Benvenuti su Esonet.it-Pagine scelte di Esoterismo
------| Il Guerriero, impassibile nella gioia e nel dolore || Felicità, la negazione del dolore || Il Dolore nell’Insegnamento iniziatico || Legge di Risposta Espansiva e Legge del Quattro Inferiore || Del senso pratico della Massoneria || Il risveglio dei centri || Il Viaggio attraverso la Grande Opera /2.5 || Della qualità del consiglio || Avere coscienza di cosa si vuole |------
 HOME :: ARGOMENTI :: CATEGORIE :: GALLERIA :: LINKS :: CHI SIAMO :: CONTATTI :: CERCA  
:: ... ad Athos ::
Documento senza titolo

:: News da Esonet.com ::

:: ThePlanetarySystem ::

:: Primo Rotolo ::



Per visitare il
Primo Rotolo
clicca qui


 
Sui Chakra: Pulire i chakra
Argomento:Alchimia del Fuoco

Alchimia del FuocoPrologo - Derivazione storica - Significato rituale - Il metodo - Punti dove si dirigere l'azione - Il potere dello strumento psichico - La ragione fisica è solo l'ombra della mente illuminata dall'anima

Tradizioni devozionali credono di “mondare” le macchie delle colpe con la mortificazione, il pentimento e la preghiera. Tradizioni iniziatiche confidano in prassi particolari per “lavare” i chakra e alleggerire, così, le negatività karmiche. Questo saggio illustra due metodi per attuare il “lavacro interiore”.

Documento senza titolo

Pulire i chakra

di Athos A. Altomonte

© copyright by Esonet.it


Sommario: Prologo - Derivazione storica - Significato rituale - Il metodo - Punti dove si dirigere l'azione - Il potere dello strumento psichico - La ragione fisica è solo l'ombra della mente illuminata dall'anima

 

Prologo

Tradizioni devozionali credono di “mondare” le macchie delle colpe con la mortificazione, il pentimento e la preghiera. Tradizioni iniziatiche confidano in prassi particolari per “lavare” i chakra e alleggerire, così, le negatività karmiche. Questo saggio illustra due metodi per attuare il “lavacro interiore”.

Il battesimo dell'acqua, è una prassi che può ripetersi ogni volta lo si ritenga necessario. Anche più volte al giorno. La visualizzazione utilizza l'elemento acqua per spingere l'energia mentale a “purificare” i centri del corpo astrale.

Il battesimo del fuoco, può essere ripetuto, ma con minore frequenza, perchè produce effetti maggiori su chi la usa. La visualizzazione utilizza il potere catalizzante dell'elemento fuoco per produrre la luce interiore che, una volta spinta nella direzione voluta, brucia le scorie nel corpo eterico. L'efficacia dei metodi di purificazione, però, non dipendono tanto dal metodo quanto dalla forza di chi lo usa. Perciò, più che dell'esercizio, l'operatore dovrebbe preoccuparsi di coltivare la propria volontà. Tra i metodi di purificazione, abbiamo optato per il Lavacro Rituale, perchè privo di controindicazioni anche senza preparazione specifica.

 

Derivazione storica

Nella tradizione di una saggezza pre-diluviana, ogni popolo conserva la memoria d'una immane catastrofe naturale, i cui sopravvissuti rimasero depositari di saggezze precedenti la catastrofe. Così, i frammenti di saggezza salvate dalle acque divennero il fondamento dei cosiddetti “Misteri iniziatici”*.

La denominazione di salvati dalle acque fu mantenuta dagli iniziati a quella saggezza (v. il mito di Mosè). Ma in seguito anche le guide spirituali divennero «salvati dalle acque».

La decifrazione di questa denominazione, non è tanto quella dell'acqua usata nei rituali evocativi, quando la sua correlazione al principio saggezza, illuminazione o gnosi, che salva l'uomo dall'oscurità della condizione materiale.

__________

* «...in ogni Opera d'Arte vi sono sempre 4 significati, il letterale, l'allegorico, il morale e l'anagogico (greco anà-ago: conduco in alto) …» Dante Alighieri, Convivio, Tomo II

Nei “Misteri”, le metafore erano utilizzate per rivelare (velare due volte) i segreti iniziatici da sguardi indiscreti. Anche i 4 elementi di natura sottostanno alle regola, ed anche loro hanno un significato per ogni livello iniziatico.

Il significato allegorico racconta di 4 elementi di natura nell'uomo: «le ossa corrispondono al minerale, la terra»; «le linfe organiche corrispondono all'acqua»; «il pensiero corrisponde all'aria»; «lo spirito corrisponde al fuoco». Per cui:

la Terra crea e ri-crea le fogge fisiche;

l'Acqua genera e ri-genera i fluidi energetici;

l'Aria struttura e ri-struttura le forme energetiche (anche il prana), in quanto trasmette all'essere mortale il tono ed timbro del suono interiore che sono le caratteristiche fisiche dell'anima;

il Fuoco svela e ri-vela nell'essere mortale l'energia del Logos solare. Il livello superiore interpreta in queste funzioni la misteriosa combinazione di uomo fisico e Uomo spirituale.
__________

 

Significato rituale

L'acqua è usata nelle cerimonie di accettazione per mondare il postulante dalle foschie del passato, ponendolo nella speranza di una luce a venire. Senza il concorso di una volontà dinamica e cosciente, il lavacro rituale resta un atto simbolico che afferma una speranza. Riproducendo, cioè, uno stato di purificazione ideale ma non reale*.

__________

* Il gesto dell'officiante sovrasta la volontà del recepente, che durante il cerimoniale si pone in atteggiamento sottomesso e psichicamente inerte. Nulla gli è richiesto se non la sua accettazione, anche inconsapevole. Ma così facendo nulla si modifica della sua struttura interiore.
__________

 

Con il concorso della volontà il mezzo può raggiunge lo scopo. Anche per la purificazione l'intenzione morale è un aspetto fondamentale ma non definitivo. Serve il dinamismo mentale per cogliere il traguardo.

La volontà si serve della visualizzazione, e più questa è nitida più la sua spinta diventa efficace. L'atto di volontà è la continuazione di un atteggiamento psichicamente attivo , capace di catalizzare energia attraverso la visualizzazione.

Il metodo più semplice di rigenerare i centri energetici è quello di muovere mentalmente l'effetto dell'acqua. Nel descrivere il metodo sorvoleremo sui criteri della mistica, che non ci sembra materia di sperimentazione. Per correttezza di cronaca diremo solo che nel concetto mistico l'acqua è l'aspetto eterico riflettente che, seguendo determinati canoni di visualizzazione, può riflettere interiormente la luce spirituale. Ci limiteremo, perciò, all'aspetto pratico del sistema che auspichiamo il lettore possa raggiungere da solo.

 

Il metodo

Nell'antichità ci si avvaleva del getto di una cascatella naturale di acqua. Oggi consigliamo l'uso più pratico di una doccia calda.

Per lavorare con il getto d'acqua sulla parte anteriore del corpo, si resta in piedi, in posizione eretta o leggermente obliqui, così da appoggiare spalle o glutei alla parete. Quando si passerà a lavorare sul dorso, si potrà fare perno sulla fronte, poggiata sulla parete. Così, di volta in volta si farà arrivare il getto d'acqua sui punti desiderati. Di cui illustriamo la collocazione.

Si comincerà col concentrare il getto sul centro posto alla sommità del capo, discendendo fino a percorrere con l'acqua i gangli energetici inferiori. Lavandoli sia davanti che di dietro.

Concentrando il getto d'acqua, punto dopo punto s'inizierà a visualizzare il centro che apparirà come un'apertura dalla forma circolare. Con l'esperienza si passerà dal sentire il chakra al vederlo. Visualizzando che l'apertura è come una fonte sotterranea da cui fuoriesce liquido. Che all'inizio sarà scuro come inchiostro annacquato dall'acqua.

Durante tutta il lavaggio ci si manterrà mentalmente attivi, evitando lo stato di trance (estremo rilassamento) concorrendo con attenzione all'effetto trascinante, e pulente dell'acqua: spingendo per espellere i sedimenti che fuoriescono dall'orifizio.

Il sudiciume astrale colora di scuro l'acqua, che col passare dei minuti passerà dallo scuro al bruno ad una graduazione sempre più chiara. Finché, quella tonalità diverrà appena percettibile nel flusso dell'acqua che trascina il colore con sé, lungo il corpo, sino a sparire giù per lo scarico.

Una volta disperso, il colore scuro verrà sostituito dalla fuoriuscita di colore rosso sangue, che si visualizzerà sgorgante come da una polla sorgiva dal centro energetico su cui ci si sta concentrando.

Il rosso è il colore della vitalità animale (il sangue è l'impronta fisica dell'anima). E la sua comparsa significa che espulso il sudiciume di superficie, si è cominciato ad agire sulla parte mediana del centro energetico. Ma con lo scorrere dell'acqua anche questo colore sbiadirà, sostituito da un colore rosato, via via sempre più tenue, sino a che scaturirà un colore bianco denso e lattiginoso.

Come per le tonalità precedenti, anche il bianco latte diverrà sempre più scolorito, sino a che non resterà che lo scorrere di acqua trasparente. Ch'è il segnale che quanto si doveva espellere si è esaurito e che il lavacro può essere sospeso.

Un elemento importante da ricordare è che durante tutta l'operazione (la cui durata è soggettiva), si vorrà che l'acqua abbia un effetto trascinante anche sulla sporcizia energetica di tutto il resto della superficie corporea. Infatti, pur se diretta di punto in punto, l'acqua nel suo tragitto continua a fluire lungo il resto del corpo, trascinando con sé tutta l'energia sedimentata nell'epidermide.

Con l'esperienza aumenterà anche l'efficacia della visualizzazione e aumentando la capacità, aumenterà pure l'effetto della mente sull'emotività e sul corpo.

La frase che riassume l'effetto è di espellere la negatività attraverso la traspirazione energetica. In altre parole, si “osserva” trasudare o traspirare la negatività, che viene espulsa attraverso i centri energetici. Usando la volontà come mezzo propulsore per concretizzare il pensiero.

 

Punti dove si dirigere l'azione

Testa, centri maggiori*: centro alla sommità del capo (fontanella), centro della fronte, centro della gola (pomo d'Adamo).

Centri minori: occhi (per ciò che si è visto), narici (per ciò che si è odorato), orecchie (per ciò che si è udito), bocca (per ciò che si è detto).

Effetto trascinamento: fronte, nuca, collo, spalle, petto e dorso sottostante il collo.

 

Busto, centri maggiori: centro posto tra le scapole, radice del centro cardiaco all'epicentro del dorso ed il suo apice posto al centro del petto, più in basso, il plesso solare.

 

Arti superiori: centri sulle palme delle mani e falangi delle dita.

Effetto trascinamento: braccio e avambraccio.

 

Addome, centri maggiori: centro lombo sacrale, genitali.

Centri minori: fegato e milza.

Effetto trascinamento: cosce e glutei.

 

Arti inferiori: centri nelle piante dei piedi.

Centri minori: dita dei piedi.

Effetto trascinamento: cosce, glutei, bicipiti femorali, polpacci, caviglie e dorso dei piedi.

__________

* Questa è una traccia dei centri della fisiologia occulta dell'uomo. I centri vitali sono molti di più: 12 solo nella testa. Ed il Numero 12 dei centri della testa possono indirizzare la ricerca verso l'astrologia esoterica che, all'opposto di quella exoterica, si svolge nel cielo interiore dell'uomo.
__________

 

L'uso di questo metodo potrà lasciare una piacevole spossatezza e un leggero stordimento. Ma nel tempo, l'uso ritmico manifesterà solo i vantaggi di una risposta fisica che s'accompagna alla limpidezza mentale, all'approccio intuitivo ed alla serenità interiore. Elementi che forniranno il giusto approccio per conoscere se stessi.

 

Il potere dello strumento psichico

Molti credono che il potere di uno strumento rituale risieda nello strumento stesso, ma non è vero. Il potere dello strumento deriva dalla potenza mentale, o spirituale di chi li usa.

Molti vanno alla ricerca del magico, del sacro e del divino cercandoli in mezzi fisici. Il fuoco di candele o bracieri, specchi, cristalli, pentacoli, o formule di antiche cabale. Lasciandosi incantare da musiche e canti, profumi e colori. Tutto questo è astralità. Attraverso i mezzi fisici si trova solo l'illusione del sacro e del divino. Lo strumento Magico è celato nella mente dell'uomo. Vero strumento della coscienza e della sua anima, la mente può costruire o distruggere i mondi del pensiero, facendo sorgere o cadere sogni e immaginazioni. La mente (che non è il cervello) apre o chiude le porte al malefizio, così come apre o chiude le porte al benefizio. La cecità della mente relega l'uomo nel buio della fisicità, ma aprirsi al suo potere può farne uno spirito libero che si libra nel cielo.

 

La ragione fisica è solo l'ombra della mente illuminata dall'anima

Libertà di scelta

Il pensiero è il più pericoloso e meraviglioso dono degli “Dei”. Pericoloso se la ragione crede nella forza delle proprie scelte. Libertà che, come una benda sugli occhi, lo rende inconsapevole di quanto sceglie.

Libero Arbitrio

Eppure, liberando la mente dall'angusto guscio della ragione, l'uomo fa cadere la benda della natura animale che copre gli occhi, conquistandosi il Libero Arbitrio, ch'è lo specchio dell'anima.  

 

torna su



 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile     Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

Argomenti Correlati

Alchimia

 
Home :: Argomenti :: Cerca :: Galleria Immagini :: ESONET.COM English website

Esonet.it - Pagine Scelte d’Esoterismo, è un osservatorio qualificato ad analizzare i movimenti di coscienza legati alle tradizioni misteriche, mistiche e devozionali
[ Chi siamo ] - [ Disclaimer ] - [ Termini d'uso ] - [ Crediti ]

© 2005-2007 by Esonet.it Tutti i diritti riservati. La riproduzione degli articoli in www.esonet.it sarà autorizzata solo se il richiedente risulta accreditato.
Esonet non è responsabile in alcun modo per i contenuti del siti ad esso linkati. Tutti i loghi ed i marchi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari. Immagini, loghi, contenuti e design sono © copyright by Esonet.it - Powered by
Adriano Nardi

Generazione pagina: 0.15 Secondi