Argomento:Arte ed Esoterismo


Documento senza titolo

La Loggia Madre

di Rudyard Kipling
traduzione a cura di Sidus

prodotto per Esonet.it


La Loggia Madre

 

The Mother Lodge

 

C'erano il Fratello Rundle, capostazione,

e Beazeley il ferroviere,

Ackman, il commissario

e Donkin che lavorava alle prigioni,

e Blake il sergente

che fu due volte Venerabile,

e poi il Fratello del negozio Europa,

il vecchio Framjee Eduljee.

There was Rundle, Station Master,

An' Beazeley of the Rail,

An' Ackman, Commissariat,

An' Donkin' o' the Jail;

An' Blake, Conductor- Sargent,

Our Master twice was 'e,

With ' im that kept the Europe-shop,

Old Framjee Eduljee.

Fuori si diceva: “Sergente! Sir! Salve! Salaam!”

e dentro “Fratello”, e non v'era nulla di male.

Ci incontravamo sulla Livella e ci lasciavamo sulla Squadra,

ed io sono stato Maestro Secondo Diacono

nella mia Loggia Madre, lontano laggiù!

Outside -- “Sergeant! Sir! Salute! Salaam!”

Inside -- “Brother”, an' it doesn't do no' arm.

We met upon the Level an' we parted on the Square,

An' I was Junior Deacon in my Mother-Lodge out there!

Avevamo Bola Nath, il ragioniere

e Saul, ebreo di Ade,

e Din Mohammed disegnatore del catasto;

c'era Babu Chuckerbutty,

e Amir Singh, il Sikh,

e il signor Castro il meccanico,

e cattolico romano!

We'd Bola Nath, Accountant,

An' Saul the Aden Jew,

An' Din Mohammed, draughtsman

Of the Survey Office too;

There was Babu Chuckerbutty,

An' Amir Singh the Sikh,

An' Castro from the fittin'-sheds,

The Roman Catholick !

Non avevamo belle insegne

e la nostra sede era vecchia e logora

ma avevamo in noi gli antichi Landmark

e li conoscevamo alla perfezione,

e vedendo le cose addietro

mi colpisce il fatto che

nessuna cosa attorno a noi era ‘infedele'

eccetto forse noi.

We ' adn't good regalia,

An' our Lodge was old an' bare,

But we knew the Ancient Landmarks,

An' we kep' 'em to a hair;

An' lookin' on it backwards

It often strikes me thus,

There ain't such things as infidels,

Excep', per'aps, it's us.

Ogni mese, dopo i Lavori,

ci sedevamo e fumavamo tutti

(e non facevamo cene

per non offendere il Fratello Lest ),

e da uomo a uomo parlavamo

degli dei e del resto,

ed ogni uomo raffrontando

il Dio che meglio conosceva.

For monthly, after Labour,

We'd all sit down and smoke

(We dursn't give no banquits,

Lest a Brother's caste were broke),

An' man on man got talkin'

Religion an' the rest,

An' every man comparin'

Of the God 'e knew the best.

E da uomo a uomo parlavamo

e nessun Fratello si agitava

fino all'alba, al risveglio degli uccelli

tropicali che più non ricordo  il nome;

e dicevamo che ciò era assai strano

e si tornava a casa per dormire

con Maometto, Dio, Shiva,

che facevano il cambio della guardia

nella nostra mente.

So man on man got talkin',

An' not a Brother stirred

Till mornin ' waked the parrots

An' that dam' brain-fever-bird;

We'd say 'twas ' ighly curious,

An' we'd all ride ' ome to bed,

With Mo'ammed, God, an' Shiva

Changin' pickets in our 'ead.

Spesso al servizio del governo

questi piedi erranti hanno improntato soglie

e portato saluti a Logge d'Oriente e d'Occidente,

assecondando gli ordini ricevuti,

da Kohat a Singapore,

ma come desidero rivedere

ancora una volta

i Fratelli della mia Loggia Madre!

Full oft on Guv'ment service

This rovin' foot 'ath pressed,

An' bore fraternal greetin's

To the Lodges east an' west,

Accordin' as commanded

From Kohat to Singapore,

But I wish that I might see them

In my Mother-Lodge once more!

Vorrei poterli ancora rivedere

i miei fratelli Neri e Scuri

con l'odore intenso dei sigari di laggiù

ed il fiammifero che passa da mano a mano

che li accende;

ed il vecchio maggiordomo

che forte russa sulla dispensa,

ed io Maestro rispettato

nella mia Loggia Madre ancora!

I wish that I might see them,

My Brethren black an' brown,

With the trichies smellin' pleasant

An' the hog-darn passin' down;

An' the old khansamah snorin'

On the bottle- khana floor,

Like a Master in good standing

With my Mother-Lodge once more!

Fuori si diceva: “Sergente! Sir ! Salve! Salaam!”

e dentro “Fratello”, e non v'era nulla di male.

Ci incontravamo sulla Livella e ci lasciavamo sulla Squadra,

ed io sono stato Maestro Secondo Diacono nella mia Loggia Madre, lontano laggiù!

Outside -- “Sergeant! Sir! Salute! Salaam!”

Inside -- “Brother”, an' it doesn't do no 'arm.

We met upon the Level an' we parted on the Square,

An' I was Junior Deacon in my Mother-Lodge out there!

 

torna su







Questo Articolo proviene da Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
http://www.esonet.it

L'URL per questa storia è:
http://www.esonet.it/modules.php?name=News&file=article&sid=912