Argomento:Agni Yoga


Documento senza titolo

Chiunque può guadagnarsi l'immortalità

a cura di Adriano Nardi

prodotto per Esonet.it


Ho detto, tanto tempo fa, che la morte sta nel compimento! Solo per azione incessante si procede verso la bellezza. Perfino in stato di Pralaya la sostanza conserva il suo moto.

È impossibile concepire un punto di arresto nel Cosmo. È impossibile porre un arresto persino alla categoria dei fenomeni usuali, se si ammette una causa precedente. Quell' arresto della vita, di cui si pensa, non esiste.

Nel ristagno della sospensione non può generarsi un moto accelerato. Un processo che diventi invisibile, non per questo cessa di essere alimentato dal Fuoco creativo.

Quando si pensa di risparmiare la facoltà ricettiva, Noi consigliamo, al contrario, di avanzare, avanzare, avanzare! E quanto più veloci, tanto meglio! La ricezione veloce favorisce reazioni rapide, e dove le forze crescono di intensità l'attrazione è inevitabile.

La legge è una sola in tutto il Cosmo.

Gli ostacoli che inducono debolezza nello spirito sono causa di fallimento; ma quelli che lo costringono alla lotta con tutto il suo fuoco sono come impeti creativi.

Insegnano gli antichi saggi: "Evocate l'ora della battaglia; non evitate gli ostacoli". Chi evade non si salva, pospone soltanto. Chi non teme di partecipare al moto eterno e infinito può veracemente configurarsi in un guerriero. La sua prontezza e la pressione esercitata dal ritmo lo trasporteranno nello splendore del Cosmo.

Segnatevelo: indugi e paura sbarrano le vie allo spirito.

 

Il pensiero della morte pende sospeso sulla coscienza umana come un fato funesto. Lo spettro della morte è presente come una cappa inevitabile e, al termine dell'esistenza, lo spirito conclude che lì deve finire la vita. Tale è il penoso cammino dello spirito dissociato dal Cosmo. Senza sapere del principio e vedendo solo la fine, questi trascorre l'esistenza senza meta.

Eppure chiunque potrebbe guadagnarsi l'immortalità, se solo ammettesse l'Infinito nella sua coscienza. Se non teme la morte, se con tutte le forze lotta per l'Infinito, lo spirito scopre la direzione verso le sfere dell'immensità cosmica.

Affermate voi stessi riconoscendovi immortali, instillate in tutte le vostre azioni una favilla di facoltà creativa del Fuoco cosmico, e quel fato inesorabile si trasformerà in un solo, continuo appello alla vita cosmica.

La Nostra grande e giusta legge vi ha eletto a partecipare alle manifestazioni universali! Prendete coscienza dell'immortalità e della giustizia cosmica! Un magnifico progresso attende chiunque. Imparate a pensarvi immortali!

da Infinito 1

 

torna su







Questo Articolo proviene da Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
http://www.esonet.it

L'URL per questa storia è:
http://www.esonet.it/modules.php?name=News&file=article&sid=1184