Capire il servizio

Domande e RisposteChe cosa intende l’autore con la frase : « il pane della Terra e la Conoscenza si manifestano solo nella cooperazione …»?

Capire il servizio

di Athos A. Altomonte

D: Che cosa intende l’autore con la frase: «il pane della Terra e la Conoscenza si manifestano solo nella cooperazione…»?

R: La frase «il pane della Terra e la Conoscenza si manifestano solo nella cooperazione …», letta da un aspirante e, perciò, interpretata in modo letterale (lettera morta) potrebbe essere fuorviante. Infatti, se ne dovrebbero conoscere i principi occulti.

Il servizio (a benefizio dell’umanità) nasce sì dalla cooperazione iniziatica, ma qual è la sua caratteristica? Non è certo la mistificazione devozionale dell’adorazione d’immagini, di foto di santi o maestri o l’uso d’incensi che, piuttosto, contraddistinguono i culti della personalità e l’idolatria.

Cosa non è servizio

Il servizio non è quello che piace ma quello che si dovrebbe fare per seguire i canoni di un progetto che può anche non essere del tutto chiaro all’aspirante, che poco sa e quindi poco capisce. (vedi A proposito della coscienza umana)

Questo definisce i contorni del concetto.

Il servizio non nasce per istinto da moti individualistici, o da parole, concetti o pareri personali.

A scanso di equivoci va rimarcato che il dovere degli aspiranti è quello di aspirare a cooperare. Ma alle linee guida di un progetto superiore che gli permetta d’imparare a crescere interiormente, sviluppando potenzialità latenti che non sono quelle usate nel lavoro e nella vita ordinaria.

E ciò esclude ogni genere di spontaneismo e di autogestione. Aspetti che in campo iniziatico dipendono da menti orgogliose oltre che ignoranti.

Cosa è il servizio

La cooperazione iniziatica non è una “libera cooperazione”, perchè di libero c’è soltanto la volontarietà dell’adesione al servizio, la cui ideazione è sempre regolata da cause maggiori che nulla hanno a che vedere con il piacere dell’operatore. E su questo precetto dovrebbero meditare aspiranti ed apprendisti.

La causa maggiore può diventare fonte del “progetto” di una guida, un istruttore, o un comunicatore che abbia raggiunta la terza iniziazione. O più, naturalmente.

E questo non è un “dettaglio” da poco.

Posto in quest’ ottica, è chiaro che la cooperazione iniziatica sia qualcosa di diverso dall’associazione di menti e coscienze fisiche. La cooperazione è soprattutto disciplina e obbedienza al servizio ed alle sue fonti.

torna su