Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| la Stele dell'Inventario di Giza la “sindone” della Grande Piramide / 4 || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /3.1 || Iniziare a conoscere se stessi (nel bene e nel male) || La Stele dell'Inventario di Giza la “sindone” della Grande Piramide / 3 || Equilibramento e sintesi degli opposti || Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore || Felicità, la negazione del dolore || Il Dolore nell’Insegnamento iniziatico || Legge di Risposta Espansiva e Legge del Quattro Inferiore |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


:: 2 News da Esonet.com ::
·The Warrior unchanged in joy and in suffering
·Happiness, the negation of suffering
·Suffering in the initiatory Teaching
·The Journey through the Great Work /2.5
·World of Noise – World of Silence
·The Heroic Path
·The inner disciple
·Imago Templi / 6.17
·The Sensitive Sphere
·The Three Lights, the Four Castes and the Four Ages

Altro...

:: 2 The Planetary System ::
·Esteriorizzare la Gerarchia nell’Umanità
·Il Settimo Raggio dell’Ordine e Magia cerimoniale
·Segni del Cielo anno 2018 – 3° quarto di ciclo
·Arte dell’Educazione
·Il Sesto Raggio dell’Idealismo astratto e Devozione
·I Cicli del nuovo Gruppo dei Servitori del mondo
·Plenilunio in Gemini: l’Arte del Pensiero
·Educare alla Bellezza 2°
·Gemini 2018
·Il discobolo del pensiero

Altro...

 
SviluppoCoscienziale: Via della spada
Argomento:Domande e Risposte

Domande e Risposte…«Si può sopravvivere sul sentiero della conoscenza solo vivendo come un guerriero: “Perché l’arte del guerriero consiste nell’equilibrare il terrore dell’esser uomo con la meraviglia dell’esser uomo”».

Documento senza titolo

Via della spada

di Athos A. Altomonte

© copyright by Esonet.it

 

D: …«Si può sopravvivere sul sentiero della conoscenza solo vivendo come un guerriero: “Perché l’arte del guerriero consiste nell’equilibrare il terrore dell’esser uomo con la meraviglia dell’esser uomo”».

 

R: Ho esitato a lungo prima di risponderti, ero in dubbio se alludessi al male fisico o al male “interiore”. A ben guardare, non poteva che essere il secondo.

Caro amico, “dolore e solitudine” sono la condizione usuale del guerriero.

Chi è accettato nella Scuola dei Discepoli dalle “Vesti Rosse”, deve osservare il dovere “silenzioso”, imparando ad “attendere” il momento dell’azione.

Addestrarsi alla Via della Spada (1mo raggio) è duro. Le selezioni del Maestro sono severissime. Mai dure però, come quelle che in seguito, una volta solo, il guerriero pretende da sé stesso.

La Via della Spada non è un eufemismo, ma il suo è un significato letterale. S’incomincia col controllare il corpo e la mente “attraverso il respiro”. Poi, s’impara a tenersi fermi davanti alle emozioni, alle paure, ai dolori. Che bisogna apprendere come annullare, non sfuggendole, ma frequentando dolore e paura il più spesso possibile.

Come diceva Assagioli, questa è la via dove il Novizio si mette volontariamente in crisi continue. Con azioni volontarie che “rafforzano” ed allontanano sempre più la loro soglia. Se pur rafforzando la “resistenza” la soglia di crisi viene spostata sempre più avanti, bisogna continuare ad inseguirla, per poter mettere in atto una nuova crisi... e così via.

Questa è la via della resistenza al dolore. Bisogna conoscere il dolore, affinché diventi la “Pietra” su cui affilare la spada, per renderla finissima e tagliente. Come la carota viene messa davanti al muso del somaro per farlo avanzare, spostare sempre più avanti la propria soglia di crisi, costringe chi calca la via della spada a salire, nell’intento di raggiungerla per poi superarla di nuovo.

Questo metodo non è intrapreso per evitare i disagi, tanto meno viene praticato per nascondere le proprie debolezze che, anzi, si vuole “trovare ed affrontare”. Perciò, l’autocritica è il primo strumento del Novizio.

Ma cosa deve affrontare il guerriero? Gli altri? Se stesso?

Pure, ma il vero combattimento è quello ch’egli ingaggia con il proprio Guardiano della Soglia. Solo dopo aver “duellato” con il Guardiano della Soglia, essendo certi di saperlo fronteggiare per aver sostenuto più volte i suoi assalti, solo allora si è pronti al vero combattimento.

La battaglia per cui s’addestrano i Discepoli dalle Vesti Rosse è quella contro le forze della Gran Loggia Nera. Sentendosi pronti ad ingaggiare battaglia anche da soli, con il solo ausilio della “spada fiammeggiante”.

Fraternamente  

 

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, è un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarà autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non è responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.22 Secondi