Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Equilibramento e sintesi degli opposti || Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore || Felicità, la negazione del dolore || Il Dolore nell’Insegnamento iniziatico || Legge di Risposta Espansiva e Legge del Quattro Inferiore || Del senso pratico della Massoneria || Il risveglio dei centri || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /2.5 || Della qualità del consiglio |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: News da Esonet.com ::

:: ThePlanetarySystem ::

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


 
Imago Templi: Imago Templi /6.15
Argomento:Massoneria

MassoneriaIl Numero Cinque, simbolo dei Regni dell'Uomo

Il Cinque è l'espressione del Regno dell'Uomo in tutti i suoi attributi. Quindi, è l'espressione dell'Universo microcosmico contenuto nell'essenza stessa dell'Adamo terrestre.

Documento senza titolo

Imago Templi /6.15

di Athos A. Altomonte

© copyright by Esonet.it

 

Il Numero Cinque, simbolo dei Regni dell'Uomo.

Il Cinque è l'espressione del Regno dell'Uomo in tutti i suoi attributi. Quindi, è l'espressione dell'Universo microcosmico contenuto nell'essenza stessa dell'Adamo terrestre.

Nel senso più ampio, l'Iniziato Maggiore somma in sé nella propria manifestazione concreta, oltre che il proprio Regno anche tutti i precedenti. Ecco apparire i primi cinque significati:

Regno Minerale (lo scheletro), Regno Vegetale (gli umori), Regno Animale (la forma e le pulsioni istintuali), Regno Umano (il mentale inf. e la Psiche), Regno Super-Umano (lo Spirituale).

Il Cinque è la rappresentazione numerale del microcosmo uomo. Ma se è vero che rappresenta i 5 Regni di Natura ciò è limitato inizialmente solo all'Aspetto Forma della Materia da cui, quale "contenitore ultimo", esso è composto.

L'uomo quale "contenitore ultimo" dell'Universo microcosmico, contiene in sé non soltanto i diversi materiali necessari a quei piani di manifestazione, fisico, eterico, gassoso, super-eterico, elettrico, ma racchiude inoltre tutte le diverse energie che di quei materiali sono la Vita. Aspetti VII, VI, V, IV, III. Questo porta l'attento ricercatore, a scoprire il collegamento tra cinque dei Sette Aspetti Cosmici di cui i Logoi Planetari sono i trasmettitori, ed i primi cinque piani di manifestazione del microcosmo.

Rammentando sempre il precetto esoterico che, come vi sono Piani d'esistenza al di sopra dell'Uomo, ne esistono altrettanti a lui inferiori.

I rapporti nell'Universo uomo sono:

7° Aspetto
I Regno, Minerale
con il Corpo Fisico
(bioenergetico)
6° Aspetto
II Regno, Vegetale
con il Corpo Eterico
(eterico)
5° Aspetto
III Regno, Animale
con  il Corpo Astrale
(gassoso)
4° Aspetto
IV Regno, Umano
con il Corpo Mentale
(super-eterico)
3° Aspetto
V Regno, Umano al contatto col 5° Regno crea
il Corpo Mentale superiore
(elettrico)
Sephirà Da^ath, l'Abisso - che illumina la Forma
____________________________________________________________________________________________

(mutamento interiore di polarità energetica, la Trasformazione)
2° Aspetto
Regno Super-Umano
con il Corpo Animico
(subatomico)
1° Aspetto
Regno Spirituale
con il Corpo Monadico
(atomico)

qui inizia per l'Uomo, la Relazione con l'Universo reale, il Macrocosmo.

Ma se tutto questo è giusto nella regola generale, ha ingenerato in alcuni iniziati minori un grave errore d'interpretazione che molti poi hanno raccolto, costituendo così una pericolosa illusione di cui dobbiamo prendere coscienza.

Ed ecco che allora s'impone un'altra digressione al nostro percorso.

La Via Umida e la Via Secca; due tratti del Sentiero Iniziatico, dai Misteri Minori ai Misteri Maggiori.

All'inizio del paragrafo dedicato al Numero Cinque, si è voluto sottolineare come la Regola generale fosse applicabile all'Iniziato Maggiore e va ribadito, solo a Lui. Vediamo perché.

Come già affermato, i Misteri Minori come i Maggiori sono sovrapponibili nei loro argomenti, quello che cambia è necessariamente la qualità dell'essenza mentale dell'uomo, che consente una sempre maggiore penetrazione nei concetti sino al livello metafisico; senza il sostegno della mente razionale, ma solo nella compenetrazione della sfera intuitiva e del puro intelletto, la Veste della Triade.

La Forma Maschio-Femmina  umana secondo la Cosmogonia orientale, precede di molti millenni il concetto Adam-Evè ebraico della genesi biblica.

È comunemente accettato che la Forma Uomo ed i suoi attributi di istinti e passionalità, in altre parole la sfera del desiderio, appartengano al Regno Animale. Quindi lo sviluppo astrale della mente concreta, egocentrica e separativa, inondata d'impulsi che la spingono al soddisfacimento "razionale" di mete che compiano e gratifichino tutto ciò ch'è desiderato nei propri sogni personali, è per l'uomo influenzato da essa, ancora la Via Umida o Lunare. Comunque, l'iniziato si porterà presto a differenziarsi da quel livello, per costituire quello detto propriamente il Regno Umano, adombrato dalla forza della Psiche.

Affermare in questa fase, che l'uomo è dotato di Libero Arbitrio è un azzardo e comunque, l'affermazione non corrisponde alla realtà. L'uomo è ancora troppo condizionato dagli istinti inferiori del Mondo Astrale per essere in grado "di scegliere" a ragione ed in libertà. Lo stesso tanto decantato "innamoramento", è evidentemente troppo spesso condizionato al suo interno, dagli elementi biochimici di cui la Natura si serve per condizionarne "le scelte animali", per le proprie necessità di mantenimento delle specie in quantità ed in qualità.

La Forma e la sua mente fisica, è un contenitore ricettivo, umido e passivo.

Per questa considerazione le Scuole Iniziatiche indicano nella Forma, la parte Lunare e femminile dell'Umanità, senza rilevarne il sesso che di quella forma è solo un attributo.

Questa affermazione "ermetica" recepita male da uomini che a quelle Scuole e a quei gradi d'Istruzione evidentemente non ebbero mai accesso, ha maturato la comoda convinzione del "privilegio" solare, sugli altri, dei propri attributi di riproduzione maschili. Che oltre tutto sono gli stessi, in tutti i livelli della gerarchia del Regno Animale.

Questa interpretazione per ogni ricercatore e studioso, pare evidentemente intrisa dei remoti precetti delle religioni sessuali, legate alla divinizzazione del culto fallico, che la scienza non è ancora riuscita ad estirpare dalle credenze delle chiese e dagli uomini comuni.

Nel Simbolo del Pentalfa va distinta una prima fase che chiameremo, per attenerci alla Tradizione, di "Uomo Separato" (dal 5° Regno), , ovvero un'Ombra nell'Ordine.

Seguita da una seconda fase dove, per il reale mutamento della struttura mentale, l'Iniziato ha permesso il manifestarsi nella propria Forma (mentis), la presenza del 5° Regno.

Quell'Uomo, per il Potere (la Luce) dell'Ego, viene chiamato un "Uomo Integrato" (con il 5° Regno di Natura), , e diviene un Punto di Luce (o Luce) dell'Ordine.

Geometrizziamo con semplicità il concetto di Pentalfa Oscuro e di Pentalfa Luminoso.

Il Pentalfa Oscuro presenta al suo vertice l'astralità personale, se pur evoluta, dell'animale uomo e della sua mente non ancora illuminata dalla Triade. L'Uomo, ancora, Separato.

Questo significa che sta percorrendo la Via Umida lunare e passiva umana, espressione del predominio della Forma (la Coppa) e dei suoi attributi sulla Personalità (prigioniera della Forma); è il sepolcro imbiancato a cui si riferiva il Cristo parlando ai Farisei.

Alla costituzione del primo anche se debole "Ponte" con l'Ego, conseguente all'Opera d'Istruzione Esoterica, la Forma (mentis) lunare, inizia a sottostare all'azione, solare, dell'Ego.

E questa fase viene chiamata l'adombramento della Triade sulla Personalità.

In questo punto, il percorso dell'iniziato vela gravi pericoli.

La Via Umida
iniziando a seccarsi
per effetto della Luce,
emana vapore.
Questi produce nebbie e miasmi
in cui si perde il Viandante
che, privo della vista,
invoca una Guida,
che lo conduca
ad un rifugio sicuro
in cui trascorrere la notte.

.....................(della Forma)
.....................(dall'acqua che in Alchimia Spirituale è l'Elemento Astrale)
.....................(della Triade, il calore superiore dell'energia del Corpo Animico)
.....................(l'annebbiamento del Mondo di Chaos)
.....................(l'illusione dell'Elemento Acqueo o Astrale)
.....................(l'iniziato minore)
.....................(l'occhio interiore)
.....................(un Maestro)
.....................(lo istruisca)
.....................(la Veste dellaTriade)
.....................(la Vita tra due manifestazioni fisiche dell'Ego)

Questa è l'interpretazione corretta di un vecchio Catechismo d'Alchimia Spirituale che tratta di quei pericoli per l'iniziato.

Pericoli che come abbiamo compreso, sono da attribuire nei termini più consueti, all'annebbiamento mentale provocato dall'elemento personale e verticistico di quanto sino ad allora acquisito dalla mente concreta o dal desiderio dell'iniziato minore, di diversificarsi e superare i propri confratelli od ancora, dall'"errore di presumere" senza il riscontro ricevuto da un Fratello Maggiore, di aver raggiunto qualcosa o qualcuno nella sfera Iniziatica.

Ma vedremo più avanti in questo stesso capitolo, come questo può accadere.

Col calcare, metaforicamente, la Via Secca l'uomo interagendo concettualmente con il potere sintetico del Sé superiore crea quel "campo d'esperienze" chiamato, Corpo Mentale superiore.

Non possiamo perderci a questo punto, l'analogia con qualcosa avvenuto in quell'uomo molto addietro nei tempi.

Focalizzando la coscienza nel dialogo con gli istinti ed i desideri della sua natura inferiore, il Corpo Mentale dell'Uomo si era trovato a costituire quel "campo d'esperienze" chiamato Corpo Astrale attraverso il quale, trovano espressione quelle pulsioni di egocentrismo, curiosità, separatività, emotività, insicurezze, irrazionalità e così via.

Questa fase tipicamente di "branco" è sintomo dell'infanzia umana.

Nel dialogo, se così vogliamo dire, con il Sé superiore o Triade la coscienza, embrione dell'occhio interiore, distoglie l'attenzione dal veicolo inferiore e si focalizza su quel canale di ricezione, che l'Adepto Minore chiama "il Ponte" e che manifesta nella mente inferiore, le pulsioni di quell'Entità superiore.

È a questo punto, che il Corpo Mentale dell'Uomo costituisce l'altro "campo d'esperienze" definito Corpo Mentale superiore o Mente Astratta, attraverso il quale trovano espressione oltre che l'Idealismo Astratto ed inclusivo, anche i frutti della "conoscenza sintetica" assimilata dalle esperienze nel mondo inferiore e dall'interazione con il mondo superiore (sovramundano).

L'Uomo diviene allora un Iniziato  ed un tramite tra i mondi concreto e metafisico, essendo apparso al vertice del Pentalfa lo Spirito dell'Uomo, il 5° Regno di Natura o Mondo Spirituale.

A quanti domandavano a Leonardo da Vinci, perché disegnasse al centro del suo Labirinto un cerchio bianco  (il vuoto), egli rispondeva che se fosse passato di lì un Maestro (un Iniziato) ne avrebbe compreso pienamente il senso, senza che egli avesse nulla a che dire per aiutarlo; di contro, se fosse passato di lì uno sprovveduto, nulla l'avrebbe aiutato a comprendere quanto velato nell'opera sua.

Intendeva naturalmente l'Armonica della Geometria (il Suono silenzioso) occultata nelle forme delle sue opere, d'Artista e d'Architetto.

Ed a proposito del bianco e del vuoto, vorrei ricordare come inizialmente la Conoscenza dei Costruttori, Architetti ed Iniziati dei Templi, poggiava idealmente sul Libro delle Costituzioni Universali dell'Ordine nelle relazioni sacre tra Uomo-Tempio-Pianeta-Sistema Solare.

Le tracce più esplicite di quel Sistema Iniziatico Primitivo furono bruciate, come è noto, dal prete anglosassone Anderson e dai suoi accoliti, nel tentativo di occultare le origini universali della Massoneria e farla poi credere inglese.

Quel Libro fu sostituito nella Massoneria "cosiddetta" moderna sorta nell'Era Volgare, dalla Bibbia, uno, fra i testi riconosciuti sacri dagli uomini.

Questo in contrasto con la Regola: che un Iniziato lascia alle sue spalle ogni dottrina, culto e filosofia particolare, riconoscendoli ormai come linguaggi limitati e separativi, per aprire la propria coscienza all'influsso dell'Archetipo, da cui traggono anche origine, quelle interpretazioni minori.

Quel cambiamento fu anche fatto per convenienza politica; infatti il re inglese che per costituzione è il capo della loro Massoneria, è anche e forse di più, il protettore della Chiesa d'Inghilterra. Ma c'è d'aggiungere che per tutti i massoni che si riconoscono "sottoposti" al riconoscimento ed alla Patria Potestà di quella Comunione particolare, ponendola al di sopra del loro libero arbitrio d'Adepti, quel Capo e quella Chiesa divengono anche il loro Capo e la loro Chiesa.

In realtà l'Adepto Maggiore, nella Luce del proprio Libero Arbitrio (Spirituale), accetta di operare in ogni Comunione massonica come essa è, una parte del tutto. Per mantenere vivi e ben presenti in tutte quelle parti i Principi Universali di Fratellanza, di Saggezza, di Conoscenza e di Ricerca della Verità.

L'indicazione anglosassone fu prontamente raccolta, anche se non completamente, al di fuori dei confini di quel paese, anche per timore di reazioni delle autorità profane ed ecclesiastiche locali. Autorità quelle, che molti massoni desideravano compiacere e per le quali, in seguito, non esitarono a ricorrere alla delazione di Fratelli (!) e al tradimento dei Principi dell'Ordine.

Nulla di nuovo sotto il cielo (dei plebei).

Si perse in buona sostanza, anche il ricordo de Il Gran Libro di Natura, delle Leggi e delle Scienze collegate alla "Natura fisiologica" del Pianeta e di tutto quanto vive in Esso, trasmesse in occidente attraverso i Terapeuti.

Il Libro dei Sette Sigilli, Sette Sigilli, perché 7 sono le Energie o Aspetti, che dir si voglia, che giungono al Pianeta Terra (non ancora sacralizzato) dai 7 Pianeti Sacri o Luminari, e contiene con un particolare sistema di consultazione, tutte le Leggi del Sistema Solare.

Il Libro Bianco, che posto sull'ara dell'ultima Iniziazione, si mostra vuoto all'Iniziato ad indicare che per proseguire nella Via della Conoscenza e della Saggezza, egli deve da quel momento, avviarsi sulla Via interiore (ovvero alle tecniche della Via interiore).

 

 

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, è un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarà autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non è responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.19 Secondi