Argomento:Domande e Risposte


Documento senza titolo

Cattivo uso della Parola

di Athos A. Altomonte

© copyright by Esonet.it


D: Caro Athos, quando dici che credi che il male sia “solo un'invenzione dell'uomo” a quale “parte” dell'uomo stai pensando? Tu dici: “il male come noi lo conosciamo”... a cosa ti riferisci? Grazie. A.

 

R: Cara amica, lungo è il “cammino” per diventare ciò che siamo realmente. Nel frattempo sembriamo come altri ci vogliono o come noi vogliamo che gli altri ci credano. Nascondendoci dietro le maschere dell'illusione da cui dobbiamo imparare a liberarci, con un atto d'intelligente modestia che non tutti sono pronti ad affrontare.

Male ed illusione sono fiori della stessa pianta, l'ignoranza.

L'ignoranza o illudersi di sapere è il buio, mentre la coscienza consapevole è la luce.

Allora dobbiamo trovare il modo d'illuminare la mente e la coscienza fisica per non restare nell'ombra dell'incoscienza.

Gettare la “maschera”, mostarsi come si è davvero, con il male ed il bene che siamo, è l'inzio del percorso di rinnovamento che porta al riconoscimento della propria identità sottile, separandoci dal male dell'ignoranza con cui si era identificati.

Tutto ha inizio da quest'atto modesto e intelligente.

Per questo è necessario esercitare la consapevolezza che “scopriremo” di possedere dentro di noi, ed ampliando la coscienza si potenzierà anche l'intelletto.

Con la luce dell'intelligenza (che non è il nozionismo, o l'arte della memoria) si esce dalla sfera dell'illusione. E per questo non servono le parole, che sono il primo strumento di confusione e d'inganno. Un pensiero inquinato o distorto rende cattivo l'uso della parola. Ed il cattivo uso della parola è la fonte del male che ci circonda.

 

torna su







Questo Articolo proviene da Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
http://www.esonet.it

L'URL per questa storia è:
http://www.esonet.it/modules.php?name=News&file=article&sid=869