. In varie età ci sono stati degli illuminati che hanno visto, annusato, gustato o udito il volere di Dio, ma presto accadrà che, coloro che hanno visto, annusato, gustato o udito, parleranno e la verità sarà rivelata. Prima che questa rivelazione di rettitudine sia possibile, tuttavia, il mondo deve riposare lontano dall'intossicazione del suo calice avvelenato (riempito con la falsa vita della vigna teologica) e, aprendo il suo cuore alla virtù e alla comprensione, darà il benvenuto al sole nascente della Verità.

 

Capitolo IX

Noi abbiamo uno scritto magico, copiato da quell'alfabeto divino con cui Dio scrive il Suo volere sulla faccia della Natura terrestre e celestiale. Con questo nuovo linguaggio noi leggiamo la volontà di Dio per tutte le Sue creature, e così come gli astronomi predicono eclissi così noi pronostichiamo gli offuscamenti della chiesa e per quanto tempo essa durerà. Il nostro linguaggio è simile a quello di Adamo ed Enoch prima della Caduta; sebbene noi capiamo e possiamo spiegare i nostri misteri in questo nostro linguaggio sacro, noi non possiamo farlo in Latino, una lingua contaminata dalla confusione di Babilonia.

 

Capitolo X

Sebbene ci siano certe persone potenti che si oppongono e ci ostacolano – a causa di ciò noi dobbiamo rimanere nascosti – noi esortiamo quelli che vorranno diventare della nostra Fratellanza a studiare incessantemente le Sacre Scritture, così facendo non possono essere lontani da noi. Non vogliamo dire che la Bibbia debba essere continuamente nella bocca dell'uomo, ma che egli debba cercare la sua verità ed il suo eterno significato, che è raramente scoperto dai teologi, scienziati, o matematici, perché loro sono accecati dalle opinioni delle loro sette. Noi testimoniamo che mai dall'inizio del mondo sia stato dato all'uomo un libro più eccellente della Sacra Bibbia. Benedetto sia colui che la possiede, più benedetto colui che la legge, ancor più benedetto colui che la capisce, e il più divino colui che le obbedisce.

 

Capitolo XI

Noi desideriamo che le dichiarazioni da noi fatte nel Fama Fraternitatis riguardanti la trasmutazione dei metalli e la medicina universale siano poco capite. Mentre capiamo che ambedue i lavori sono accessibili all'uomo, noi temiamo che molte autentiche grandi menti possano essere allontanate dalla vera ricerca della conoscenza e comprensione se loro si permetteranno di limitare la loro indagine alla trasmutazione dei metalli, Quando ad un uomo è dato il potere di guarire una malattia, di superare la povertà e di raggiungere una posizione di dignità mondana, quell'uomo è assediato da numerose tentazioni e, a meno che egli possegga la vera conoscenza e una piena comprensione, egli diventerà una terribile minaccia per il genere umano. L'alchimista che raggiunge l'arte della trasmutazione dei metalli di base può fare tutti i tipi di male, a meno che la sua comprensione sia così grande come la ricchezza che si è creato. Tuttavia noi affermiamo che l'uomo prima debba acquisire conoscenza, virtù e comprensione, poi tutte le altre cose gli potranno essere aggiunte. Noi accusiamo la Chiesa Cristiana del grande peccato di possedere potere e di usarlo senza buon senso; tuttavia noi profetizziamo che essa cadrà per il peso delle sue stesse iniquità e la sua corona sarà inutile.

__________

Uno schema simbolico delle operazioni della natura

Da Fludd's Collectio Operum.

 

Questa incisione, cesellata da De Bry, è lo schema più famoso che illustra i principi filosofici di Robert Fludd (Robertus de Fluctibus). Tre figure sono dei notevoli collegamenti fra il Rosacrocianesimo e la Massoneria; Michael Maier, Elias Ashmole e Robert Fludd. De Quincy considera Robert Fludd come il padre diretto della Massoneria (Vedi I Rosacroce e i Massoni). Edward Waite considera Robert Fludd come secondo a nessuno dei discepoli di Paracelso, persino al punto di dichiarare che Fludd ha superato di gran lunga il suo maestro. Inoltre aggiunge, “La figura centrale della letteratura dei Rosacroce, torreggiante come un gigante intellettuale sulla folla di suggeritori, teosofisti, e Professori ciarlatani del magnum opus, che, direttamente o diversamente, furono collegati con la misteriosa Fratellanza, è Robertus de Fluctibus, il grande filosofo mistico inglese del diciassettesimo secolo, un uomo dall'immensa erudizione, dalla mente elevata e, giudicando i suoi scritti, di un'estrema personale religiosità.” (Vedi La Vera Storia dei Rosacroce). Robert Fludd nacque nel 1574 e morì nel 1637.

Lo schema di De Bry sopra mostrato si spiega abbastanza da sé. Al di fuori del cerchio dei cieli stellati ci sono i tre anelli ignei dell'empyreum - il triplice fuoco del Supremo Creatore - nei quali dimorano le creature celesti. Dentro all'anello delle stelle sono i cerchi dei pianeti e degli elementi. Dopo l'elemento dell'aria viene il cerchio del mondo (terra). Il cerchio degli animali è seguito dal cerchio delle piante, che, a sua volta, è seguito dal cerchio dei minerali. Poi ci sono vari simboli e al centro c'è un globo terrestre con un uomo scimmiesco seduto su di esso, che misura una sfera con un paio di compassi. Questa piccola figura rappresenta la creazione animale. Nell'anello di fuoco esterno, sopra c'è il nome sacro di Jehovah circondato da nuvole. Da queste nuvole esce fuori una mano che tiene una catena. Fra la sfera divina e il mondo inferiore, personificato dall'uomo scimmiesco, c'è la figura di una donna. Soprattutto è da notare che la figura femminile sta semplicemente tenendo la catena che la unisce al mondo inferiore, ma la catena che la unisce al mondo superiore finisce in una manetta al suo polso. Questa figura femminile può avere più interpretazioni: può rappresentare l'umanità sospesa fra il divino e l'animale; può rappresentare la Natura come collegamento fra Dio e il mondo inferiore; oppure può rappresentare l'anima umana – il comune denominatore fra il superiore e l'inferiore.
__________

 

Capitolo XII

Concludendo la nostra Confessio, noi vi ammoniamo seriamente di disfarvi dei libri di nessun valore degli pseudo-alchimisti e filosofi (ce ne sono molti nella nostra epoca), che illuminerebbero sulla Santa Trinità e imbrogliano i creduloni con enigmi senza senso. Uno dei più grandi di questi è un attore, un uomo con sufficiente ingenuità per ingannare. Tali uomini sono mescolati dal Nemico del benessere umano, fra quelli che cercano di fare del bene, quindi rendono la Verità più difficile da scoprire. Credeteci, la Verità è semplice e manifesta, mentre il falso è complesso, profondamente nascosto, superbo, e la sua conoscenza fittizia di questo mondo, apparentemente somigliante a un lustrino con una luminosità religiosa, è spesso scambiata per saggezza divina. Voi che siete saggi, abbandonerete questi falsi insegnamenti e verrete a noi, che cerchiamo non il vostro denaro, ma vi offriamo liberamente il nostro tesoro più grande. Noi non desideriamo le vostre cose, ma che voi possiate diventare partecipanti dei nostri beni. Noi non deridiamo le parabole, ma vi invitiamo a capire tutte le parabole e tutti i segreti. Noi non vi chiediamo di riceverci, ma siete invitati a venire alle nostre case regali e palazzi, non perché lo vogliamo noi, ma perché noi ne siamo stati comandati dallo Spirito Santo, dal desiderio del nostro eccellente Padre C.R.C., e dalla necessità di questo momento, che è molto grande.

 

Capitolo XIII

Adesso che abbiamo chiarito la nostra posizione, sinceramente professiamo Cristo; ripudiamo il Papato; dedichiamo le nostre vite alla vera filosofia e al vivere degno; e giornalmente invitiamo e ammettiamo nella nostra Fratellanza le personalità di tutte le nazioni, che quindi dividano con noi la Luce di Dio: non vi unireste a noi per la perfezione di voi stessi, lo sviluppo di tutte le arti, e al servizio del mondo? Se voi farete questo passo, i tesori di ogni parte della terra saranno dati a voi, e l'oscurità che avviluppa la conoscenza umana e che conclude nelle vanità delle arti materiali e delle scienze, sarà per sempre dissipata.

 

Capitolo XIV

Di nuovo mettiamo in guardia quelli che sono abbagliati dal luccichio dell'oro o quelli che, adesso retti, possono essere trascinati da grandi ricchezze in una vita di ozio e di sfarzo, di non disturbare il nostro sacro silenzio con i loro schiamazzi; sebbene ci sarà una medicina che curerà tutte le malattie e darà saggezza a tutti gli uomini, tuttavia è contro il volere di Dio che gli uomini possano raggiungere la conoscenza con mezzi diversi dalla virtù, lavoro e integrità. Non ci è permesso di manifestarci ad alcun uomo a meno che sia il volere di Dio. Quelli che credono che possono prender parte alla nostra ricchezza spirituale contro il volere di Dio, oppure senza la Sua autorizzazione, scopriranno che cercandoci perderanno le loro vite più velocemente che raggiungere la felicità scoprendoci.

 

Fraternitas R.C.

Di solito si crede che Johann Valentin Andreae sia l'autore del “Confessio”. Tuttavia è un dubbio molto discutibile, se Andreae non permise che il suo nome fosse usato come uno pseudonimo da Sir Francio Bacon. A proposito di questo argomento ci sono due riferimenti estremamente significativi che si trovano nell'introduzione a quel notevole potpourri, L'Anatomia della Melanconia.

Questo volume apparve la prima volta nel 1621 dalla penna di Democrito il giovane, che fu successivamente identificato con Robert Burton, che, a sua volta, fu sospettato essere intimo amico di Sir Francis Bacon. Maliziosamente un accenno suggerisce che al momento della pubblicazione di L'Anatomia della Melanconia del 1621 il fondatore della Confraternita della R+C era ancora vivo. Questa affermazione – nascosta al riconoscimento generale dal suo coinvolgimento testuale – è sfuggita all'attenzione di molti studiosi del Rosacrocianesimo. Nello stesso lavoro appare anche una breve postilla di una meravigliosa importanza. Essa contiene semplicemente le parole: “Lavoro, Valent Andreas, Lord Verulam”. Questa singola linea collega definitivamente Johann Valentin Andreae con Sir Francis Bacon, il quale era Lord Verulam, e la sua punteggiatura indica che essi sono uno e lo stesso individuo.

Un personaggio illustre fra gli apologisti Rosacrociani fu John Heydon, che si descrive come “Un Servo di Dio e un Segretario della Natura”. Nella sua curiosa opera, La Rosa+Croce Scoperta egli dà una enigmatica ma valida descrizione della Fratellanza dei R+C nel seguente linguaggio:

“Adesso ci sono dei tipi di uomini, come loro stessi riferiscono, chiamati Rosa Crociani, una fratellanza divina che abita la periferia del cielo, e questi sono i funzionari del Generalissimo del mondo, sono come gli occhi e le orecchie del grande Re, che vedono e odono tutte le cose: loro dicono che questi Rosa Crociani siano angelicamente illuminati, come fu Mosè, secondo questo ordine degli elementi, terra purificata ad acqua, acqua ad aria, aria a fuoco.” Inoltre egli dichiara che questi misteriosi Fratelli possedevano poteri polimorfi, che appaiono in ogni forma desiderata secondo la volontà. Nella prefazione dello stesso lavoro, egli enumera gli strani poteri degli adepti dei Rosacroce:

“Vi dirò adesso che cosa sono I Rosacroce, e che Mosè fu il loro Padre, e fu ; alcuni dicono che erano dell'ordine di Elia, altri che erano i Discepoli di Ezechiele; […] Per cui sembrerebbe che i Rosacroce furono non soltanto iniziati nella Teoria Mosaica, ma ebbero anche il potere di fare miracoli, come Mosè, Elia, Ezechiele, e i successivi Profeti; come l'essere trasportati dove era di loro gradimento, come Hahakkuk fu da Jewry a Babilonia, o come Filippo, dopo che ebbe battezzato Eunuch a Azorus; e uno di loro andò da me ad un mio amico in Devonshire, venne e mi portò una risposta a Londra lo stesso giorno, mentre sono quattro giorni di viaggio; mi istruirono con eccellenti predizioni di Astrologia e Terremoti; ridussero la Piaga nelle Città; zittiscono i Venti violenti e le Tempeste; calmano la furia del Mare e dei Fiumi; camminano nell'Aria; vanificano gli aspetti malevoli degli Stregoni; guariscono tutte le Malattie.”

Gli scritti di John Heydon sono considerati il più importante contributo alla letteratura Rosacrociana. John Heydon era probabilmente imparentato con Sir Christofer Heydon, “un Rosacrociano Illuminato Seraficamente,” di cui l'ultimo F. Leigh Gardner, On. Segretario Sec. Ros. in Anglia, crede essere stato la fonte della sua conoscenza Rosacrociana.

Nella sua Biblioteca Rosacrociana egli dà la seguente dichiarazione riguardante John Heydon: “Nel complesso, dalla prova intrinseca dei suoi scritti, sembra che egli sia passato dal grado più basso dell'Ordine R+C e abbia distribuito molto di questo al mondo.”

John Heydon viaggiò moltissimo, visitò l'Arabia, l'Egitto, la Persia, e molte parti d'Europa, come descritto in una introduzione biografica al suo lavoro, Il Saggio adopera la Corona, Muoversi con gli Angeli, Pianeti, Metalli, ecc., o La Gloria dei Rosacroce - un lavoro da lui dichiarato essere una traduzione in inglese del misterioso libro “M” portato dall'Arabia da Christian Rosencreutz.

Thomas Vaughan (Eugenio Philalethes), un altro campione dell'Ordine, avvalora la dichiarazione di John Heydon circa l'abilità degli iniziati Rosacrociani di rendersi invisibili a proprio piacimento: “La Fratellanza dei R+C può muoversi in questa nebbia bianca. Chiunque voglia comunicare con noi deve essere capace di vedere in questa luce, oppure non ci vedrà mai finché noi non lo vorremo”.

La Fratellanza dei R+C è un organo sovrano e maestoso, che manipola arbitrariamente i simboli dell'alchimia, cabala, astrologia, e magia per il raggiungimento dei suoi fini particolari, ma interamente indipendente dai culti di cui adopera la terminologia.

I tre scopi principali della Fratellanza sono:

1. - L'abolizione di tutte le forme monarchiche di governo e la sostituzione quindi del dominio degli eletti filosofici. Le attuali democrazie sono la diretta conseguenza degli sforzi Rosacrociani per liberare le bocche dal dominio del dispotismo. Nella prima parte del diciottesimo secolo, i Rosacroce diressero la loro attenzione alle nuove Colonie Americane, che allora formavano il nucleo di una grande nazione nel Nuovo Mondo. La Guerra di Indipendenza Americana rappresenta il loro primo grande esperimento politico che sfociò nella creazione di un governo nazionale fondato sui principi fondamentali della legge divina e naturale. Come un imperituro ricordo delle loro attività sub rosa, i Rosacroce lasciarono il Grande Sigillo degli Stati Uniti. I Rosacroce furono anche gli istigatori della Rivoluzione Francese, ma in questo caso non ebbero del tutto successo, a causa del fanatismo dei rivoluzionari che non poteva essere controllato e il Regno del Terrore ne fu la conseguenza.
__________

L'Androgino Alchemico

Il Turbae Philosophorum è uno dei primi documenti conosciuti sull'alchimia in lingua latina. La sua esatta origine è sconosciuta. Talvolta va sotto il nome di Il Terzo Sinodo Pitagorico. Come implica il suo nome, è una assemblea dei saggi e mette in evidenza i punti di vista alchemici di molti filosofi dell'antica Grecia . Il simbolo sopra riprodotto proviene da una rara edizione del Turbae Philosophorum pubblicato in Germania nel 1750, e tramite una figura ermafrodita rappresenta la realizzazione del magnum opus. I principi attivi e passivi della Natura erano spesso rappresentati da figure maschili e femminili, e quando questi due principi, erano coniugati armoniosamente in una qualsiasi natura o corpo, era uso simbolizzare questo stato di perfetto equilibrio dalla figura composta come la figura suesposta.

 

Dal Turbae Philosophorum.

Un Frontespizio Rosacrociano

Il Conte Michael Maier, medico di Rudolph II, fu un personaggio eccezionale nella controversia Rosacrociana. C'è un piccolo dubbio se egli fu un membro iniziato della Fratellanza dei Rosacroce, autorizzato dall'Ordine a promulgare i suoi segreti fra i filosofi eletti d'Europa. Il frontespizio suindicato mostra i sette pianeti rappresentati da figure appropriate. Dietro la figura centrale in ogni riquadro c'è un piccolo emblema che rappresenta il segno zodiacale in cui il pianeta è incoronato. Nell'arco sopra il titolo stesso c'è un ritratto del dotto Maier. Il volume di cui questo è il frontespizio, è dedicato completamente ad un' analisi della natura ed effetto dei sette pianeti, ed è completamente espresso in terminologia alchemica. Michael Maier nascose la sua conoscenza così abilmente che è estremamente difficile estrarre dai suoi scritti i segreti che possedeva. Era generoso nell'uso di emblemi e la maggior parte della sua sapienza filosofica è nascosta nelle stampe che illustrano i suoi libri.

 

Dal Viatorium di Maier.

__________

 

2. - La riforma di scienze, filosofia ed etica. I Rosacroce dichiaravano che le arti materiali e le scienze non erano altro che le ombre della saggezza divina, e che soltanto penetrando i recessi più reconditi della Natura l'uomo potrebbe raggiungere la realtà e la conoscenza.

Sebbene si chiamano loro stessi Cristiani, i Rosacroce evidentemente furono Platonici ed anche profondamente abili nei più profondi misteri dell'antico Ebraismo e teologia Hindu. Esiste prova innegabile che i Rosacroce desideravano restaurare le istituzioni degli antichi Misteri come il metodo più importante per istruire l'umanità nel segreto e la dottrina eterna. Infatti, essendo con ogni probabilità i perpetratori degli antichi Misteri, i Rosacroce furono abili nell'affrontare le forze distruttive della Cristianità dogmatica soltanto tramite l'assoluto segreto e l'inafferrabilità dei loro stratagemmi. Così custodirono e preservarono con somma cura il Supremo Mistero – l'identità e la relazione reciproca dei Tre Sé – che nessuno, a cui non si rivelarono volutamente, si è mai assicurato alcuna informazione soddisfacente riguardante sia l'esistenza che il fine dell'Ordine.

La Fratellanza dei R+C, attraverso la sua organizzazione esterna, sta gradualmente creando un ambiente o organismo in cui l'Illustre Fratello C.R.C. possa alla fine realizzare e completare per l'umanità gli immensi lavori spirituali e materiali della Fratellanza.

3. - La scoperta della Medicina Universale, o panacea, per ogni tipo di malattia. È ampiamente dimostrato che i Rosacroce ebbero successo nella loro ricerca dell'Elisir della Vita. Nel suo Theatrum Chemicum Britannicum, Elias Ashmole afferma che i Rosacroce non furono apprezzati in Inghilterra, ma furono benvenuti nel Continente. Dichiara anche che la Regina Elisabetta fu curata due volte per il vaiolo dai Fratelli della Rosacroce e che il Conte di Norfolk fu guarito dalla lebbra da un medico Rosacrociano. Nelle citazioni che seguono è accennato da John Heydon che i Fratelli della Confraternita possedevano il segreto per prolungare indefinitamente l'esistenza umana, ma non oltre il tempo stabilito dal volere di Dio.

“E alla fine potevano riportare con lo stesso metodo ogni Fratello che moriva, nuovamente alla vita, e proseguire così per molte epoche; puoi trovare le regole nel quarto libro. […] Dopo questo è cominciata la Fratellanza dei Rosacroce, prima con quattro persone, che morirono e risorsero fino a Cristo, e poi vennero al Servizio come la Stella che li guidò a Betlemme della Giudea, dove deposero il nostro Redentore nelle braccia di sua madre; e poi aprirono il loro tesoro e gli presentarono i loro regali, oro, incenso e mirra, e per il comandamento di Dio andarono a casa alla loro abitazione. Questi quattro giovani ancora per molte centinaia di anni di seguito, inventarono un linguaggio e una scrittura magica, con un grande dizionario, che noi ancora usiamo giornalmente per la gloria e le lodi di Dio, e dentro trovi grande saggezza. […] Adesso mentre Fratello C.R. era in un vivificante grembo appropriato, decisero di avvicinare e ricevere ancora degli altri nella loro Fratellanza.”

Il grembo qui citato, apparentemente era l'urna di vetro, o contenitore, in cui i Fratelli furono seppelliti.Questo era anche chiamato l'uovo filosofico. Dopo un certo periodo di tempo il filosofo, rompendo il guscio di questo uovo, veniva fuori e funzionava per un periodo prescritto, dopo il quale egli si ritirava di nuovo nel suo guscio di vetro.

La medicina dei Rosacroce per la guarigione di tutte le infermità umane può essere interpretata sia come una sostanza chimica che produce gli effetti fisici descritti, che come la conoscenza spirituale – il vero potere curante che, quando un uomo lo ha provato, gli rivela la verità. L'ignoranza è la peggior forma di malattia, e che: ciò che guarisce l'ignoranza è comunque la più potente di tutte le medicine. La perfetta medicina Rosacrociana fu per la cura delle nazioni, razze ed individui.

In un antico manoscritto non pubblicato, un filosofo sconosciuto dichiara che l'alchimia, la cabala, l'astrologia e la magia originariamente sono state scienze divine, ma che attraverso la perversione sono diventate false dottrine, portando i cercatori di saggezza sempre più lontani dal loro obiettivo. Lo stesso autore dà una preziosa chiave al Rosacrocianesimo esoterico dividendo la strada del conseguimento spirituale in tre gradi, o scuole, che egli chiama montagne.

La prima e più bassa di queste montagne è Monte Sofia; la seconda, Monte Cabala, e la terza, Monte Magia. Queste tre montagne sono stadi sequenziali della crescita spirituale. Lo sconosciuto autore poi dichiara:

“Con la Filosofia si comprende la conoscenza dei lavori della Natura, conoscenza con la quale l'uomo impara a scalare quelle montagne più alte sopra i limiti dei sensi. Con la Cabala si comprende il linguaggio degli esseri angelici o celestiali, e colui che l'approfondisce è capace di conversare con i messaggeri di Dio. Sulla montagna più alta c'è la Scuola di Magia (Magia Divina, che è il linguaggio di Dio) dove l'uomo ha imparato la vera natura di tutte le cose da Dio Stesso.”

C'è una crescente convinzione che se la vera natura del Rosacrocianesimo fosse divulgata, causerebbe costernazione, per non dire altro. I simboli Rosacrociani hanno molti significati, ma il significato Rosacrociano non è stato ancora rivelato. Il monte sopra al quale si trova la Casa dei Rosacroce è ancora nascosta dalle nubi, nella quale i Fratelli nascondono sia loro stessi che i loro segreti.

Michael Maier scrive: “Ciò che è contenuto nel Fama e Confessio è vero. È un'obiezione molto infantile che la fratellanza abbia promesso così tanto e compiuto così poco.

Con loro, come altrove, molti sono chiamati ma pochi sono scelti. I maestri dell'ordine non danno la rosa come il premio lontano, ma impongono la croce su coloro che stanno entrando.” (Vedi Silentium post Clamores, di Maier, e The Rosicrucians and the Freemasons, di De Quincey).

La rosa e la croce appaiono sulle vetrate della Lichfield Charter House, dove Walter Conrad Arensberg crede che Lord Bacon e sua madre siano stati seppelliti. Una rosa crocifissa con un cuore è filigranata nella pagina per le dediche della edizione del 1628 dell' Anatomia della Malinconia di Robert Burton.

I simboli fondamentali dei Rosacroce erano la rosa e la croce; la rosa femminile e la croce maschile, ambedue emblemi fallici universali.

Mentre dei tali eruditi gentiluomini come Thomas Inman, Hargrave Jennings, e Richard Payne Knight hanno veramente osservato che la rosa e la croce simboleggiano i processi generativi, questi studiosi sembrano incapaci di trafiggere il velo del simbolismo; non realizzano che il mistero creativo nel mondo materiale è soltanto un'ombra del divino mistero creativo nel mondo spirituale.

A causa del significato fallico dei loro simboli, sia i Rosacroce che i Templari sono stati falsamente accusati di praticare riti osceni nei loro segreti cerimoniali. Mentre è abbastanza vero che la secca risposta alchemica simbolizza il grembo, ha anche un più profondo significato sotto l'allegoria della seconda nascita. Come la generazione è la chiave per l'esistenza materiale, così è naturale che la Fratellanza della R+C adotti come suoi simboli caratteristici quelli esemplificanti i processi riproduttivi. Poiché la rigenerazione è la chiave per l'esistenza spirituale, perciò fondarono il loro simbolismo sulla rosa e la croce, che simboleggiano la redenzione dell'uomo attraverso l'unione della sua natura temporale più bassa con la sua natura eterna più alta. La Rosa+Croce è anche una figura geroglifica rappresentante la formula della Medicina Universale.

__________

Il Mondo Elementare

Dal Musaeum Hermeticum Reformatum et Amplificatum

 

Il cerchio esterno contiene le figure dello Zodiaco; il secondo i loro segni e quella parte del corpo umano che essi governano; il terzo, i mesi dell'anno, con brevi note riguardo ai temperamenti, ecc. Il quarto cerchio contiene gli elementi associati ai loro simboli appropriati, e i seguenti sette cerchi tracciano le orbite dei pianeti; anche gli angeli planetari, i sette maggiori membri dell'Uomo Universale, ed i sette metalli, ogni divisione che appare sotto il suo elemento appropriato secondo i nomi elementari nel quarto cerchio. Nel dodicesimo cerchio appaiono le parole: “Ci sono Tre Principi, Tre Mondi, Tre Età, e Tre Regni.” Nel tredicesimo cerchio appaiono i nomi delle dodici arti e scienze che sono considerate essenziali per la crescita spirituale. Nel quattordicesimo cerchio è la parola Natura. Il quindicesimo cerchio contiene le seguenti parole: “È il grande onore delle anime fedeli, che esattamente dalla loro nascita un angelo sia designato per proteggere e custodire ognuno di loro.” (Vedi la prima traduzione inglese, Londra, 1893).

 

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, è un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarà autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non è responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.15 Secondi