Argomento:Agni Yoga


Documento senza titolo

La salute di uno yogi

a cura di Adriano Nardi

prodotto per Esonet.it

È diffusa l'errata opinione che lo yogi goda di una salute perfetta, nel senso comune.

Ma come fare uno strumento sensibile con un tronco vigoroso? Le corde della vina* non valgono forse in quanto rispondono al minimo intervallo tonale? Altrettanto risonante è l'apparato senziente dello yogi.

In verità egli solo conosce le indescrivibili sofferenze fluttuanti che, come per accordare la vina, trasformano l'essere suo.

È chiaro pertanto che Noi non diciamo mai che la via dello Yoga sia senza pericoli. Come evitare il dolore mentre si trasformano i propri centri? Il fuoco della cognizione arde con veemenza.

Ma ormai sapete che quanto dico non è solo simbologia astratta. La solita terminologia non serve per questi dolori, finché la scienza non si deciderà a riconoscere l'importanza basilare dell'energia psichica o spiritualità. Meno si comprendono i pericoli dello Yoga, tanto più si è distanti dall'unione con la Coscienza Suprema.

A tal fine non bastano voli occasionali della coscienza, occorre un canto che sale incessante. La vina non sempre è suonata, ma la sua accordatura è sempre mantenuta armoniosa.

Chi tenta lo Yoga per avere salute robusta farebbe meglio ad accontentarsi di discutere idee elevate, senza applicarle, bevendo con gli amici. Poiché la salute dello yogi è scossa come le ali dell'aquila che sale in volo. Il suo occhio vede come quello dell'aquila, che già conoscete. La sua calma è come la tesa potenza dell'oceano.

__________

* Vina strumento musicale indiano simile ad un liuto o ad una cetra n.d.r.

da Agni Yoga

 

torna su







Questo Articolo proviene da Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
http://www.esonet.it

L'URL per questa storia :
http://www.esonet.it/modules.php?name=News&file=article&sid=509