Argomento:Agni Yoga


Documento senza titolo

La qualità del lavoro

a cura di Adriano Nardi

prodotto per Esonet.it

 

And We Labor

Quattro sono le qualità del lavoro: lavoro compiuto con disgusto, che genera putrefazione; lavoro inconscio, che non stimola lo spirito; lavoro amorevole e devoto, che da buoni frutti; ed infine lavoro non solo spontaneo ma anche consacrato alla Luce della Gerarchia.

L'ignorante può anche credere che la comunione ininterrotta con l'Ordine possa distogliere dall'impegno proprio del lavoro, ma, al contrario, è proprio quella che ne migliora la qualità. Solo la Fonte eterna aggiunge sempre nuovo valore al perfezionamento. Questa ardente qualità del lavoro deve essere conseguita.

L'approccio stesso al Mondo del Fuoco esige d'interpretare il lavoro terreno come il passo più immediato. Pochi sanno riconoscere la qualità del loro lavoro, ma se aderissero con forza alla Gerarchia salirebbero immediatamente di un grado.

La capacità di tener stabile quel sacro Ordine nel proprio cuore è anch'essa un atto di concentrazione interiore, ma vi si riesce con la fatica del lavoro. Senza bisogno di sciupar tempo a considerare se stesso, è possibile collegarsi alla Gerarchia nel bel mezzo dell'attività.

Che il Signore viva nel cuore. Ch'Egli vi sia inalienabile come il cuore stesso. Che ogni respiro ne inali ed esali il Nome. Che il ritmo d'ogni lavoro ne risuoni.

Così deve comportarsi chiunque pensa al Mondo del Fuoco. "Potrei mentire al Suo cospetto? Potrei nascondergli qualcosa? Potrei meditare il tradimento, sotto il Suo sguardo?".

Tali riflessioni infondono forza e salvano dal male della paura e dai pensieri tenebrosi.

 da Mondo del Fuoco II

 

torna su







Questo Articolo proviene da Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
http://www.esonet.it

L'URL per questa storia è:
http://www.esonet.it/modules.php?name=News&file=article&sid=1449