Argomento:Scienza del Suono


Documento senza titolo

Le caratteristiche del suono

di Roberto Musto

© copyright by Esonet.it

 

Prima di definire le caratteristiche del suono, è opportuno distinguere i suoni, che un corpo elastico produce, in due grandi categorie:

1. suoni indeterminati, cioè quei suoni la cui vibrazione non è regolare nel tempo (ad esempio gli strumenti a percussione): di essi possiamo solo cogliere un diverso grado di acutezza, ma non definire in modo preciso il numero di vibrazioni al m/s, non possiamo, cioè, dire se il suono emesso corrisponde ad una nota, ad esempio, ad un Do o ad altra nota).

2. suoni determinati,  cioè quei suoni la cui vibrazione è regolare nel tempo: possiamo dire che il suono emesso è effettivamente un Do o un La, ecc.

 

Tre [1] sono le caratteristiche fondamentali di un suono:

1. l'altezza

2. l'intensità

3. il timbro

 

L'altezza è quella caratteristica che permette di distinguere i suoni in gravi e acuti e dipende dal numero di vibrazioni che il corpo elastico emette al minuto secondo: più alto è il numero delle vibrazioni più acuto sarà il suono; più basso è il numero delle vibrazioni più grave sarà il suono. [2]

Esempio:

 

Per misurare le frequenze si usa il termine Hertz (Hz).

Ad esempio, la nota La3 (il La sopra il Do centrale della tastiera) emette 440 Hz [3].

Riporto sulla tastiera del pianoforte alcune corrispondenze fra le note e le loro frequenze:

 

L'intensità è quella caratteristica che permette di distinguere i suoni in forti o piani e dipende dall'ampiezza della vibrazione: più grande è l'ampiezza più il suono sarà forte; più piccola è l'ampiezza più il suono sarà piano.

Esempio:

 

Il timbro è quella caratteristica che permette di distinguere i suoni dei diversi strumenti e delle diverse voci: dipende dal numero e dalla qualità degli armonici selezionati dalla cassa armonica dello strumento e delle voci.

Per maggiori dettagli e per l'ascolto di diversi timbri si veda "I suoni armonici".

 

Ascolto:

1) suoni di diversa altezza

2) un suono con diversa intensità

__________

Note

1 - Nella formazione del timbro entrano in gioco anche due caratteristiche: il transiente d'attacco e il transiente d'estinzione, che qui tralascio. (torna al testo)

2 - Altri fattori che influiscono sull'altezza sono, ad esempio, la tensione, lo spessore di una corda, il maggiore o minore volume della colonna d'aria di uno strumento a fiato, più la corda è lunga più il suono sarà grave e viceversa, ecc. (torna al testo)

3 - La nota La3, nota che è oggi giorno alla base dell'intonazione degli strumenti musicali, è stata normalizzata a questa frequenza nella conferenza internazionale di tenuta a Londra nel 1939. Prima d'allora i diversi paesi usavano diverse intonazioni. (torna al testo)

 

torna su







Questo Articolo proviene da Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
http://www.esonet.it

L'URL per questa storia :
http://www.esonet.it/modules.php?name=News&file=article&sid=1274