Argomento:Alchimia del Fuoco


Documento senza titolo

I sei Stadi per la costruzione del Ponte Antahkarana

di Athos A. Altomonte

© copyright by Esonet.it

 

Sono necessarie 6 fasi e 6 stadi evolutivi per costruire quel "ponte di coscienza", che crea il rapporto tra l’Essere umano, che "aspira" alla piena liberazione e illuminazione, e la propria Monade spirituale. Ricordiamo che il contatto inverso, cioè, quello che collega la Monade e il corpo fisico esiste già e si chiama Sutratma.

Il Ponte Arcobaleno o, in sanscrito, Antahkarana; è un canale di pensiero cosciente che "trasmette" al sé fisico la Luce e la Vita dell’Aspetto divino. Allora, mentre il Sutratma esiste da sempre, il Ponte Antahkarana che deve ricollegare al Sé la parte di coscienza immedesimata col piano fisico (la Personalità individuale), deve essere costruita con la «Volontà» dell’Aspirante evoluto. Anzi, sarà proprio il compimento di quella costruzione ad essere la sua Iniziazione.

Per ottemperare a questa costruzione, il Discepolo deve realizzare 6 aspetti o stadi evolutivi.

 

1 – INTENZIONE

2 – VISUALIZZAZIONE

3 – PROIEZIONE

4 – INVOCAZIONE – EVOCAZIONE

5 – STABILIZZAZIONE

6 – RESURREZIONE ed ASCENSIONE (al cielo interiore)

 

Per focalizzare l’energia del piano mentale fino al punto di maggiore tensione è indispensabile conoscere ed usare tutti gli aspetti del 1mo raggio (Volontà e Potere).

Inoltre, è indispensabile l’uso dell'immaginazione "creativa" (v. Arte della Visualizzazione e Meditazione attiva). Per potersi raffigurare ciò che si vuole raggiungere, come e perché. Visualizzando le posizioni interiori dei diversi Stadi di lavoro. Quali saranno i risultati, effetti della propria Attività (v. Karma). Quali saranno i materiali con cui si dovrà lavorare. Quali energie psichiche e strutture pensiero si dovranno affrontare e modificare, o aspetti più consueti ma non per questo meno difficili da gestire come tutte le situazioni create dai desideri degli uomini.

La combinazione tra Volontà e Visualizzazione può infondere un potere particolare alla comune parola, tanto da renderla "Parola di Potere".

Il "potere della parola" edifica o distrugge, crea o disperde. Perciò, il "potere delle parola" ha molti modi di essere utilizzato. Quello più "esoterico" è detto: Invocazione-Evocazione, per cui la tensione sonora e psichica generata dal sé inferiore, evoca l'attenzione del Sé superiore o dell’Angelo Solare.

Così è detto.

 

torna su







Questo Articolo proviene da Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
http://www.esonet.it

L'URL per questa storia è:
http://www.esonet.it/modules.php?name=News&file=article&sid=1342