Argomento:Scienza del Suono


Documento senza titolo

Gli Accordi

di Roberto Musto

© copyright by Esonet.it

 

Per accordo s'intende l'esecuzione di più suoni contemporaneamente.

Ad esempio:

 

Ogni civiltà musicale ha sviluppato e adottato, diversi sistemi di aggregazione nella formazione di impasti sonori chiamati, genericamente, "accordi".

Nel nostro sistema musicale qualsiasi aggregazione sonora è classificata secondo una regola che prevede, data una nota di base, la successione delle altre note per intervalli (vedi Gli Intervalli) di terza (maggiori e minori).

Si creano, così:

- accordi formati da tre note, chiamati triadi;

- accordi formato da quattro note, chiamati quadriadi, o accordi di 7° (tra la nota fondamentale e la quarta nota c'è un intervallo di 7°);

- accordi formato da cinque note, chiamati quintiadi, o accordi di 9° (tra la nota fondamentale e la quinta nota c'è un intervallo di 9°);

- accordi formato da sei note chiamati accordi di 11° (tra la nota fondamentale e la sesta nota c'è un intervallo di 11°);

- accordi formato da sette note chiamati accordi di 13° (tra la nota fondamentale e la settima nota c'è un intervallo di 13)°.

Se, ad esempio, consideriamo la nota Do come nota base, detta fondamentale, potremo costruire i seguenti accordi:

 

Esempio musicale:

ascolto dei diversi accordi

 

Nella classificazione degli accordi la ripetizione di note, facenti parte di quell'accordo, a diversa altezza non altera la natura dell'accordo.

Se immaginiamo, ad esempio, una grande orchestra eseguire l'accordo Do-Mi-Sol, la ripetizione di queste note sarà distribuita in modo molto vario fra i diversi strumenti (un Do ai contrabbassi, un altro Do ai violoncelli, un Sol ai violini secondi, un Do all'oboe, un Mi alle trombe, ecc.)  noi percepiamo sempre Do-Mi-Sol, anche se lo spettro sonoro è enormemente ampliato.

 

Esempio musicale:

ascolto dell'accordo di Do Maggiore eseguito dal pianoforte e dello stesso accordo eseguito dall'orchestra.

 

* * *

 

Approfondimenti

Nel repertorio musicale del periodo classico si può affermare, schematicamente, che gli accordi più usati sono le triadi, gli accordi di 7° e sovente gli accordi di 9°.

Se volessimo, a titolo d'esercizio, classificare un accordo, astraendolo però dal suo contesto musicale (la classificazione di un accordo in una composizione musicale deve essere fatta tenendo conto dell'accordo precedente e di quello seguente) dovremo considerare ogni nota data come una possibile nota fondamentale e disporre le altre note per intervalli di terza, sottintendendo le note mancanti.

Consideriamo, ad esempio, il seguente accordo, Fa-Sol-Si:

Considerando come fondamentale il Fa e, successivamente il Sol e il Si avremo i seguenti accordi:

1. Fa-(La-Do-Mi)-Sol-Si         = accordo di 11°

2. Sol-Si-(Re)-Fa                    = accordo di 7°

3. Si-(Re)-Fa-(La-Do-Mi)-Sol = accordo di 13°

Senza entrare in analisi tecniche, che esulano da queste informazioni di carattere generale, è importante sottolineare la differenza percettiva fra due triadi: l'accordo Maggiore e l'accordo minore. I due accordi, infatti, sono percepiti per loro costituzione e quindi senza nessun intervento o intenzione compositiva, a livello espressivo, il primo come sereno, allegro e il secondo melanconico, triste.

La differenza tra i due accordi è nello spostamento di un semitono (vedi La scala musicale: il tono e il semitono), del più piccolo intervallo del nostro sistema musicale, la nota intermedia.

Per esempio, facendo, per comodità, riferimento alla nota Do, avremo:

Do-Mi-Sol:   accordo Maggiore

Do-Mib-Sol: accordo minore

Esempio musicale:

ascolto dell'accordo Maggiore e dell'accordo minore.

 

Gli accordi, a seconda del tipo di intervallo di terza fra le diverse note, prendono diversi nomi. Non si prende in esame questa analisi che esula dagli scopi informativi generali di questi appunti.

 

torna su







Questo Articolo proviene da Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
http://www.esonet.it

L'URL per questa storia è:
http://www.esonet.it/modules.php?name=News&file=article&sid=1346