Argomento:Studi Biblici


Documento senza titolo

Come svelare i misteri della Cabala /9

di Anonimo - Traduzione da testo spagnolo a cura di Giuseppe Barbone

© copyright by Esonet.it


Riassunto delle sephirot

Kether, il potere supremo, è la corona di Dio. Chokmah, la saggezza è l'ideale della ragione sovrana. Binah, l'intendimento è la libertà, la potenza motrice, l'iniziativa, l'intelligenza. Gedulah è l'ideale della magnificenza e della bontà, anche chiamato Hesed o Chesed, che vuole dire povertà. Geburah è la forza, il vigore, l'ideale di giustizia, a volte è chiamato Din che significa severità. Si usa anche Pechad o paura. Tiphereth è la bellezza, l'equilibrio delle cose. A volte si chiama Rahamin che significa amore. Nezach è la vittoria, la ricompensa del progresso che menziona con passione San Giovanni l'Evangelista nelle lettere alle sette chiese della sua Apocalisse. Indica anche legge, rinnovamento. Hod è l'ordine eterno, contrappeso del progresso e trionfo della ragione. Yesod significa verità, base di ogni ragione, significa anche fondazione e si riconosce con il termine zaddik. Malkuth significa il regno, la forma, l'oggetto esterno, il mondo. È anche la sej'nah, la moglie, la sorella, la regina, la matrona. Tutti nascono dall'Ain-Soph, la saggezza divina. Kether e Malkut sono unite, la prima è l'1, l'altra è il 10.

Nel principio era il caos, l'Ain, il periodo di riposo, l'aspetto negativo regnava supremamente. Da questo caos per volontà divina si crea il movimento Ain-Soph che fa sorgere il mondo per emanazioni. Appare la luce (l'Ain-Soph-Aur) che equivale a "Sia fatta la luce" del Genesi. La luce si riunisce in un punto di condensazione, è l'incoronazione della manifestazione sorta dal caos che riceve il nome di Kether. Qui Dio è pristino, e l'Io Sono o Ehjeh. A Kether arriva la luce intrisa di saggezza, cioè, dell'azione divina che passa dall'inmanifesto al manifesto. Questa saggezza di Kether si proietta da sola su nove emanazioni, essendo il più vicino Chokmah o saggezza, Dio passa da Io Sono, a Io Sono quello che Sono o Yah. Chokmah si proietta da sola e si condensa in Binah, l'intelligenza e Dio passa ad essere, Io Sono quello che Sono, Era e Sarò, cioè, IHVH,partendo da questo momento crea tutta la natura e tutto l'universo. Il primo giorno della creazione è pronto per sorgere. Kether è il davar, il verbo, Chokmah il soffio che viene dallo Spirito, Binah l'acqua nata dall'aria o soffio generato dal davar. Da Binah nasce il primo giorno della creazione la cui condensazione si chiama Chesed ed il Dio si chiama L'o A quello. Il secondo giorno della creazione è Geburah e Dio si chiama Eloah. Il terzo giorno della creazione è Tiphereth e Dio regna sulla natura facendola maschile e femminile, per questo motivo si chiama bellezza ed equilibrio ed ha una relazione con le ruote degli angeli che intervengono nella creazione. Ora Dio si chiama Elohim, nome plurale perché implica il maschile ed il femminile. Il quarto giorno della creazione è Nezach o vittoria e Dio si chiama IHVH Sabaot, che vuol dire Dio degli eserciti. Il quinto giorno della creazione è Hod, la gloria, dove Dio si chiama Elohim Sabaot. Il sesto giorno è Yesod, il fondamento o la fondazione, dove Dio si chiama Il Chai. Il settimo giorno, quello del riposo, è quando nasce il regno chiamato Malkuth, che vuol anche dire rettitudine. Dio si chiama Adonay che vuole dire "il" Signore.

Le sephirot appaiono come la momentanea presenza di un raggio. Questa analogia l'usa Mosè di Leon per spiegare la visione delle sephirot. Si riferisce al riflesso del sole in una parete i cui raggi incidono su una cavità di acqua. Quando l'acqua è calma, possiamo vedere il riflesso sulla parete con molta nitidezza, ma al più piccolo movimento della superficie dell'acqua, il riflesso sparisce immediatamente. Per questa ragione si dice che i detti di Dio sono come un uragano. Si dice anche che per meditare sulle sephirot bisogna andare oltre ad esse per poi ritornare.

 

I libri più importanti

Il Libro della Formazione, del quale abbiamo già parlato in precedenza, spiega tutto un sistema della creazione del mondo. Traccia un parallelismo tra l'origine del mondo, il sole, i pianeti, gli elementi, le stazioni, etc. Parla della nascita dell'uomo e della sua relazione con la natura.

Tratta dei numeri - lettere, riferite a tutta la creazione coi 10 pre-numeri e le ventidue consonanti che formano l'alfabeto ebraico (non sono propriamente numeri). La prima creazione è una serie successiva di emanazioni che si basano sulla decade che proviene dal nulla.

La creazione la divide in una triade, un settenario ed una decade. Stabilisce inoltre l'esistenza di tre lettere madri, sette lettere doppie, con doppia pronuncia e doppio significato, e dodici lettere semplici o elementari.

Nello Zohar, i mistici sono indicati come coloro che conoscono le misure, i figli della fede, i mietitori del campo, i degni in realtà, i saggi di cuore e li si è chiamati anche "maskilim" o intelligenti secondo Daniel XII.3.

Come già detto, lo Zohar crea tutta una filosofia sull'uomo. Ma a differenza dello Yetzirah che stabilisce tutto nella parola, nello Zohar, il tema ruota attorno alla luce.

Lo Zohar spiega l'atto creativo dello Yetzirah ma i suoi testi sono direttamente collegati con le Antiche Scritture. Dice che il mondo esistente non è il primo, lo precedettero altri mondi simbolizzati dai re di Edom che narra il Genesi.

L'angeologia dello Zohar ha come centro la merkaba, cioè, la visione del carro di Ezechiele. Per capire questo tema della visione di Ezechiele, è raccomandabile leggere "Guida perplessa" di Maimonide. Questo tema che tocca lo Zohar, è stato la base di studio di alcune scuole cabalistiche che si incentrano sull'angelologia.

È impensabile leggere lo Zohar senza una Bibbia vicino, la loro relazione è molto forte. Tocca la maggioranza degli aspetti del Pentateuco, del Cantico dei Cantici, dei profeti, salmi e proverbi, etc.

L'origine dello Zohar non è chiara. È attribuito a Simeon ben Yojai. Ma non se ne conosce nessuna pubblicazione fino al secolo XIII, col risultato che alcuni credono che la paternità del libro la si deve a Mosè di Leon. Il caso vuole che dal secolo XV si discute sulla sua paternità. Nei testi dello Zohar appare lo stesso Simen ben Yojai come il principale e più esperto maestro con sette discepoli. I loro dibattiti vertevano sulla vita quotidiana confrontate con le cose celesti.

È chiaro che qualunque commento sollecitato o no, anche da parte dei rabbini, non si discosta mai dalla "legge giudaica", anche quando lungo la strada si aggiungono commenti estranei, il dialogo su un tema quotidiano viene convertito in un tema sacro.

Lo Zohar comincia con una dissertazione sul Cantico dei Cantici. Benché si sia tentata una disposizione attraverso i titoli dei suoi capitoli, non c'è un ordine stabilito nei temi di discussione.

Il Principio, berechit, ed altri simboli della creazione sono espressi nello Zohar in questo modo: "Al principio, la decisione del re fece un tracciato nel fulgore supremo, una lampada scintillante, e lì germogliò dentro la cavità impenetrabile dell'infinito misterioso un nucleo deforme chiuso in un anello che non era bianco né nero, né rosso né verde né di nessun colore... Il potere più misterioso... che non pativa il suo vuoto, rimanendo completamente inconoscibile fino a che la forza dei tratti brillò con un punto misterioso e superno. Oltre questo punto niente è conoscibile, ecco perchè è chiamato Reshit (principio), l'espressione creativa che è il punto di partenza di tutto" (Zohar I, 63).

"Dalla brillantezza si crearono le espressioni creative attraverso l'estensione del punto. Tuttavia, il punto è quello che divide il conoscibile dell'inconoscibile.

Lo spirito di Dio è uno spirito sacro che procede dall'Elohim hayyin (Dio vivente) ed Egli aleggiava sulla faccia delle acque. Quando questo vento soffiò, una pellicola o velo si separò. Così purificato il tohu (caos) germogliò e dallo spirito si levò un grande e poderoso vento..., Elía (1R. 11,12). Ugualmente Egli setacciò e purificò bohu (materia prima informe) e da Lui si propagò un terremoto.... Il tohu è sotto l'egida del nome shadday; bohu sotto quello di zabaot; l'oscurità sotto quello di Elohim; lo spirito sotto quello di IHVH" (Zohar I 66, 68).

Secondo lo Zohar, Kether, la corona, è incolore; Tiphereth, bellezza, è porpora e Malkuth, il regno, è azzurro zaffiro. In un esercizio che includeremo più avanti tingeremo di verde oliva Malkuth e trasporteremo l'azzurro zaffiro in Yesod (fondazione).

Sepher ha Bahir - Vuole dire "Libro" dello splendore. Questo libro benché apparve in Francia intorno al secolo XII, non ebbe una grande diffusione, solo qualche tempo dopo cominciò ad essere conosciuto. Si pensa che fu costruito attraverso una serie di manoscritti che arrivarono in Europa dal vicino oriente ed ha un'influenza gnostica marcata. Tratta delle sephirot e contiene commenti di passaggi biblici. Questo è tipico nelle opere ebraiche. Una persona scrive qualcosa e dopo di lui ne vengono altri cento e ne scrivono altri commenti. Per questo motivo non ci dilungheremo molto in questo comma perchè sarebbe impossibile enumerare tutte le opere che hanno qualche relazione con la cabala.

Sulle sephirot troviamo molti commenti di vari autori ed epoche. Nonostante ciò, diamo alcuni riferimenti su altri libri o scritti come piccola dimostrazione:

Commenti sulle dieci sephirot del rabbino Azariel Ben Menachen, 1.200 d.C.

L'Alfabeto del rabbino Akiba . Questo autore per alcuni studiosi è uno dei più importanti. Alcune fonti attribuiscono la scrittura del Sepher Yetzirah a questo rabbino.

Rivoluzione delle anime, di Isaac di Louria.

La Fonte della vita, di Avicebran.

La Corona del regno, di Gavirol.

Trattato delle Emanazioni di Chajim Vitale.

Per avvicinarci ai concetti è opportuno leggere La cabala di Alexander Safran, professore contemporaneo di spirito ebraico all'università europea. È anche recente La Cabala di Gerson Scholem, uno dei più importanti cabalisti contemporanei della scuola di Jerusalem. Ci sono varie opere tradotte che sono molto raccomandabili.

Magari non serve dirlo ma per coloro che sono già introdotti in questo tipo di studio, è raccomandabile la traduzione e commenti del Sepher Yetzirah del rabbino Aryeh Kaplan, anche della nostra epoca. È anche opportuno "per" comprendere la Cabala di A. D. Grad, il libro di Maimonide Guida dei Perplessi, che può aiutarci a comprendere alcuni misteri.

Come dicevamo, l'abbondanza di opere è troppo vasta per riportarle qui. Si sono solo scelte le più dirette e quelle che contengono una linea mistica, benché troveremo che alcune speculazioni possono essere o no in accordo. Queste indicazioni non vanno prese alla lettera, perché ci sarà sicuramente molta letteratura interessante che ignoriamo. In altri casi conosciuti, abbiamo omesso alcuni commenti di certi autori perchè riportano quello che dicono altri autori; si è preferito quindi incorporare le opere di autori diretti o quelle che ci aiutano a comprendere meglio gli intricati luoghi impervi delle idee e della mentalità ebraica. Non mi compete giudicare il valore di questo piccolo lavoro. Tuttavia, alcune spiegazioni sorgono dopo molte meditazioni. Quella che stiamo presentando è una raccolta estratta dalle opere più importanti recensite, dalle quali ho tentato di alzare il velo che le copre. Mi sono deciso ad accennare tali stralci solo dopo aver maturato l'idea contraria ed atteso il tempo giusto affinché sorgesse una personale rivelazione o intendimento.

 

Le ruote del carro di Ezechiele

Ezechiele descrive in vari capitoli la Merkabah o visione del carro, che contiene l'idea di equilibrio. Nel decimo capitolo viene trasportato a Gerusalemme (Jerusalem) con la chiara interpretazione di quello che aveva visto in altre visioni e sostituisce il termine hayyot con querubim: "Questo era l'animale che vidi sotto al Dio d'Israele nel fiume Kebar e mi accorsi che erano cherubini", Cap X .

In questa visione chiarisce anche che gli Ofanim (plurale di ofan – ruote), sono sferici: "In quanto agli Ofanim fu loro gridato nel mio udito: O sfera" (versetto 13). In questa seconda descrizione parla anche di carne e costole, di mani e di ali. Tuttavia, non gli viene attribuita forma. Secondo la seconda visione gli "hayyot" sono uno solo, mentre gli Ofanim, essendo ancora quattro, li si è chiamati "una ruota sulla terra", vers. 15. Nel Targun di Jonatán si traduce "ofan" per "gilgal" che vuole dire sfera. In sintesi, Ezechiele vide gli "hayyot", le ruote od Ofanim e l'uomo che stava sopra alle ruote che simbolizza l'intelligenza. Descrive un colore ambra come "fuoco dentro il fuoco."

Per capire la visione di Ezechiele devo ricorrere alla Guida dei Perplessi di Maimonide, anche se altri cabalisti hanno focalizzato i loro studi sugli aspetti di equilibrio della creazione. Diciamo che i cabalisti studiano la creazione nel Genesi e l'equilibrio della stessa in Ezechiele. La visione del carro o Merkabah si traduce con equilibrio. Maimonide, da parte sua, descrive la visione di Ezechiele in questo modo: "Quanto alle loro fattezze, ognuno dei quattro aveva fattezze d'uomo; poi fattezze di leone a destra, fattezze di toro a sinistra, e ognuno dei quattro, fattezze d'aquila. Il profeta descrive un viso umano che tende alle forme delle specie menzionate". Per questo motivo dice il profeta nel versetto 5: "E nel suo centro, la figura di quattro animali"... I quattro animali sono gli "hayyot" (Ez I) 10. Hayyot ed Ofanim sembrano indicare la creazione di forme multiple e di colori. Entrambi si trovano nella visione del carro; la sua interpretazione della profezia di Ezechiele ci suggerisce un animale simbolico o "Come un angelo che ruota in mezzo alla ruota... coperto da occhi", vers. 16.

Potremmo dire che si tratta di un albero della vita in forma circolare con dei cerchi dentro la ruota, cioè, con le dieci sephirot poste all'interno di una grande bolla.

Ma la visione del carro, ci parla di quattro ruote, ci indica anche i quattro livelli della creazione, dal mondo archetipico fino a quello che abbiamo chiamato: la funzione delle cose. Cioè, si riferisce alla creazione che si è posizionata su quattro livelli: Atziluth, Briah, Yetzirah ed Assiah (Emanazione) Creazione, Formazione ed Azione o funzioni del creato.

 

Questi quattro cerchi andrebbero immaginati concatenati e non isolati uno dall'altro. In ognuno di essi possiamo iscrivere un albero della vita dove il Malkuth del primo è il Kether del secondo. Il Malkuth del secondo è il Kether del terzo ed il Malkuth del terzo è il Kether del quarto. In modo che tutti le sephirot sono attive e passive (danno e ricevono), meno il Malkuth del quarto che è solo passivo (ricevente).

Allo stesso modo si struttura l'uomo, da questi quattro livelli i suoi quattro nomi: Adam, Geber, Enoch ed Ish. In modo che Ezechiele comincia la sua Visione del Carro di IHVH in maniera simile al Genesi, cioè cambiando il seguente versetto "l'alito di Dio aleggiava sulle acque", per "vidi un vento turbinante che veniva dal nord ed una grande nuvola di fuoco folgorante"… "Era nel centro come una forma di quattro esseri il cui aspetto era il seguente: avevano forma umana, quattro visi…". Più avanti dice che le ruote avanzavano in quattro direzioni, man mano che avanzavano gli esseri e quando gli esseri si alzavano dal suolo,anche le ruote si alzavano. Il riferimento migliore di forma umana la troviamo nel 1,26: "al di sopra della volta che stava sulle loro teste, c'era qualcosa come una pietra di zaffiro a forma di trono, in superficie, sulla parte più alta, una figura dalle sembianze umane."

La Merkabah o carro di IHVH lo si può studiare in due modi o due direzioni. Da una parte lo vediamo come la creazione, dalle sue origini fino alla costituzione del Trono di Dio o Malkuth. Possiamo vederlo anche come un'opportunità di risalita, da Malkuth fino alla sfera più alta. Sotto questo aspetto, la Merkabah è legata al mito del Golem che gli ebrei dell'est dell'Europa praticano ancora oggi, ma che è stato male interpretato. La tradizione del Golem si riferisce alla creazione di una figura di fango che raffigura il guardiano della casa. Una volta l'anno si costruisce questa figura e sulla fronte si scrive il nome "emet". Dopo viene alimentato giornalmente coi pensieri del creatore o signore della casa. La figura, alimentata coi pensieri, cresce titanicamente fino a raggiungere un'altezza pericolosa per il proprio creatore. Per questo motivo, il signore della casa cancella la lettera "a" (alef) dal nome prima che diventi troppo grande. Una volta cancellata l'alef, si leggerà "met" che vuole dire morte. In questo modo si demolisce il Golem prima che questo schiacci il creatore. L'anno a seguire il processo verrà ripetuto.

Quanto appena detto va visto in relazione al fatto che noi, con i nostri pensieri, ci auto-creiamo, ma se non facciamo attenzione a quello che pensiamo, saremo distrutti dai nostri stessi pensieri. Questo è il vero senso mistico della tradizione, ma alcuni hanno voluto vedere che una parte della cabala si dedica a costruire uomini nel senso letterale del termine. I rituali di creazione della Merkabah sono strettamente legati col rituale del Golem, in modo che la visione del carro di Ezechiele, che parla della creazione dell'universo, crei in chi la pratica una dottrina della creazione nel senso che avendo riposto il pensiero in Dio e nelle cose divine egli ha l'opportunità di svegliare la sua auto-coscienza.

Nonostante questo, la visione del carro di Ezechiele ci parla delle forze della creazione o angeli. Per capire il profeta bisogna leggere l'opera del filosofo Maimonide. In relazione alla conoscenza ed alle vane credenze riferite agli angeli, nel suo libro Guida dei Perplessi questo autore dice: "Dite, che si racconta tra i Saggi d'Israele che l'Onnipotente invia il Suo angelo affinché penetri nel ventre della donna e formi un essere, l'angelo si compiace e si soddisfa del racconto; lo crederà a piè pari e gli sembrerà ancora una dimostrazione del potere della maestà e della saggezza di Dio. Essendo ancora convinto che l'angelo è fatto di fuoco ardente, e che è tanto grande come la terza parte dell'Universo, non farà obiezioni al miracolo divino. Ma ditegli che Dio diede al seme il potere informativo che genera e modella i membri, e che questo potere si chiama angelo , o che tutte le forme si producono per l'influsso dell'Inteligenza Attiva che è un altro nome dell'angelo, del principe del mondo al quale alludono frequentemente i saggi, e vi comanderà con scatole stemperate; perché non riesce a comprendere la vera grandezza e potere delle forze creative che agiscono nel corpo senza che la percepiscano i nostri sensi. I nostri saggi hanno dichiarato già per chi voglia capirlo che tutte le forze che abitano in un corpo sono angeli, come i poteri attivi dell'universo."

Ezechiele parla di un grande corpo unito alla terra, formato a sua volta da quattro corpi con quattro visi. Non descrive la forma dei visi ma erano coperti di occhi. Questi corpi sono gli Ofanim, plurale di ofan = ruota. Gli occhi si possono intendere di molti colori, perché la parola "ayin" ha un doppio significato: occhio e colore. Maimonide dice che è possibile che "ayin" significhi anche un corpo pieno di apparenze e di molte cose.

Nella seconda visione di Ezechiele, il profeta sostituisce il termine "hayyot", motore o moto, con quello di "cherubino", colui che muove la creazione, inteso come "angelo". In questa seconda visione possiamo capire che i cherubini sono il motore delle sfere della creazione. Le quattro ruote si incrociano come se fossero una sola ruota. Nel Tárgum di Jonatán, figlio di Uriel, si dice che tali ruote significano i cieli.

Un'altra profezia di Isaia conserva una stretta relazione con la visione del carro di Ezechiele: "vidi il Signore seduto sul suo trono, alto e sublime, e la sua coorte riempiva il tempio, e sopra di Lui c'erano i Serafini: ognuno di loro aveva sei ali; con due coprivano i loro visi e con due i loro piedi, e con due volavano" (Isa. VI).

C'è una differenza nel rango degli angeli, Ezechiele parla di Cherubini, mentre Isaia parla di Serafini. Tuttavia, quando Ezechiele si riferisce agli angeli li illustra come se fossero di fuoco, termine che conserva una relazione con Serafino, perché in ebraico, il verbo "seraf" significa bruciare.

La Merkaba è uno dei temi più misteriosi della Bibbia e della cabala. Nel suo senso discendente sembra indicarci una creazione divina attraverso le gerarchie angeliche degli arcangeli e dei troni, poteri e virtù o forze dei cieli e della terra, per accostarsi ai fenomeni naturali che osserviamo intorno a noi, mentre nel senso ascendente, all'utilizzo che come umani possiamo fare di quelle potenze. Dall'uso che facciamo degli angeli o forze divine e naturali, dipenderà la nota vibratoria che influenzerà tutta la natura umana. Tuttavia, questo senso ascendente della Merkaba, è quello che è più soggetto ad essere eluso da parte di chi si perde in temi magici e lascia da parte la mistica.

 

Le scuole ed i propagatori

Riportiamo di seguito le scuole cabalistiche più importanti ed i suoi più prominenti rappresentanti. Non dobbiamo dimenticare che i più antichi autori le ubicano in Spagna, perché è qui che la tradizione cabalistica si struttura e si trasforma in metodo di sviluppo mistico, che ovviamente, è molto più antico.

Tra 1190 e 1210 possiamo segnalare la scuola di Girona, nella quale Isaac il cieco insieme ad Azariel ed Ezra, progettano il metodo. Si dice che a questa scuola appartenne anche Maimonide. Quello che sappiamo è che il tale Bonastruc de Porta è il nome di Hahmanide, che ha il merito di essere uno dei maggiori diffusori della cabala.

La scuola di Segovia aveva nel 1305 Abulafia e nel 1332 Shem Tob ed Isaac di Akko.

Tra 1305 e il 1620, sottolineano gli zoharisti, a Toledo: Moisés di Leon, Recauti, Isaac Louria e Vitale.

Altri cabalisti importanti sono Cordovero, Gavirol, che influenzò la cabala tradizionale. Abram ibn Latif, Gicatilla, Sabati Zevi, etc.

La scuola di Jerusalem, contrariamente a quello che si potrebbe supporre, è praticamente recente abbinata alle altre. Si fondò sul secolo XVIII. Il suo maggiore rappresentante contemporaneo è G. Scholem.

 

I periodi storici

Alcuni autori stabiliscono quattro periodi storici della cabala:

La Tradizione orale.

La tradizione scritta.

L'apparizione dello Zohar

L'espulsione degli ebrei della Spagna.

Quando parliamo della legge ci riferiamo ai due primi periodi i cui aspetti tradizionali e dottrinari rimasero rinchiusi sotto i termini Midrash, per la parte orale e Mishna per quella scritta. Abbiamo dato anche un riferimento dello Zohar il quale, nel paese ebraico e per i cabalisti, ha molta rilevanza ed obbliga l'ebreo a volgere lo sguardo di nuovo alle Sacre Scritture.

 

torna su







Questo Articolo proviene da Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
http://www.esonet.it

L'URL per questa storia č:
http://www.esonet.it/modules.php?name=News&file=article&sid=1139