Argomento:Agni Yoga


Documento senza titolo

Affrettati, e non voltarti indietro

a cura di Adriano Nardi

prodotto per Esonet.it


Per uno spirito coscientemente evoluto la permanenza a livello astrale potrebbe limitarsi a quaranta giorni, ma varie condizioni terrene la prolungano indefinitamente. La miseria e l'avidità di chi è strappato alla Terra ve lo legano.

L'esempio migliore è nella leggenda biblica di Lot.

Uscirono dalla città verso una vita migliore, e una sola condizione fu loro imposta: non voltarsi a guardare. Ma la moglie di Lot si voltò, e si legò alla Terra.

La religione afferma: chi va dagli antenati starà con loro; chi va dagli angeli rimarrà con loro; e chi va a Dio sarà con Lui. Chi si impone il massimo progresso tocca la massima vittoria. Quindi il commiato migliore rivolto a chi lascia la Terra è: «Affrettati, e non voltarti indietro». Che ne è delle persone care? Quanto più alto salite, meglio le vedrete, e più vicine. Certo a causare il ritardo sono di solito quelli che restano. L'abbreviazione della permanenza astrale dipende dunque da una cooperazione adeguata.

Il soggiorno colà è tanto più piacevole quanto più è elevato; e ai confini del piano mentale lo spirito trova quiete, poiché già attratto dall'alto. Ma si devono coscientemente evitare gli strati inferiori. È necessario che il centro spirituale salga quanto più alto possibile, come sospinto da un'esplosione. Ecco perché l'istante della transizione è tanto importante, poiché allora ci si può lanciare fino ai livelli superiori. Una volta in contatto con le regioni basse, è poi difficile sollevarsi.

Se la condizione dello spirito lo consente, è bene usare l'ultimo guizzo delle emanazioni nervose per spiccare il volo. Così gli strati inferiori subiscono una rarefazione. È importante dissolvere l'atmosfera, che non prema sulla Terra. La cooperazione dall'alto e dal basso darà i risultati più rapidi.

Si è notata, a ragione, la transizione incosciente.

È facile favorirla se prima si è rafforzato il desiderio di un volo molto elevato. In tal caso l'emanazione nervosa agisce in modo quasi automatico.

Le preghiere per «l'anima vagante» giovano molto. L'unica cosa errata è che insistono sul riposo - meglio sarebbe se esortassero a far presto.

Tutti dovrebbero leggere e ricordare queste cose, che non solo giovano all'individuo, ma promuovono il progresso del mondo.

da Foglie del giardino di Morya II - Illuminazione

 

torna su







Questo Articolo proviene da Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
http://www.esonet.it

L'URL per questa storia è:
http://www.esonet.it/modules.php?name=News&file=article&sid=158