Argomento:Alchimia del Fuoco


Documento senza titolo

Alchimia sessuale

di Athos A. Altomonte

© copyright by Esonet.it


Appunti di studio

Potenza sessuale e potenza mentale sono risultati diversi di una stessa energia. La differenza nasce dal suo utilizzo. Concentrare la forza su una funzione particolare (attività sessuale o attività di pensiero) significa ridurre l’azione dell’altra. Per questo il processo di trasformazione si riduce alla concertazione di un gioco di forze, dove più che mai si evidenzia l’importanza dell’equilibrio.

Conosciamo sistemi per potenziare l’attività sessuale e quelli per potenziare l’attività mentale, e possiamo sintetizzarli nella frase «trasferimenti di energia». La capacità di spostare energia è il cuore del sistema, capito il quale tutto è consequenziale.

Per capire il concetto di “trasferimento energetico” possiamo guardare al denaro.

Il denaro è energia concretizzata capace di muovere eventi, materiali e persone. Ognuno ne dispone di una certa quantità, che usa nei modi che ritiene opportuni. Che non mettiamo in discussione, perchè in questo caso la morale non c’entra.

Immaginiamo il denaro contenuto in un portafoglio. Il proprietario ne dispone liberamente, decidendo a chi o a cosa destinarlo (v. Libertà di scelta). L’equilibrio sta nella sua distribuzione. Se ne spende troppo per qualcosa non ne avrà poi molto per il resto. Quindi, decidendo del suo impiego determina le priorità da cui nasce l’equilibrio o lo squilibrio nella sua distribuzione.

Comunque venga distribuito, il denaro può anche finire, lasciandolo al verde come si suol dire (v. simbologia del Dollaro USA). Nel qual caso lo scompenso sta nel non essere stati in grado di prevederne l’esaurimento. Equiparando l’esaurimento economico a quello fisico, lo sperpero di energia diventa esaurimento delle risorse, fisiche e immunitarie, che senza una appropriata azione di recupero diventa malattia fisica o collasso psichico.

Il senso della questione è che più che trasformata, l’energia va spostata distribuendola con misura da una funzione all’altra. Sarà la sua concentrazione nel nuovo centro a provocare il suo cambiamento. Attraverso una volontà che, essendo dapprincipio solo istintuale, si manifesta sotto forma di desiderio. Considerando gli estremi, troviamo da una parte che la concentrazione energetica può essere mossa dal desiderio di prestazioni sessuali particolarmente significative, dall’altra invece dal desiderio di diventare mentalmente particolarmente attivi.

Nella fase più evoluta, il “desiderio” di potenziare la mente deve essere sostituito dalla volontà di potenziarla, affinando le discipline che ne regolano il “trasferimento” alle facoltà mentali. Ricordando che potenziare la funzionalità del pensiero trasforma il cervello in un vero centro energetico.

Gli studi di Alchimia mentale misurano le fasi di “trasporto” (di centro in centro, da polo d’attenzione a polo d’attenzione) dell’energia sessuale per potenziare i centri psichici superiori. È una pratica conosciuta quella di trasferire l’energia dai genitali alla testa concentrandola sull’attività di pensiero. Gradualmente, così come si fa per accrescere la resistenza fisica, che seppure su piani diversi, richiede lo stesso procedimento di adattamento.

Concentrando l’attenzione (la concentrazione mentale è il primo barbaglio di volontà) il comune pensare viene trasformato in riflessione, poi in meditazione (analisi) profonda. Il comune guardare viene trasformato in osservazione consapevole e poi in visualizzazione.

La visualizzazione, come vedremo, serve a vedere, sentire, gustare e toccare ciò che pensiamo. Visualizzare le proprie sensazioni sviluppa la controparte sottile dei sensi fisici. Visualizzare i pensieri, gli stati d’animo e le emozioni predispongono la mente ad un tipo di comunicazione straordinaria, che i neofiti scambiano per magia. Invece, anche se sopita, è una delle facoltà naturali insite nell’Uomo.

Prima di concludere, ripetiamo un concetto per noi fondamentale.

Il lavoro iniziatico non consiste nella semplice applicazione delle tecniche, che verranno illustrate in lavori specifici. Si basa sul riconoscere le intenzioni che si accentrano su questa o quella funzione, influenzandone le caratteristiche. Questo ci fa capire perchè qualcosa va fatta e qualcun’altra no. Cosa va potenziato e cosa va ridotto.

Lavoro largamente disatteso dai ricercatori; senza un preciso senso di discriminazione neanche con la tecnica migliore accade qualcosa di veramente significativo. È di straordinaria importanza imparare a trasformare il desiderio, anche sacrale, in Atto di Volontà. Questo è il più alto compito iniziatico: trasformare il pensiero fisico (desiderio) in Fuoco che macera, purifica ed esalta. Se l’Uomo è l’Athanor vivente (v. Athanor vivente), tutto quello che vi è contenuto può essere trasformato solo con il Fuoco, perchè, senza fuoco rimarremo solo delle forme umide e passive (v. simbologia della via umida e della via secca).

L’Alchimia mentale aiuta a capire dov’è e come a ravvivarlo.

 

torna su







Questo Articolo proviene da Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
http://www.esonet.it

L'URL per questa storia è:
http://www.esonet.it/modules.php?name=News&file=article&sid=434